Roma, dopo 7 anni ecco i tre punti

Screenshot_2017-09-03-08-07-35_1

Roma, dopo 7 anni ecco i tre punti in una trasferta Champions: 2 a 1 al Qarabag

I giallorossi vincono facendo il minimo indispensabile e giocando un secondo tempo sotto tono. Sfatato il tabù trasferta, ma contro il Milan servirà tutt’altra prestazione

BAKU – Quarta vittoria consecutiva per la Roma, questa volta in Europa contro un Qarabag nettamente inferiore ma che ha creato più difficoltà del previsto ai giallorossi. Due reti in avvio di gara con Manolas e Dzeko, poi poche altre occasioni per la squadra giallorossa che ha portato a casa i tre punti e sfatato il tabù trasferta che durava da sette anni facendo il minimo indispensabile.

100 IN CHAMPIONS – Altri cinque cambi per Di Francesco rispetto alla gara contro l’Udinese: spazio stavolta a Peres, Pellegrini, Jesus, Defrel e Gonalons. Il turnover ha pagato anche in questa occasione, ad eccezione del centrocampista francese che ha trovato più di una difficoltà per la marcatura a uomo degli azeri in fase di impostazione del gioco. Così dopo il doppio vantaggio della Roma grazie a Manolas e Dzeko (che ha segnato il centesimo gol della squadra capitolina nella moderna Champions League, preliminari esclusi), è stato proprio il francese a concedere nel primo tempo il gol al Qarabag, con una disattenzione al limite dell’area di Alisson che ha portato al gol di Pedro Henrique.

SPINTA AZERA – Un Qarabag più offensivo all’ingresso in campo nel secondo tempo, la spinta degli azeri ha messo in difficoltà la Roma in mancanza del filtro De Rossi e con un Gonalons che ha faticato a trovare le misure a centrocampo. L’ingresso in campo di Florenzi al posto di Defrel e proprio del capitano giallorosso hanno aiutato la squadra di Di Francesco ad allungarsi e a sfruttare maggiormente le fasce in fase di spinta, oltre che a coprire il reparto arretrato. Una difesa che ha visto nel secondo tempo Kolarov in difficoltà: il 31enne serbo ha disputato tutte le gare da inizio stagione, venendo sostituito solamente nell’ultimo quarto d’ora della gara contro i friulani. La Roma ha in ogni caso portato a casa i tre punti svolgendo il compitino in una gara che avrebbe potuto vincere senza problemi solo alzando i ritmi e mostrando maggiore qualità nel gioco. La testa ora va al Milan, una squadra in crisi e che avrà voglia di rivalsa: una partita a San Siro da affrontare in tutt’altro modo.

Probabili formazioni

wp-image-329469551

ROMA (4-3-3): 1 Alisson; 25 Peres, 44 Manolas, 5 Jesus, 11 Kolarov; 7 Pellegrini, 21 Gonalons, 4 Nainggolan; 23 Defrel, 9 Dzeko, 92 El Shaarawy.
A disp.: 28 Skorupski, 24 Florenzi, 20 Fazio, 6 Strootman, 16 De Rossi, 30 Gerson, 17 Under.
All.: Di Francesco.

La tifosa F. Ceci

Delicato pensiero della nostra amica

Francesca Ceci
“Lascio questa fascia e mò che è tutto spento sento ancora l’eco: Maledetto tempo”.
Perché tifare la #Roma non è semplicemente sostenere una squadra. Tifare la Roma è un modo di vivere: la certezza di aver vinto poco perché la nostra vittoria è stata, da sempre, volerci bene insieme a quella fierezza, forse assurda, di non aver mai ceduto alla realtà, credendo ostinatamente a un sogno, professando poesia quando gli altri si consegnavano alla prosa. 

Auguri #Capitano.

MESSAGGIO DEL CAPITANO

FB_IMG_1496785228441

È passato un anno da quando ho deciso di aprire i miei social. Volevo stare vicino ai miei tifosi, sentire il vostro affetto, far sentire la mia voce, raccontarvi qualcosa di mio. È andata molto meglio di quanto mi aspettassi: mi avete riempito di messaggi, mi avete trasmesso le vostre emozioni, ho toccato con mano il vostro amore e mi state aiutando ad affrontare questa nuova tappa della mia vita.
Grazie a tutti voi per gli auguri di compleanno e per avermi regalato così tante gioie ed emozioni.

Totti. Il primo senza la Roma

Screenshot_2017-09-03-08-07-35_1

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

Buon compleanno Totti. Il primo senza la Roma

 – Le tv di mezzo mondo lo cercano, la Roma ha preparato auguri sui social e in tv, i tifosi gli hanno dedicato il classico striscione al Colosseo (mentre qualche detrattore ha colto l’occasione per imbrattare ancora il suo murale a Monti), lui ha scelto di festeggiare il primo compleanno da dirigente insieme agli affetti più cari. Francesco Totti, oggi 41 anni, trascorrerà la giornata con Ilary, Cristian, Chanel, Isabel e i familiari e gli amici più stretti. Salvo sorprese, eventualmente organizzate dalla moglie, non si regalerà luci e riflettori.

RITORNO IN CAMPO – Per la ribalta vera, appuntamento a venerdì quando, via Milano, sarà a Tbilisi per una partita di sport e solidarietà organizzata dall’ex milanista Kaladze, candidato sindaco della capitale della Georgia. Insieme a Toni, Zanetti e tanti altri big del calcio, Totti tornerà in campo per la prima volta dal 28 maggio e non è un caso, forse, che lo faccia a migliaia di chilometri da Roma. Per l’occasione si è preparato: è più attento all’alimentazione, lavora con un personal trainer, si allena in palestra da solo quando è con la squadra. In attesa di definire nei dettagli, anche formalmente, il suo ruolo nella Roma, Francesco lavora a stretto contatto con Monchi, pranza spesso insieme a Bruno Conti, sta prendendo il patentino Uefa B da allenatore, segue gli allenamenti di Cristian, ogni lunedì è a Cinecittà per stare accanto alla moglie che conduce il Grande Fratello Vip e cerca di costruirsi, mattone dopo mattone, il futuro.

TRA PALCO E REALTÀ – Per ora, non si fa attrarre dalle luci della ribalta: in tanti, da Verdone a Edoardo Leo fino a due canali arabi, vorrebbero dedicargli un film(esistono immagini inedite del 28 maggio), Sky è pronta ad offrirgli ponti d’oro per affidargli con Del Piero il ruolo di testimonial Mondiale e il suo amico Baglioni farebbe lo stesso per averlo, in coppia con Ilary, a Sanremo. Lui è disposto ad ascoltare qualsiasi proposta, ma la sensazione è che alla fine darà retta al cuore. Lo ha fatto sempre, anche due giorni fa, quando ha chiesto di poter festeggiare a casa un compleanno così particolare.

FONTE    LA GAZZETTA DELLO SPORT – ZUCCHELLI