Mercato Roma, Antonucci e Valeau possibili contropartite nella trattativa per Berardi

Il ds giallorosso Monchi insiste per l’esterno del Sassuolo, pallino di Eusebio Di Francesco. Sull’attaccante classe ’99 anche Parma, Torino e Bologna

Nelle ultime ore sembra tornata prepotentemente in auge la pista che porta a Domenico Berardi, pallino di Eusebio Di Francesco. Come riporta tuttomercatoweb.com, il ds Monchi sta cercando di intavolare la trattativa con il Sassuolo inserendo anche delle contropartite. In neroverde, infatti, potrebbero finire due prodotti del settore giovanile romanista che hanno fatto le fortune della Primavera: Mirko Antonucci e Lorenzo Valeau, entrambi classe ’99.

Per Antonucci, però, le pretendenti si sono già fatte avanti: anche Parma, Bologna e Torino stanno osservando il giovane attaccante che ha già esordito in prima squadra.

Mercato, Patrick Kluivert: “Roma buona squadra per Justin, ma vorrei che restasse all’Ajax”

Il papà del giovane talento olandese, molto vicino ai giallorossi, parla del futuro di suo figlio: “È una sua decisione e so che può farcela. Sono suo padre e sarò al suo fianco in qualsiasi caso”

Justin Kluivert resta vicino alla Roma. In giornata le news dall’Olanda che sottolineavano come la trattativa fosse ormai già chiusa, poi le parole di Mino Raiola che hanno frenato gli entusiasmi. Nel frattempo il papà del calciatore classe ’99, l’ex campione olandese Patrick Kluivert, ha parlato del futuro di suo figlio: “Io vorrei che Justin restasse all’Ajax per un’altra stagione, ma dipende da lui e come padre accetterò ogni sua decisione – riporta goal.com -. La Roma può essere una squadra veramente buona per lui anche se, come ho detto, vorrei restasse all’Ajax un anno e in seguito andasse all’estero. È una sua decisione e so che può farcela. Sono suo padre e sarò al suo fianco in qualsiasi caso”.

Depositata la perizia autoptica su Davide Astori

screenshot_2018-06-08-11-49-06_1-717234636.jpg
E’ stata depositata la perizia autoptica riguardo Davide Astori, scomparso lo scorso 4 marzo. I professori Moreschi e Thiene, all’interno della perizia, parlano di tachiaritmia e non bradiaritmia. Ovvero il cuore di Astori non ha rallentato, ma accelerato; non provocando il decesso del difensore del sonno. Sull’argomento si è espresso anche Antonio De Nicolo, procuratore di Udine, ai microfoni del Corriere della Sera: “Non posso anticipare nulla. Posso solo dire che sul caso è aperto un fascicolo a carico di ignoti. La collega sta studiando il documento. Non appena il lavoro sarà terminato decideremo se proseguire l’indagine o chiedere l’archiviazione”

Argentina, Fazio tra il piccolo Tomi e il Mondiale: “Il nostro solo obiettivo è vincere” –

Il centrale giallorosso tra qualche giorno inizierà la sua avventura in Russia dove nel girone affronterà Islanda, Croazia e Nigeria

A pochi giorni dall’inizio del Mondiale in Russia, Federico Fazio, difensore giallorosso, viene intervistato dal ritiro dell’Argentina che si appresta ad affrontare nel girone Islanda, Croazia e Nigeria. Questo un estratto della parole del difensore della Roma sul gioco di Sampaoli a Tyc Sports: “Siamo una squadra corta, veloce e che utilizza una pressione alta, nell’Argentina mi sembra di essere nella Roma. Noi abbiamo un solo obiettivo, che è quello di vincere. Siamo un gruppo unito dentro e fuori dal campo. Dobbiamo lavorare come stiamo facendo da giorni. Dobbiamo aiutarci e dare il nostro contributo per correggere gli errori”. 

Mercato Roma, l’Ajax chiede 45 milioni per Ziyech: Monchi resta ottimista

Nonostante l’elevata richiesta del club olandese sembrerebbero esserci le basi per trovare un accordo per il trasferimento del centrocampista marocchino

Non solo Kluivert dall’Ajax per la Roma di Eusebio Di Francesco. Come riporta calciomercato.it, Monchi starebbe lavorando anche a un altro colpo da prendere in casa dei “lancieri”. Stiamo parlando di Ziyech. Il ds spagnolo non si sarebbe spaventato di fronte a una prima richiesta del club olandese di 45 milioni per il calciatore marocchino. Da Trigoria filtra comunque ottimismo sulla fattibilità dell’operazione e sulle possibilità di abbassare la richiesta dell’Ajax. Con il giocatore, invece, è già stato trovato un accordo di massima a maggio.

