Tor Bella Monaca, un busto di Totti per rivalutare le Torri ….

Una scultura dedicata alla bandiera giallorossa per migliorare una zona di ritrovo dei ragazzi del quartiere

C’è un Totti di marmo esposto alla Galleria “Plus Arte Puls”, ma ce ne è anche uno di gesso lasciato sui gradini di una rotonda a Tor Bella Monaca. ‘La piazzetta’, così viene soprannominata l’area delle Torri dove si radunano i ragazzidel quartiere dopo la scuola. Una zona che le mamme e i papà hanno voluto fortemente ‘bonificare’, per renderla una piazza accogliente, per i bambini di ogni età.

Un vero e proprio progetto per rivalutare le torri di Tor Bella Monaca. Sui gradini del muretto sono stati dipinti i grandi monumenti di Roma, poi al centro la scultura dedicata alla bandiera della Roma. Il busto di Francesco Tottiposto al centro degli scalini è un’opera realizzata da David Fagioli che ha deciso di accettare l’incarico facendone una ‘questione personale’, avendo il laboratorio a poche centinaia di metri da ‘la piazzetta’. Dopo il restauro del murales di Totti a Rione Monti e il marmo ‘Aeterno’, ecco sorgere un nuovo Totti da un valore ancor più importante. Anzi, senza prezzo.

FONTE     Jacopo Aliprandi,

Seconde squadre sì!

Fabbricini trova l’accordo con Gravina e Tommasi: giocheranno in C, spazio ai migliori giovani italiani

 

Nel giorno in cui il commissario federale Roberto Fabbricini strappa l’ok di Gabriele Gravina e Damiano Tommasi al varo delle seconde squadre in Serie C già dalla stagione calcistica 2018-19 (la Figc dovrebbe ufficializzarlo oggi), la rivista 11 pubblica una lunga intervista al suo vice, Alessandro Costacurta, con un passaggio sul tema assai tranchant: “Le seconde squadre partono subito e approfitteranno del blocco dei ripescaggi”, dichiara senza mezzi termini l’ex milanista.

I  ripescaggi non saranno bloccati (del resto c’è una sentenza del Collegio di garanzia del Coni che lo vieterebbe), ma vi potranno aderire innanzitutto le seconde squadre. Con questa graduatoria: il primo posto libero spetterà alla seconda squadra di A, il secondo alla squadra di C, il terzo alla qualificata dai playoff di D, il quarto di nuovo alla A, eccetera… Con 56 squadre e 4 posti liberi in Serie C, restando il format a 60, significa che già nella stagione in arrivo, come minimo, anche se tutte le società attuali dovessero ottenere l’iscrizione (impresa titanica), sbarcheranno due seconde squadre. Con quali criteri verranno scelte? Da oggi la Figc si metterà al lavoro per la pubblicazione, in tempi brevi, di un bando con i requisiti richiesti. Tra i club già pronti, vengono citati Juventus, Milan, Inter, Atalanta, Napoli, Roma e Fiorentina.

Come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”, le seconde squadre potranno essere promosse e andare a giocare in B (a patto che la prima squadra non sia scesa dalla A). E potranno anche formalmente retrocedere, ma non giocare in Serie D, dove i calciatori perderebbero lo status di professionisti. E quindi? Si è stabilito che le retrocesse finiranno in coda alla graduatoria dei successivi ripescaggi, presumibilmente saltando un giro.

Requisiti richiesti ai calciatori. La trattativa con l’Aic di Tommasi ha fissato alcuni paletti. Quello più significativo costringerà le seconde squadre a schierare giocatori tesserati da almeno 7 anni in Italia. Questo, unito all’obbligo di mandare in campo solo atleti in età convocabile per l’Under 21, con l’eccezione di 3 Over, di fatto riempirà le seconde squadre di ragazzi italiani (con un inevitabile ricasco sul livello della Primavera).

FONTE      (V. Piccioni – A. Catapano)

Balotelli s’avvicina ma spunta una penale pro-Nizza di 10 milioni

Raiola avrebbe convinto Monchi a puntare su SuperMario, ma avrebbe pure trovato l’accordo col Nizza per rinnovare il contratto

Balotelli è sempre più sulla strada di Roma. C’è un giallo però. Raiola avrebbe convinto Monchi a puntare su SuperMario, ma avrebbe pure trovato l’accordo col Nizza per rinnovare il contratto, come riporta Leggo. Così Balotelli non andrà via a parametro zero ma servirà sborsare 10 milioni. Una penale che sembra una clausola pro Raiola.

Resta viva la pista Talisca mentre si raffredda Kluivert (“Resta all’Ajax”, ha detto il ds Overmars). In Spagna accostano Perotti al Siviglia.

Nel frattempo a Roma torna Massara. L’ex braccio destro di Sabatini sarà il nuovo segretario generale del clubcon l’incarico di supervisionare il tesseramento dei giocatori.
FONTE      (F.Balzani)

La Roma progetta Chiesa nel villaggio. E non molla Verdi

FB_IMG_1493745186331_1
MONCHI

 – Federico Chiesa e Simone Verdi. Uno o l’altro, molto più del Bernard dello Shakhtar, sondato di recente. La novità riguarda il gioiello della Fiorentina, la Roma si è informata della situazione di Chiesa con la società viola. E il messaggio recapitato da Trigoria a Firenze è il seguente: sappiate che, qualora decideste di cedere l’attaccante, noi vorremmo essere informati. Per il momento non si è andati oltre. Ma è già abbastanza per dipingere uno scenario futuribile. La manovra d’avvicinamento è iniziata. Alla Roma piace Chiesa, identikit che rientra alla perfezione nelle idee tattiche di Di Francesco. Il Cies, l’osservatorio sul calcio, solo lo scorso dicembre ha stimato una valutazione di 51 milioni di euro. Ecco perché, a fronte di un’impresa così complicata, il passo obbligato sarebbe quello di cedere almeno uno dei due esterni offensivi di piede destro in organico. Chiesa «in» vorrebbe dire Diego Perotti o Stephan El Shaarawy ceduti.

Verdi, rispetto a Chiesa, avrebbe il vantaggio di essere impiegabile sia a destra sia a sinistra. E il fatto di essere un ottimo specialista dei calci piazzati – alla Roma dopo Kolarov c’è il deserto – non è elemento che passa inosservato.

FONTE    LA GAZZETTA DELLO SPORT – STOPPINI 

Strootman ok, Perotti quasi. Nuova maglia in arrivo

fb_img_15091243986061447653770.jpg

– C’è un motivo in più per gustarsi Roma-Juventus. Motivo per appassionati, s’intende: Dzeko e compagni scenderanno in campo con la maglia che indosseranno per tutta la prossima stagione. La divisa sarà resa nota a breve, di sicuro entro sabato. E salvo intoppi dell’ultima ora, accompagnerà la squadra nell’ultima uscita all’Olimpico.

Buone notizie in arrivo per Di Francesco: Strootman ha superato la forte contusione – con conseguenti problemi respiratori – all’emicostato. Perotti sta meglio, tra oggi e domani è atteso il suo rientro in gruppo, la convocazione è più di un’eventualità. Molto complicato invece il recupero di Manolas.

FONTE      LA GAZZETTA DELLO SPORT – STOPPINI