Perugia-Roma, Pastore e Defrel fuori dai convocati: il francese vicino al trasferimento

img_20190731_0844558892537727587512154.jpg

L’argentino è stato colpito da un affaticamento muscolare

E’ in programma per stasera la sfida amichevole tra Roma e Perugia, un’occasione utile per vedere in campo i progressi della rosa di Fonseca. Non tutti però, faranno parte dei convocati per il match.

20190729_144142377452413.png

Sono usciti infatti dalla lista stilata dal tecnico portoghese, sia Defrel, al centro di trattative di mercato (vicino al Cagliari) che Pastore. L’argentino ha accusato un affaticamento muscolare, per questo i medici hanno preferito risparmiarlo. Un problema che non sembra essere particolarmente preoccupante per l’ex Psg, uno dei più positivi in questa pre-season.

img_20190728_2020095435563540115341535.jpg

Alderweireld alla Roma con la cessione di Defrel

img_20190731_0844558892537727587512154.jpg

Petrachi non molla Alderweireld. Il Tottenham valuta il cartellino ad una cifra troppo alta per le tasche della Roma e, secondo Tutto Sport, la vendita di Defrel al Cagliari per 16 milioni può aiutare per arrivare alla cifra richiesta per il belga.

20190729_144142377452413.png

 

Il tempo stringe e non è più soltanto questione di soldi: il club capitolino deve concludere entro il 5 agosto, giorno di chiusura del calciomercato inglese.

fonte   Tutto Sport

img_20190712_0716132110695140766469776.jpg

Roma, priorità al difensore

img_20190731_0844558892537727587512154.jpg

 – Lukaku è ad un passo dalla Juventus, Dybala inizia a trattare con il Manchester United mentre Icardi apre al Napoli. E la Roma? Per ora vive una situazione paradossale. Ha un centravanti (Dzeko) che non vuole restare e ne cerca un altro (Higuain) che non vuole venire. Petrachi, però, non è preoccupato, consapevole che la situazione è in divenire. Basta saper aspettare. Ora la priorità del ds salentino è regalare a Fonseca un difensore centrale.

20190729_144142377452413.png

Al portoghese serve numericamente (con la cessione di Capradossi allo Spezia, sono rimasti in tre: Fazio, Mancini e Juan Jesus) e qualitativamente, viste le perplessità destate dal reparto arretrato nelle prime uscite. L’imminente cessione di Defrel al Cagliari per una valutazione complessiva di 16 milioni, potrebbe aiutare a preparare l’offerta ufficiale da recapitare al Tottenham per Alderweireld. L’operazione, inutile nasconderlo, rimane molto difficile. Ad oggi, la Roma non ha avanzato nessuna proposta al club inglese. È una partita a scacchi aspettando che il calciatore faccia anche la sua parte. Il tempo stringe, Petrachi ci spera ancora. Il mercato in Premier chiude l’8 agosto ma lunedì (5) è l’ultima data sicura per fare affari, visti i tempi tecnici che poi necessitano i trasferimenti. In quest’ottica, non c’è molto tempo nemmeno per Lovren. Il difensore del Liverpool è un nome sul quale Petrachi ha chiesto informazioni. Nelle prossime ore è previsto l’arrivo in Italia dell’agente del croato che Klopp non ritiene incedibile. La valutazione si aggira sui 20 milioni e nelle scorse settimane è un profilo che è stato accostato anche al Milan che nel frattempo ha acquistato Leo Duarte. Rimane in gioco Jemerson, come i soliti Lyanco (nonostante il rinnovo) e Verissimo. Intanto l’attesa per Higuain blocca Dzeko all’Inter, disposta a inserire nell’operazione anche il cartellino di Vergani. Ieri Edin ha riabbracciato moglie e figli, di ritorno dalle vacanze. Proprio la signora Amra su Instagram ha condiviso una serie di immagini tra le quali uno scatto che ritrae Edin e i figli mentre passeggiano. Fotografia accompagnata dalla didascalia: «Home sweet home» («Casa dolce casa»). I più romantici l’hanno intesa come un riavvicinamento a Roma e alla possibilità di restare. Il mercato, però, dice altro. Quello che è certo è che Fonseca, già questa sera nell’amichevole a Perugia (23 i convocati, out Olsen, chiamato da Benfica e Fenerbahce, e Veretout), non può restare senza centravanti. Dzeko giocherà, soprattutto ora che Defrel è ad un passo dal Cagliari e Schick continua a deludere.
SPONSOR EVAPORATODoccia fredda in arrivo per i conti giallorossi. Il Decreto Dignità avrà infatti un impatto anche per la Roma. Il riferimento è allo sponsor Betway. Come spiegato dalla stessa società giallorossa in un documento informativo che sta circolando tra gli investitori legato all’emissione del bond da 275 milioni di euro, i giallorossi perderanno 4,5 milioni di euro per questa stagione per un complessivo di 15,5 fino alla fine del contratto con la società di scommesse. L’accordo ha portato 4 milioni lo scorso anno e avrebbe dovuto portarne altri 4,5 nel 2019-2020 e nel 2020-2021, con un’opzione di proroga per un ulteriore anno con un corrispettivo base di 6,5 milioni di euro per il 2021-2022.

