Roma, El Shaarawy nella top 11 della Serie A

photo_1539625222826_1-1455269604.jpg

Secondo i dati Opta il Faraone è tra i migliori giocatori del nostro campionato

Stagione della consacrazione per Stephan El Shaarawy che ha finalmente trovato la continuità tanto ricercata. Il faraone è infatti stato inserito nella formazione dei top 11 della serie A 18/19 stilata da Opta su Twitter in concomitanza della notte degli Oscar. Con lui ci sono Handanovic in porta, Alex Sandro, Skriniar, Acerbi e Cancelo in difesa, Allan, Pjanic e Fabian Ruiz a centrocampo con Piatek e Gomez compagni di reparto del laterale giallorosso.

20190211_22290097091250.png

Mancini: “Seguo Zaniolo dagli Europei Under 19, è una mezzala”

photo_1539625222826_1-1455269604.jpg

Il tecnico della Nazionale torna a parlare del talento giallorosso

Roberto Mancini, ct della Nazionale Italiana, ha parlato dell’esplosione di Nicolò Zaniolo commentandone le caratteristiche tecniche. Intervenuto ieri sera nella trasmissione “Tiki Taka“, ha parlato così:

20190223_114929260986062.png

Zaniolo che giocatore è?
Io credo che Di Francesco lo conosca meglio, lo vede tutti i giorni, sa dove puó giocare. Ora gli sta andando tutto bene. Io comunque penso che sia una mezzala, un interno

L’hai convocato prima ancora che esordisse in serie A
L’avevamo seguito agli Europei Under 19 con altri 2/3 ragazzi e ci era saltato all’occhio. Mi aveva fatto una buona impressione

screenshot_2018-10-09-10-13-37_11484288759.jpg

Occhio DiFra, ti giochi tutto

photo_1539625222826_1-1455269604.jpg

Decisivi il 4° posto e la qualificazione ai quarti. Ma il tecnico è ottimista: “Faremo un gran derby”

Tutte le storie cominciano, ma non tutte hanno un vero finale. Il romanzo di Italo Calvino “Se una notte d’invero un viaggiatore” spiega meglio di ogni parola un concetto del genere. Ci sono dieci “incipit” che però non portano mai ad alcuna conclusione, col romanzo che ricomincia sempre in un altro modo. Ecco, la storia della Roma a trazione statunitense è anche una collezione di storie interrotte, ed anche quest’anno si corre il rischio di rivivere situazione già viste. Come riportato nell’edizione odierna de “La Gazzetta dello Sport”  inutile dire che, in situazioni del genere, è l’allenatore l’anello debole di ogni catena di comando. Così Eusebio Di Francesco, nonostante venga da due vittorie consecutive, sa bene come le sfide che lo attendono – contro la Lazio in campionato ed il Portoin Champions League – potrebbero essere decisive per la stagione giallorossa e conseguentemente per il suo futuro.

20190223_114929260986062.png

Non basta. L’allenatore in questo momento corre il rischio di pagare due situazioni diverse fra loro. La prima è legata a lui, visto che le ultime due gare, pur vittoriose, hanno evidenziato una squadra con grandi difficoltà. La seconda invece lo prescinde, visto che riguarda quello che è stato finora il suo mentore, ovvero il d.s Monchi, sempre più vicino all’addio a fine stagione. Ieri il tweet postato dallo spagnolo inevitabilmente non hanno fugato dubbi sul suo futuro, che sembra sempre più legato all’Arsenal, anche se il club londinese dovrà pagare una clausola di rescissione alla Roma, a cui è legato da un contratto fino al 2021. Logico che il suo addio indebolirebbe la posizione di Di Francesco, anche se il tecnico abruzzese è ancora perfettamente in grado di costruire la sua fortuna. Come? Arrivando in zona Champions League e magari facendo ancora strada in Europa, visto che il Porto non è sembrato avversario irresistibile.

Logico che, se al direttore sportivo vengono accollati alcuni errori sul mercato, i tanti problemi muscolari non aiutano la gestione dell’allenatore. Se Di Francesco onorerà il suo contratto fino al prossimo anno, qualcosa forse dovrà essere rivisto in merito.

Insomma, nel giro di due partite parte del futuro della Roma potrebbe essere scritto. Quanto basta per cominciare altri romanzi che corrono a loro volta il rischio di restare incompiuti. Ma tornando alla panchina, c’è da registrare l’ottimismo di Di Francesco: “Sono convinto che faremo un grande derby, anche se l’ambiente destabilizzante non aiuta“. Ne siamo convinti, ma c’è un futuro da scrivere. E sono in tanti a credere che, se anche questo romanzo fosse interrotto, sarebbe una sconfitta per tutti.

FONTE    (M. Cecchini)

screenshot_2018-11-28-07-23-01_1-193061917.jpg

Under, il rientro slitta: una ricaduta blocca il turco

photo_1539625222826_1-1455269604.jpg

Tegola per Di Francesco, che dopo l’infortunio di Manolas, si ritrova di nuovo senza l’unico esterno di piede mancino della rosa

20190223_114929260986062.png

Frosinone doveva essere la partita del rientro di Under, almeno tra i convocati. Invece il turco è rimasto a Roma e le notizie che filtrano da Trigoria non sono confortanti. L’attaccante infatti si sarebbe fermato per una ricaduta dell’infortunio al flessore, che farebbe così slittare il rientro in campo. Una tegola per Di Francesco, che dopo aver perso Manolas, si ritrova di nuovo senza l’unico esterno di piede mancino della rosa. Under si è fatto male per la prima volta lo scorso 19 gennaio, durante il match con il Torino.

screenshot_2018-04-17-10-00-53_12043693845.jpg