Champions League ROMA

Champions League, i 23 convocati nella lista UEFA

CHAMPIONS LEAGUE

La Roma, tramite il sito ufficiale, ha presentato alla UEFA la lista dei 23 calciatori che potranno prendere parte alla fase a gironi di Champions League.

Gli uomini di Di Francesco saranno impegnati nel Gruppo C insieme a Chelsea, Atletico Madrid e Qarabag, con la prima gara della manifestazione che vedrà impegnati i giallorossi il 12 settembre all’Olimpico contro gli spagnoli dell’Atletico.

Qui di seguito l’elenco dei 23 giallorossi:

ABDULLAHI Nura

BECKER Alisson Ramses

DA SILVA PERES Bruno

DEFREL Gregoire Andre

DE ROSSI Daniele

DZEKO Edin

EL SHAARAWY Stephan

FAZIO Federico Julian

FLORENZI Alessandro

GONALONS Maxime

KARSDORP Rick

KOLAROV Aleksandar

MANOLAS Konstantinos

MORENO HERRERA Hector Alfredo

NAINGGOLAN Radja

NUNES JESUS Juan Guilherme

PEROTTI ALMEIRA Diego

PELLEGRINI Lorenzo

SANTOS DA SILVA Gerson

SCHICK Patrik

SKORUPSKI Lucasz

STROOTMAN Kevin Johannes

UNDER Cengiz

“Schick è indietro”

Roma: Di Francesco “Schick è indietro”

Roma: Di Francesco "Schick è indietro"

“E’ stata una serata unica. Vedere in campo chi è sopravvissuto a una tragedia come quella, e fare anche gol, è stata una gioia immensa, un’emozione che terrò stretta tra i miei ricordi”. Così Eusebio Di Francesco dopo l’amichevole vinta per 4-1 dalla sua Roma allo stadio Olimpico contro la Chapecoense. Il tecnico giallorosso si è soffermato poi sul rientrante Florenzi e sul debuttante Schick. “Alessandro si sta allenando benissimo. Sono molto soddisfatto. Schick deve mettere nelle gambe tanta tanta benzina”. Riguardo alla lista Uefa, infine, Di Francesco ha anticipato l’esclusione di Emerson. “È un giocatore che rientrerà verso novembre e quindi potrebbe essere lui quello sacrificato. La lista dovrebbe essere quindi così composta: portieri Alisson e Skorupski, difensori Juan Jesus, Fazio, Manolas, Moreno, Kolarov, Karsdorp, Bruno Peres, centrocampisti Nainggolan, De Rossi, Gonalons, Strootman, Pellegrini, Florenzi, Gerson, attaccanti Dzeko, Schick, Defrel, Perotti, El Shaarawy e Under.

ANSA 02-09-2017 00:00

LA PENNA DEGLI ALTRI

Florenzi è già pronto, Schick ancora no

img_8405

IL MESSAGGERO (M. FERRETTI) – C’era curiosità, tanta curiosità, per vedere in azione  dopo due crociati e Schick dopo un assegno da 42 milioni di euro. Ale in campo dal primo minuto con la fascia di capitano al braccio; Patrik in panchina, accanto a  esterno a destra, un po’ centrocampista e un po’ anche terzino: una semplice prova o un indizio per il futuro? Lo scopriremo solo vivendo, senza dimenticare che Ale in quella posizione ha già giocato, e pure bene. Interessava, però, verificare soprattutto la sua condizione atletica (e mentale) dopo il lungo, doppio stop e il test, durato 75minuti, può essere considerato positivo: buona gamba, zero paura e tanta determinazione. Un titolare ritrovato, oltre che un (altro) cecchino dal dischetto. Schick, probabilmente il più atteso, è entrato in campo a metà ripresa, in compagnia di tanti ragazzini della Primavera. E in una squadra ormai piuttosto approssimativa. Il ceco si è piazzato al centro per azionare a trecentosessanta gradi il suo delizioso sinistro. , considerati i compagni che gli ha fatto trovare accanto, probabilmente ha voluto soltanto fargli fare una sgambata nel suo nuovo stadio, dato che, a quel punto della gara, non c’era più un filo (tattico) logico. Patrik comunque si è mosso con disinvoltura, ma la sua prestazione non può essere giudicata in maniera compiuta. Le poche giocate che ha fatto, sono state di qualità.Ma non c’era bisogno della partita contro la Chapecoense per rendersene conto. Se mai, ha bisogno di migliorare, e neppure poco, la sua condizione. Si sapeva anche questo, però.