fonte     MESSAGGERO – CARINA

img_20190426_1004524167903860040334793.jpg

Roma, esami per la difesa ma l’asso può essere Lovren

img_20190731_0844558892537727587512154.jpg

Oggi il Perugia, sabato il Lilla: test importanti per il reparto. Dietro si aspettano rinforzi, piace il centrale del Liverpool

Paulo Fonseca dopo aver visto due giorni fa il calendario del prossimo campionato, ha deciso la strategia, scrive Massimo cecchini su La Gazzetta dello Sport. Abbiamo 4 partite all’Olimpico nelle prime 5? Ebbene, sfruttiamo il fattore campo e partiamo forte, così crescerà l’entusiasmo dell’ambiente e l’autostima.

 

20190729_144142377452413.png

In attesa di Higuain – finora è riuscito a trovare la via della porta, da oggi sarà la difesa a essere sotto esame, dando indicazioni utili al d.s. Petrachi, che cerca l’ultimo colpo.
Così, anche se non si perde di vista Toby Alderweireld del Tottenham, il colpo a sorpresa potrebbe essere quello di Dejan Lovren, 30 anni, centrale difensivo del Liverpool. Il croato vorrebbe andare via, anche perché nella scorsa stagione ha giocato solo 18 partite (segnando un gol).
Il suo costo è di circa 20 milioni, ma la Roma conta di avere un trattamento di favore, visto gli ottimi rapporti che ci sono tra le proprietà dei due club. Ovvio però che le alternative non manchino, anche se le piste che portano a Rugani e Pezzella appaiono non facili. Detto che a Petrachi piacciono anche i brasiliani Verissimo del Santos e Jemerson del Monaco, non è da escludere che si possa puntare su un uomo d’esperienza come il polacco Kamil Glik, 31 anni, anche lui del Monaco, club con cui tra l’altro si stanno trattando le uscite di Nzonzi e Schick.

FONTE   Massimo Cecchini

img_20190731_1003074233518554294251025.jpg

A Perugia quasi 4mila i giallorossi. E’ allarme sicurezza

img_20190731_0844558892537727587512154.jpg

Possibili problemi di ordine pubblico nell’amichevole che si disputerà in serata

Il clima comincia a essere quello delle partite vere. Lo si capisce dal tifo, visto che a Perugia sono attesi stasera quasi 4.000 tifosi giallorossi, con relativi problemi di ordine pubblico. .

20190729_144142377452413.png

Tutto questo perché, tra l’altro, storicamente i gruppi ultrà delle due tifoserie non si sono mai amati e questo, sicuramente, potrebbe influire sul contorno del match. Le misure preventive, saranno parecchie, con quasi cinquecento persone pronte a garantire la sicurezza di tutti e una viabilità scorrevole nella zona.

screenshot_2018-11-21-09-18-19398782527.jpg

Dzeko, effetto-domino verso l’Inter

img_20190731_0844558892537727587512154.jpg

Dall’Inghilterra può arrivare la chiave per sbloccare il valzer delle punte

L’arrivo in Inghilterra del procuratore di Dybala sta facendo da detonatore. Chiudere lo scambio tra l’argentino e Lukaku, può finalmente sbloccare lo stallo degli attaccanti, provocando il classico«effetto-domino». Come riportato da Il Corriere della Sera, tutto questo per la Roma significa che Higuain – ma anche Icardi – sono ancora di più sul mercato e che Dzeko può sperare di raggiungere la meta milanese, sponda nerazzurra. Quello che è certo è che il centravanti bosniaco ha respinto al mittente le proposte di prolungamento: il suo contratto scade a giugno 2020 e Edin non ha intenzione di toccarlo.

