Accordo raggiunto con Cristante. Nella trattativa inserito Defrel (SEMBRA)

screenshot_2018-05-27-13-03-09_1-1098676556.jpg

Bryan Cristante centrocampista della Dea, sembra aver trovato l’accordo con la Roma per trsferirsi nella capitale. Da come si apprende, il nazioanale azzurro avrebbe strappato un princpio di accordo con la Roma per un contratto di 5 anni di contratto a 2,5 milioni di euro a stagione. Nella trattativa potrebbe essere inserito anche Defrel. Questo quanto riporta Calciomercato.com

Di Carlo: “La Roma è stata sempre criticata, dall’ambiente e dalle scelte della società. Schick per me è un talento”

Screenshot_2017-09-18-08-16-14

Antonio Di Carlo, ex giocatore giallorosso, che ha parlato ai microfoni de La Signora in Giallorosso, delle possibili scelte di mercato per rinforzare la Roma.

Ecco le sue parole:

La Roma è sempre sottovalutata, perché?
“La Roma è stata sempre criticata, dall’ambiente e dalle scelte della società. Da fuori viene meno nominata perché a livello internazionale ha meno risonanza”.

Voto dell’annata?
“un ottimo voto a tutti. Non mi aspettavo che facesse così bene, dalle cessioni di Salah e Rudiger non mi aspettavo questa stagione e invece ha fatto molto bene. Anche le prestazioni in Champions League, con un grande gioco, lo dimostrano. Ho la sensazione che forse sta cambiando mentalità. E’ cambiato l’atteggiamento e l’approccio a tutte le situazione. Anche la professionalità, ora c’è meno folclore si pensa meno al contorno e più al campo”.

Quali sono i trascinatori di questo gruppo?
“C’è bisogno di qualche cambiamento a centrocampo. De Rossi incomincia ad avere degli anni. gli stessi Nainggolan e Strootman non sono quelli di un pauio di anni fa. Pellegrini e altri giovami hannon dato un apporto fondamebntrake”.

Gonalons?
“Non l’avrei mai comprato”.

Schick? 
“Per me e un grosso talento, avrà un grande futuro. Il salto tra la Sampdoria e la Roma è alto, penso sia il più grosso talento che abbiamo in Italia. E’ il primo acquisto della Roma per questo mercato”.

Pellegrini?
“Lo vedo benissimo, è molto forte e l’ho consigliato alla Roma”.

Berardi?
“Lo lascerei dove sta”.

Come vedi la scelta di Ancelotti?
“Lo sento spesso, è un professionista e ha fatto la sua scelta convinto dal progetto tecnico e dalle garanzie del Napoli. Resta comunque un tifoso della Roma. Il fatto che abbia detto che sarebbe venuto alla Roma sono cose che si dicono nel calcio”.

Totti un anno dopo. Come l’hai visto?
“L’ho visto quando l’anno inquadrato in tv (ride, ndr)”.

Coppia Dzeko-Schick continuerà a coesistere o meno?
“Mi auguro che l’allenatore lavorerà per farli coesistere. Se io fossi l’allenatore li farei giocare insieme”.

Il podio del Mondiale?
“Credo che farà molto bene la Polonia, ma in fondo ci arriveranno le solite: Germania, Spagna e Brasile”.