Da Gerson a Pellegrini, c’è una rosa sotto esame

Castan, Gyomber, Verde, Sadiq, Ponce e Soleri e tanti altri. Comprare sì, ma adesso Monchi deve anche pensare a sfoltire la rosa

 

Tra gli obiettivi di Monchi, oltre a fornire gli acquisti necessari a Di Francesco per competere fino alla fine in campionato nella prossima stagione, c’è anche quello, come scrive Gianluca Lengua su Il Messaggero, di far fruttare il vasto parco giovani senza disperderne le potenzialità.

Gerson, ad esempio: ingaggiato da Sabatini nel 2016 e costato 18,9 milioni, ha trovato difficoltà sia con Spalletti che con Di Francesco che ha lavorato molto sul ventunenne brasiliano ed è riuscito a trovargli uno spazio che lui, però, ha sfruttato senza convincere pienamente.  Sarebbe dovuto entrare in quella con l’Atalanta per Cristante, ma il club bergamasco ha preferito Tumminello, il quale potrebbe muoversi verso Bergamo o a titolo definitivo (ipotesi difficile) o in prestito con obbligo (o diritto) di riscatto e di controriscatto per i giallorossi.

Anno maledetto anche per Luca Pellegrini (prima la lesione al crociato, poi la frattura alla rotula), il terzino sinistro classe ’99 assistito da Mino Raiola, è reputato un vero e proprio gioiellino, al punto che Monchi per blindarlo gli ha rinnovato il contratto fino al 2022 a quasi 900 mila euro a stagione. La volontà della Roma è tenere l’esterno come vice Kolarov, ma di fronte a una buona occasione potrebbe mandarlo in prestito a fare esperienza. Stesso destino potrebbe spettare a  Capradossi che ha fatto il suo esordio a Cagliari dopo il forfait di Manolas: il centrale ha offerte dal Crotone, ma al momento non c’è niente di concreto. Tanti poi sono anche i giocatori di rientro a Trigoria. Da Castan a Gyomber, passando per Verde, Sadiq, Ponce e Soleri. Insomma tutto lavoro per Monchi.

FONTE    G. LENGUA

Da Gerson a Pellegrini, c’è una rosa sotto esame

screenshot_2018-05-11-09-33-26_1-1128555723.jpg

– C’è una rosa nascosta che, al netto dei nuovi arrivi, dovrà trovare una sistemazione (dentro o fuori Trigoria). Uno dei compiti più difficili del direttore sportivo Monchi (assistito da Frederic Massara) è quello di far fruttare il vasto parco giovani senza disperderne le potenzialità. Tra quelli pagati a peso d’oro dalla Roma c’è Gerson: ingaggiato da Sabatini nel 2016 e costato 18,9 milioni, ha trovato difficoltà sia con Spalletti che con Di Francesco. Che ha lavorato molto sul ventunenne brasiliano ed è riuscito a trovargli uno spazio che lui, però, ha sfruttato senza convincere pienamente. In questi giorni sta trascorrendo le vacanze a casa, la Roma potrebbe cederlo in prestito a un club di Serie A o tenerlo come riserva a centrocampo. Al momento non ci sono trattative avviate, Gerson sarebbe dovuto entrare in quella con l’Atalanta per Cristante, ma il club bergamasco ha preferito Tumminello. L’attaccante prestato al Crotone la scorsa stagione ha totalizzato appena 10 presenze (e 3 gol) a causa dell’infortunio al legamento crociato, ora potrebbe muoversi verso Bergamo o a titolo definitivo (ipotesi difficile) o in prestito con obbligo (o diritto) di riscatto e di controriscatto per i giallorossi.