20190729_144142377452413.png

Come riporta Sportmediaset, la Roma ha chiesto all’Inter di aggiungere ai 15 milioni anche il cartellino del giovane attaccante Edoardo Vergani, classe 2001. Le prossime ore possono essere decisive.

img_20190703_1030479196623023398100818.jpg

 

Mercato Roma, Defrel a un passo dal Cagliari: operazione da circa 15 milioni

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Trattativa di prestito con obbligo di ricatto. E i rossoblù sarebbero vicini a definire anche l’operazione per portare Nandez in Sardegna dal Boca Juniors

20190729_144142377452413.png

La Roma lavora in uscita e sono diversi i nomi sulla lista di Petrachi. Tra questi c’è quello di Defrel, tornato dal prestito alla Sampdoria. Fonseca lo ha utilizzato nelle amichevoli fin qui disputate, ma il francese non rientrerà nei piani giallorossi. Come riporta il sito gianlucadimarzio.com, è sempre più vicino al Cagliari. Le parti in causa stanno definendo gli ultimi dettagli per chiudere la trattativa che si chiuderà per circa 15-16 milioni tra prestito e obbligo di riscatto. I rossoblù, intanto, stanno lavorando anche per sistemare gli ultimi dettagli per portare Nandez in Sardegna. Oggi a Madrid ci sarà un nuovo incontro tra gli intermediari e l’agente del giocatore per trovare la quadra finale.

20190724_0857081837853298.png

La pancia del tifoso “Gonzalo, l’uomo che ha sfidato la Juventus”

img_20190516_1628317854951934372588045.jpg

Gonzalo ha ereditato il soprannome dalla famiglia. Non è Pipita in quanto “scaltro, furbo”. Ma perché figlio di Jorge “El Pipa” Higuaín, calciatore più famoso per il grande naso che per la brillante carriera.
In effetti, tutto sembra tranne che scaltro, Higua Jr, in questi giorni. Così affannato a sfidare una Juventus che non lo vuole, così determinato a mettere in crisi l’inossidabile colosso bianconero. Poco furbo, tra le dovute virgolette, ma decisamente sfrontato. Ammirevole, nel suo disperato coraggio.
Detronizzato, privato del numero 9, abbassa la testa, scatta, converge. La rialza orgoglioso; trovando la porta esattamente dove la ricordava, la fulmina con lo sguardo, poi la trafigge col pallone.
Non è su un’isola fighetta ad abbronzarsi e piangersi addosso. Non con un cocktail in mano a fare il sostenuto. Ha infilato una maglia a casaccio; e chi lo ha fotografato da dietro gli ha fatto sapere che c’è scritto sopra “21”.
In un’epica storia di sport, Higuaín dovrebbe vedere scendere quella cifra sulle spalle, a perdifiato, ad ogni gol segnato. 20. 19. 18. Doppietta: 16. Tripletta: 13. Dalla prima all’ultima amichevole, in una rocambolesca corsa contro il tempo, alla prima di campionato il conto alla rovescia dovrebbe consegnargli la 9 bianconera.
Ma, si sa, c’è poco spazio per il romanticismo, in certe piazze. Ancor meno per una buona storia, per un suggestivo fuori programma. Figuriamoci per un fuor di bilancio.
Mi piace questo Higuaín disperato e forte. Questo giocatore che scommette tutto se stesso in un fallimento annunciato. Ecco perché lo sogno con i nostri colori addosso: perché ora è pronto. E’ pronto a combattere. Contro tutto e tutti. Pronto a sfidare i presagi, le battaglie che sembrano dagli esiti già scritti. E’ pronto a guadagnarsi l’amore di una tifoseria poetica e generosa.
Così, per me, El Pipita in giallorosso non sarebbe “lo scarto della Juventus”. Ma l’uomo che, solo, l’ha sfidata. Con onore.

