Roma, con Kolarov un pieno di esperienza

Di Francesco si affida al serbo nella sfida di Champions contro lo Shakhtar. De Rossi: “Ce la giochiamo, ma gli ucraini non vanno sottovalutati”

Si è riposato a Udine proprio per essere pronto domani sera e col Milan. Nonostante Jonathan Silva stia meglio, la fascia sinistra era e resta proprietà di Aleksandar Kolarov. Più di 40 presenze in Champions (44, per la precisione), in questa stagione in Europa le ha giocate tutte, Di Francesco si affida a lui per contenere gli attacchi dello Shakhtar Donetsk ma anche per mettere paura alla difesa ucraina. Sia col 4-3-3 sia con il 4-2-3-1, Kolarov è stato spesso il regista della squadra. Terzino sì, ma con piedi da trequartista. E non solo per la sua capacità di battere le punizioni. In una squadra che quest’anno ha dimostrato di soffrire negli scontri diretti, la sua esperienza sarà fondamentale. E magari dal punto di vista dell’esperienza saranno importanti anche i quattro ottavi di finale che ha già giocato in carriera, mentre per tanti altri suoi compagni sarà la prima volta. Kolarov, dopo gli anni al City, a sfide di questo livello è abituato e anche per questo Di Francesco a Udine ha voluto dargli un po’ di riposo.

Lo Shakhtar non va sottovalutato, come sa bene lui e come sa benissimo anche De Rossi, che al magazine della Uefa ha ricordato: “Non solo sono una squadra capace di creare sempre nuovi cicli, ma anni fa ci hanno eliminato e adesso hanno lasciato fuori il Napoli, che in campionato è sedici punti sopra di noi. Sono poche le squadre in Champions, tre o quattro forse, con cui partiremmo battuti, con loro no, ce la giochiamo, ma non vanno sottovalutati”.

FONTE          FORZAROMA.INFO

Roma nel gelo di Kharkiv: cibo di casa e abiti ad hoc per affrontare i -8°

 Domani sera la prima sfida di Champions contro lo Shakhtar. Le temperature ucraine sono più rigide che mai: il club corre ai ripari

 

KHARKIV – Nel momento del sorteggio degli ottavi di finale, scampati i pericoli Real Madrid e Bayern Monaco, la Roma si è subito trovata a dover fare i conti con un piccolo grande inconveniente: il freddo che avrebbe trovato a Kharkiv nella trasferta contro lo Shakhtar. Già, perché il clima in Ucraina a febbraio è ben diverso da quello di Roma. La pioggia che cade in questo periodo sulla capitale a Kharkiv diventa neve, il termometro abbandona i gradi positivi e lascia spazio ad un segno meno che tra ieri sera e questa mattina ha portato i giallorossi a farsi selfie ‘incappucciati’ nella neve

FONTE    M. GIOVANNETTI  FORZAROMA.INFO