Roma, gambe o testa? Dati fisici al top.

DiFra non si tocca, sms ai giocatori: non avete alibi

Alla squadra è stato chiesto di risalire dal quinto posto nel quale ora si ritrova. Monchi sul tecnico: “Non è neppure un tema

Neppure lo straccio di un alibi: al 5° posto siete finiti, dal 5° dovete risalire. E non valga la scusa della gambe che non girano, della preparazione estiva che ha portato i frutti sperati, dello scarso feeling con il tecnico. Non conta niente. Anzi sì, una cosa conta: la testa. È tutto lì, è il comando che blocca il motore della Roma il problema. Il messaggio che arriva da Trigoria, anche alla luce del meeting tra i quadri dirigenziali del club e la stampa, è chiaro. E a certificarlo sono anche i recentissimi dati fisici, che hanno messo in mostra una squadra con numeri in evidente crescita dal punto di vista atletico.
Come riporta l’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport” le gambe girano, altrimenti la Roma non avrebbe chiuso in crescendo la partita di Genova e giocato decisamente meglio all’Olimpico la seconda parte del match con la Samp, piuttosto che la prima. A Trigoria sono convinti che il guaio del momento attuale della squadra sia soprattutto mentale. Nessun alibi, dunque. Neppure quello legato al mercato: la crisi della Roma è iniziata ben prima delle voci legate alle trattative Nainggolan e Dzeko. O di quelle per Manolas ed El Shaarawy, anche loro oggetto di attenzioni. Zero, alibi ai giocatori. Neppure quello legato alla posizione di Eusebio Di Francesco, a proposito del quale Monchi è stato netto: “Quello dell’allenatore non è un tema”. Non si discute neppure.
È chiaro che a lunga scadenza una mancata qualificazione in Champions graverebbe anche sulle spalle dell’allenatore. Ma in fondo peserebbe ancor di più su quelle dei giocatori, cioè sul loro futuro. In discussione ci sono potenzialmente tutti. La conquista o meno del quarto posto inciderebbe di più sul bilancio al 2019 che su quello da chiudere nel giugno prossimo, ma è naturale immaginare che il processo di rinnovamento potrebbe essere anticipato. Il messaggio, in fondo, è quello che un giorno l’ex d.s. Walter Sabatini mise tra virgolette: “Non affezionatevi ai calciatori”. Poco romantico, è vero. Ma strada obbligata per gli uomini di Pallotta, a meno di non votarsi a una drastica riduzione del monte ingaggi. Ergo: guai a stupirsi di altri movimenti in uscita entro il 30 giugno. Resta solo complicato trovare quel grigio tra l’esaltazione e la depressione. Resterà la Roma, col suo viavai costruito per entrare almeno tra le prime quattro. Le possibilità ci sono tutte, le gambe girano pure. È la connessione (con la testa) che non va il problema.

FONTE          (D. Stoppini – M. Cecchini)

Mercato Roma, la Juventus insiste per Pellegrini

Secondo Tuttosport la società bianconera avrebbe sfruttato la sessione invernale per prenotare quattro acquisti per l’estate: insieme a Darmian, Han ed Emre Can c’è il talento giallorosso

Non si fermano le voci che vedono la Juventus fortemente interessata all’acquisto di Lorenzo Pellegrini. Sul giallorosso, rientrato in estate dal Sassuolo grazie ad diritto di recompra esercitato da Monchi e sul quale pende una clausola rescissoria variabile tra i 25 ed i 28 milioni, da tempo c’è l’interesse di Marotta e Paratici, che lo vedono come un rinforzo perfetto per rapporto qualità/prezzo. Secondo quanto riporta “Tuttosport” in prima pagina, i bianconeri, apparentemente fermi sul mercato in questa sessione invernale, avrebbero in realtà preparato quattro colpi da chiudere in estate: oltre ad Handel Cagliari, Darmian del Manchester United e Emre Can del Liverpool, c’è anche Pellegrini. Alla base di questo interesse ci sarebbero il livello tecnico dell’ex Sassuolo e la sua funzionalità tattica, oltre agli importanti margini di miglioramento.

FONTE         TUTTOSPORT

Nuovo striscione contro la Roma:

 “Giocatori indegni, presidente spia. Ora basta, andate via” –
 

La squadra è in crisi e i tifosi non ci stanno: ancora proteste per il momento negativo dei giallorossi. Il messaggio stavolta in viale dei Romanisti….

Non si ferma la crisi della Roma, incapace di vincere da sette partite ufficiali tra campionato e Coppa Italia. La squadra di Di Francesco è chiamata a rialzarsi nella prossima sfida del Bentegodi, domenica alle 12.30 contro l’Hellas di Pecchia. Non si placano, però, le proteste dei tifosi, che nella notte hanno affisso un nuovo striscione (dopo quelli di Trigoria dei giorni scorsi), stavolta inviale dei Romanisti. “Giocatori indegni, presidente spia. Ora basta andate via”, questo il messaggio polemico: non va giù il rendimento della squadra, crollata al quinto posto, e le esternazioni del presidente Pallotta, attaccato anche durante l’ultima partita all’Olimpico contro la Samp.

FONTE    FORZAROMA.INFO