FONTE    Valeria Biotti      Corriere dello Sport del  30.07.2019

Speaker  Rete Sport  fm  104.200

dal Lunedì al Sabato  ore 18-20

img_20190626_1453568365629175212493500.jpg

 

E……se fosse questa la punta?

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

ci vuole pazienza, molta pazienza, ma con buone possibilità e tenendo i conti ,

vagliando le varie possibilità e senz’altro lui , l’indiziato numero uno.

Chi bisogna convincere perché ciò avvenga ?

L!altra parte del cielo, come sempre ci si deve adeguare. 

Riusciranno i nostri eroi ad esercitare il necessario fascino ?

Avete individuato il nome  ?

Le possibilità che ciò avvenga è del 70% ……

Fate il vosro nome…………..

20190611_084942893363881.png

Roma-Real Madrid, info biglietti: Curva e Distinti Sud a 10 euro per gli abbonati

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

In vendita i tagliandi per la sfida dell’11 agosto all’Olimpico

Dopo aver annunciato l’amichevole contro il Real Madrid, in programma il prossimo 11 agosto all’Olimipico,

20190729_144142377452413.png

la Roma ha reso noti i prezzi dei biglietti. Per riservare un posto in Curva o Distinti Sud i tifosi dovranno spendere 15 euro. Gli abbonati (Serie A o mini abbonamento di Europa League) potranno usufruire dello sconto pagando 10 euro. La tribuna Tevere costa 25 euro (20 con lo sconto), mentre la Monte Mario sta a 35 (30). Chiusi Curva e Distinti Nord.

img_20190525_1028484264545600650233730.jpg

Jesus: “Spero di restare alla Roma altri dieci anni, sono qui per fare grandi cose”

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Le parole del difensore brasiliano: “Fonseca è sereno e serio e il gruppo lo segue. Il derby alla seconda? Saremo pronti”

Juan Jesus comincia la sua quarta stagione con la Roma. Il difensore brasiliano ha parlato ai media del club questa mattina, per raccontare le sue impressioni sul nuovo corso giallorosso:

20190729_144142377452413.png

Come stai?
Molto bene.
Tu sei l’unico contento quando ci si allena presto. Per te arrivare alle 8.30 a Trigoria è già tardi?
Sì, di solito mi sveglio alle 7. Porto il bimbo all’asilo e vengo subito a Trigoria.
Quarto anno per te, ormai sei un veterano.
Speriamo di farne altri 10. Sono venuto qua per fare grandi cose, ho ancora tanto da dare e imparare, spero di restare per tanto tempo.
Il gruppo sembra sereno, con voglia di lavorare e piano piano si vede quello che vuole il mister.
Certo, è un gruppo nuovo, abbiamo cambiato tanto. Quelli che sono arrivati lo hanno fatto con la voglia giusta e questo è importante. Il mister dà il suo meglio, parlo della tattica, come dobbiamo giocare, cosa dobbiamo imparare e anche se sono ancora pochi giorni si iniziano a notare certe cose che saranno fondamentali per tutta la stagione.
C’è positività.
Il gruppo è tutto nuovo e giovane, ci sono ragazzi che hanno voglia di imparare e fare qualcosa in più, passando anche sopra la stanchezza. E’ un gruppo sereno. Per lavorare bene dobbiamo essere sereni e felici, e fare quello che ci piace, ossia giocare a calcio.
Il lavoro con il pallone sembra meno pesante…
E’ una finta, anche con la palla si fa un lavoro molto intenso. A noi sta piacendo tanto, è un lavoro intenso che ci aiuterà tantissimo. E’ bello lavorare con la palla, soprattutto per la testa, perché correre senza è più faticoso, ma anche così si corre tanto.
C’è qualcuno che ti ha colpito particolarmente tra i compagni?
C’è un bel gruppo, tutti lavorano bene. C’è l’esempio di Cristante che è uno che si allena sempre forte. Diawara ha qualità e tecnica incredibile, può aiutare tanto la Roma. Perotti è tornato benissimo, Fazio, Mancini, posso dire tutti. Loro lavorano bene e sono tornati benissimo dalle vacanze.
Sul mister.
Io capisco tutto prima grazie alla lingua (ride, ndc). E’ sereno e serio, ci dice cosa dobbiamo fare e questo è quello che ci piace. Dobbiamo fare così e sarà così per tutta la stagione. Possono cambiare un paio di cose, però così sarà difficile che gli altri ci prendano di sorpresa. Il gruppo lo segue e questo è importante.
A livello tattico avete cambiato mentalità. Ora se perdete il pallone dovete avanzare.
Di solito si scappa comunque, ma c’è sempre un tempo. Il mister dice di temporeggiare più possibile, così l’attaccante fa un movimento prima andando in fuorigioco e noi siamo più corti. Questo ci aiuta a fare un pressing più alto. Non staremo sempre li perché non siamo macchine ed è difficile pressare tutta la partita. Se sei corto, anche se perdi palla riesci a essere reattivo e arrivare prima sul pallone.
Sul calendario.
E’ un bel calendario, abbiamo la possibilità di fare bene. Le partite si affrontano una alla volta, è vero, ma se lo guardi ci sono partite nelle quali possiamo vincere – spero che le vinceremo tutte – e ovviamente ci sono partite difficili. Il derby alla seconda? Bello, siamo subito pronti ad affrontarlo. Io quando guardo il calendario cerco le partite più belle da giocare, ad esempio la Juve, contro Inter e Milan o contro il Napoli, sono partite divertenti.