FONTE  LA SIGNORA IN GIALLOROSSO

Da Goicoechea a Karius, quando gli errori segnano una carriera

wp-image--1027193435

Tutti, sì proprio tutti, o quantomeno tutti i tifosi della Roma ieri sera avranno fatto un tuffo indietro nel passato rispensando ad uno di quei giocatori che in maglia giallorossa di certo non si è contraddistinto per delle grandi prestazioni: Mauro Goicoechea. Il malcapitato della finale diCampions League stavolta arriva direttamente dalla Germania, Loris Karius. Fisico imponente, tatuaggi in vista, biondo, insomma, uno di quelli che ultimamente è apparso più sulle pagine rosa che su quelle dei giornali calcistici. “Il punto debole del Liverpool” si diceva prima di ieri sera  e ad esser sinceri i segnali che questo avvertimento fosse fondato lo avevamo avuto già all’andata delle semifinali di Champions League quando ancora sullo 0-0, ad Anfield, un tiro apparentemente innocuo di Kolarov, quasi si insaccava dietro le spalle dell’estremo difensore dei reds, dopo una “parata” di quelle da far drizzare i capelli. In quell’occasione fu salvato dalla traversa ma ieri a salvarlo non c’è stato nulla. Prima il passaggio a porta vuota a Benzema, poi una sorta di bagher pallavolistico venuto male per il gol finale di Gareth Bale ed ecco che l’incubo diventa realtà. Il Real Madrid alza al cielo di Kiev la 13° Champions League della propria storia e una bella fetta gliela serve su di un piatto d’argento lo stesso Karius, propiziatore vero e proprio del primo e terzo gol dei blancos. Finisce in lacrime la serata del portiere, con una maglia alzata fino agli occhi per cercare di coprire il cocente dispiacere. Poi il bel gesto, questo sì. Di nuovo con il volto solcato dalle lacrime Karius si dirige sotto la fetta di pubblico deireds chiedendo scusa. I suoi tifosi lo capiscono ed ecco che piovono gli applausi. Una serata che il ragazzo, come tutti gli appasionati di calcio, non dimenticheranno mai. Errori troppo palesi e troppo importanti per passare in secondo piano e molto probabilmente una carriera di un giocatore che da ieri cambierà totalmente. Non convocato ai mondiali e con addosso i dubbi di molti che già nel corso della stagione si erano chiesti: “Ma perché il Liverpool ha puntato su di lui?”.

UN DEJA’ VU – Un déjà vu e tutto a tinte giallorosse. Mauro Goicoechea si diceva prima. Qualsiasi tifoso dellaRoma ieri sera vedendo la goffagine di Karius non avrà potuto fare a meno di tornare con la testa alla stagione 2012/13, cominciata in panchina con l’allenatore Zdenek Zeman che un po’ a sorpresa chiede alla dirigenza un portiere di fatto sconosciuto proveniente dagli uruguagi del Danubio, appunto Mauro Goicoechea. Il resto è storia, probabilmente negli ultimi dieci anni una delle stagioni più problematiche dalle parti di Trigoria. DiGoicoechea rimane ben poco se non le grandi papere. Con la Lazio in campionato, un tiro su punizione dalla lunga distanza di Candreva si insacca dopo una sorta di gesto pallavolistico dell’estremo difensore. Poi con ilCagliari il pezzo clou, cross senza pretese verso l’aria di rigore romanista ed ecco che Goicoechea si insacca il pallone nella sua porta. I sardi sbancano l’Olimpico e Zeman viene esonerato. Quella è inoltre la notte in cuiGoicoechea saluta di fatto la Roma ed anche il grande calcio. A fine stagione neanche a dirlo non viene riscattato e fa ritorno in patria al Danubio. Poi le sue tracce si perdono tra i campi della periferia calcistica. Prima in Romania all’Otelul Galati, poi in Portogallo con l’Arouca ed ora in Francia con il Tolosa, dove il classe ’88 di Montevideo guarda dalla panchina le parate del nuovo talento francese Alban Lafont, sul quale si stanno indirizzando le attenzioni di mezza Europa. Una carriera segnata dagli errori alla Roma, rimasti negli occhi di molti. A Karius si può solo augurare che dopo le papere di ieri sera, il ragazzo trovi la forza e il modo per rimettere in carreggiata la propria carriera che sicuramente rimarrà segnata da quanto accaduto nella finale diChampions League.

FONTE      INSIDEROMA.COM – L. CARUSO

Roma, ora Coric è tuo. A metà tra Modric e Pirlo

 Il talento croato è sbarcato ieri nella Capitale, firmerà fino al 2023. Per lui tanti paragoni illustri e due idoli: “Ronaldinho e Totti super”

Qualcuno continua a paragonarlo a Luka Modric, qualcun altro invece dice che è l’erede designato di Boban. Paragoni pesanti e per alcuni versi anche scomodi, magari legati solo al fatto che è croato anche lui. Ante Coric negli ultimi anni è stato inseguito da tante grandi d’Europa, ad iniziare da Real Madrid e Barcellona, ma anche da Juventus e Inter, scrive Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport“. Da ieri è di fatto il primo acquisto della nuova Roma. Sbarcato a Fiumicino nel pomeriggio, intorno alle 17.30, nei prossimi giorni sosterrà le visite mediche e firmerà il contratto che lo legherà alla Roma per le prossime cinque stagioni. L’operazione era nell’aria da un po’, da ieri è diventata di fatto pressoché ufficiale e verrà conclusa con un costo inferiore rispetto alle aspettative iniziali: 7 milioni di euro più uno (facile) di bonus.