VICE KOLAROV – Anno maledetto anche per Luca Pellegrini (prima la lesione al crociato, poi la frattura alla rotula), il terzino sinistro classe ’99 assistito da Mino Raiola, è reputato un vero e proprio gioiellino, al punto che Monchi per blindarlo gli ha rinnovato il contratto fino al 2022 a quasi 900 mila euro a stagione. La volontà della Roma è tenere l’esterno (convocato con Marcucci per lo stage in vista degli Europei Under 19) come vice Kolarov, ma se dovesse presentarsi una buona occasione (rientrare come contropartita nella trattativa Laxalt con il Genoa), Monchi potrebbe spedirlo a fare esperienza. Restando in difesa, Capradossi ha fatto il suo esordio a Cagliari dopo il forfait di Manolas: il centrale ha offerte dal Crotone, ma al momento non c’è niente di concreto. C’è poi l’esercito di giocatori (24) che rientrerà a Trigoria dopo un anno di prestito: Castan (può rientrare come contropartita tecnica per Barella o trasferirsi alla Spal), Gyomber (il Bari pensa al riscatto), Verde (ha salutato il Verona), Sadiq, Ponce e Soleri mentre Paolelli, Vasco, Piscitella, Ferri e Franchi lasceranno la Roma perché in scadenza. Capitolo Primavera: Romagnoli salirà in prima squadra con più continuità come Antonucci, Riccardi e Valeau.

FONTE    IL MESSAGGERO

Cristante, primo giorno a Trigoria

screenshot_2018-06-08-08-53-48_11750238703.jpg

– Un giro in centro nella notte di mercoledì, poi le visite mediche a Villa Stuart con la maglia della Roma (quella da allenamento) e le prime parole da giallorosso. «Forza Roma, sono davvero felice di essere qui», ha detto ai tifosi fuori la clinica. Così ha passato le sue prime ore nella capitale prima di partire per le vacanze Bryan Cristante che ieri ha firmato un quinquennale da 1,3 milioni a salire fino a 2 più bonus.

Il centrocampista 23enne, arrivato dall’Atalanta con la formula del prestito biennale a 5 milioni più riscatto da 25 comprensivi di bonus, è stato preso d’assalto da una decina di tifosi poi si è diretto verso Trigoria per visitare il centro sportivo dove la Roma si radunerà e svolgerà il ritiro dal 4 luglio in poi. Il comunicato arriverà soltanto oggi a causa di alcuni documenti mancanti. Con l’Atalanta restano aperti i discorsi per i prestiti di  e Gerson mentre Defrel preferisce la destinazione .

FONTE   LEGGO

Roma, Kluivert al fotofinish

Accelerata nella giornata di ieri per portare a Trigoria il quarto colpo in entrata in vista della prossima stagione

Monchi e la Roma sono pronti a piazzare il quarto colpo in entrata. Dopo Coric, Marcano e Cristante, come scrive Stefano Carina su le pagine de Il Messaggero, è arrivato il momento di Kluivert dall’Ajax. L’offerta giallorossa (che ha il sì del ragazzo) si aggira sui 18 milioni più bonus (la richiesta è di 25) ma la vicenda è molto più complicata di quello che può sembrare in apparenza. Perché con Raiola che detiene parte del cartellino, si stanno discutendo in queste ore, insieme all’Ajax, anche altre variabili: bonus, singoli e di squadra, percentuali su future cessioni e diritti d’immagine.

 A Trigoria vorrebbero chiudere la trattativa entro il weekend. Il fatto che sia Monchi che l’agente di Kluivert si siano chiusi nel mutismo, lascia intendere come l’operazione sia subentrata in una fase decisiva. C’è da accontentare il club olandese che ormai ha preso atto dell’impossibilità di trattenerlo (Justin ha rifiutato più volte la proposta di rinnovare il contratto che scade nel 2019).  Il ds spagnolo, però, è interessato anche a Ziyech, è nella posizione di non poter forzare più di tanto la mano, temendo poi ripercussioni future nell’affare che riguarderà il marocchino. Quello che appare certo è che sono ore decisive. Da Roma a Amsterdam si rimpallano bozze di accordi con Raiola nelle vesti di regista interessato.

Attenzione perché poi entro il 30 giugno dovrà essere anche contabilizzata una cessione. Quelle imminenti di Peres (destinazione Torino) e Tumminello(Atalanta) non bastano. Tutto sembra portare a Nainggolan che ha due opzioni: aspettare l’Inter (che potrà però muoversi in entrata dopo il 1 luglio) oppure accettare l’offerta faraonica di 12 milioni a stagione che gli ha proposto l’Evergrande di Cannavaro.

FONTE  S. CARINA