 

Totti: ieri, oggi, sempre

Il 28 maggio del 2017 il Capitano dà l’addio al calcio dopo 25 stagioni in giallorosso. Un anno dopo Francesco è un dirigente in carriera, sempre nella Roma

Maledetto tempo. Domani sarà un anno, eppure sembra una vita che Francesco Totti ha smesso di giocare, scrive Mimmo Ferretti Il Messaggero. Un dramma sportivo per tutti; una tragedia per chi lo aveva visto e ammirato per 25 anni di fila con la maglia della Roma. Un addio struggente, che ha colpito il cuore di romanisti e non; che lasciato con un buco nello stomaco anche i suoi nemici di una vita.

 

FONTE  M. FERRETTI

Roma, attenta al Napoli: Alisson in cima alla lista di Ancelotti

Il portiere giallorosso è il sogno del nuovo tecnico azzurro. Sul brasiliano anche Real Madrid, Chelsea e Liverpool

Il Napoli inizia a prendere vita a Londra, dove Carlo Ancelotti ha cenato con Kia Joorabchian. Come riporta Gianluca Monti su “La Gazzetta dello Sport“, il tecnico ha rivelato al potente agente anglo-iraniano il portiere che è in cima alla lista dei suoi desideri: Alisson. Il numero uno della Roma ha letteralmente stregato Carletto. Non sarà facile strapparlo ai giallorossi ma il Napoli quest’estate avrà il portafogli bello gonfio e la voglia di investire su almeno un paio di calciatori di grande spessore internazionale. Alisson corrisponde all’identikit perfetto di Ancelotti, anche perché ha un ingaggio ancora abbordabile che anzi il Napoli potrebbe far lievitare.

Al netto delle altre piste che il club azzurro sta battendo da tempo (Leno, Rui Patricio, Areola e Sirigu), Alisson è il numero uno che ha in testa Ancelotti anche se c’è da battere la concorrenza nell’ordine di Real Madrid, Chelsea e Liverpool. Il Napoli non è in pole position ma è attento sul brasiliano perché sa di potersi permettere un investimento imponente che farebbe felice la Roma. De Laurentiis si è già fatto i suoi conti, aspetta che venga pagata qualche clausola (vedi Callejon) e di definire un paio di cessioni remunerative (Jorginho al City e Hamsik in Cina) per avere in tasca un gruzzoletto da circa 100 milioni, senza considerare l’ipotesi di un eventuale addio di Koulibaly.

FONTE     G. MONTI   GDS

 

Monchi inizia a trattare per il rinnovo di Florenzi

In settimana l’incontro tra il ds e il procuratore del vice-capitano. Da limare la distanza tra la richiesta e l’offerta, senza dimenticare la questione prospettive: giocherà tra i centrocampisti o come esterno alto?

wp-image-1405743474

Questa è la settimana in cui inizieranno davvero le grandi manovre tra laRoma e Alessandro Florenzi per il rinnovo di contratto, scrive Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport“. Monchi ha in agenda un incontro con il procuratore del giocatore (Alessandro Lucci) per iniziare a capire come arrivare a dama. La Roma non vuole perdere il giocatore, ma gli ostacoli per la firma però ci sono e sono sostanzialmente due.

Florenzi vuole arrivare a guadagnare circa 4 milioni, magari anche tramite bonus facili. La Roma intende offrigliene 3 e bisognerà limare la distanza. Poi c’è la seconda questione, e cioè quella delle prospettive. A partire dalla prossima stagione Florenzi molto probabilmente non giocherà più come terzino destro e allora vuole capire qual è il progetto tattico che Di Francesco intende ritagliargli addosso. Andrà a finire tra i centrocampisti o si punterà su di lui come esterno alto d’attacco? Ci sarà da lavorare.

FONTE    A. PUGLIESE