screenshot_2018-11-12-09-18-16_1-1968935503.jpg

Scacco a Pallotta: si dimette il cda di Eurnova

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Una decisione presa visto il lungo tentennare di Pallotta nel chiudere il contratto da 100 milioni per la cessione dei terreni di Tor di Valle

20190729_144142377452413.png

Se non bastasse le prevista frenata della giunta Raggi sullo stadio a Tor di Valle (i segnali in questo senso si susseguono ormai da mesi), James Pallotta si ritrova a dover gestire l’ira del cda di Eurnova, la società incaricata di costruire l’impianto che dovrebbe (il condizionale a questo punto è d’obbligo) ospitare gli incontri casalinghi della squadra giallorossa.

Venerdì, come riporta La Repubblica, i vertici della società che ha cambiato management dopo l’arresto di Luca Parnasi (e guidata fino a tre giorni fa dall’ad Giovanni Naccarato) si sono dimessi in blocco.
Una decisione presa visto il lungo tentennare di Pallotta nel chiudere il contratto da 100 milioni per la cessione dei terreni di Tor di Valle che prevedeva un acconto da 10 milioni da pagare a Eurnova.

Una mossa, soprattutto, per mettere alle strette il patron della Roma che sa bene che in assenza di Eurnova lo stadio non si fa. Senza nemmeno dover aspettare l’eventuale retromarcia del Campidoglio a guida M5S.

fonte   La Repubblica

20181222_111556821083662.png

Roma, blitz a Londra. Sprint Alderweireld

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Petrachi ha in mano l’ok del papà del calciatore per un triennale da 4 milioni a stagione. Jemerson (Monaco) una delle possibili alternative

Ultima chiamata. La Roma è pronta ad effettuare l’ennesimo tentativo per Alderweireld, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Da ieri Petrachi ha ricominciato a lavorare sul difensore riallacciando i rapporti con l’entourage del ragazzo che inevitabilmente deve avere un ruolo importante nella trattativa. Le indiscrezioni provenienti dall’Inghilterra sul fatto che gli Spurs – ora che la clausola rescissoria è scaduta – chiederebbero 40 milioni, dalle parti di Trigoria non trova conferme. Si ragiona sempre sulla quotazione di 25 milioni di sterline, al cambio 28 milioni di euro. Una valutazione che la Roma sta cercando di abbassare, sfruttando anche il lavoro di Baldini. Petrachi il suo lo ha fatto: ha l’ok in mano del papà del calciatore per un triennale da 4 milioni a stagione. Ora arriva la parte più difficile.

20190729_144142377452413.png

E chissà se già in giornata Fienga non abbia modo di incontrare il Consigliere di Pallotta a Londra per fare il punto della situazione, rimanendo in stretto contatto con il ds salentino. Va precisato come il Ceo giallorosso è nella City per altri motivi. La sua presenza è necessaria infatti per dare il via al road show’ del bond giallorosso, emesso nei giorni scorsi dalla società. Si tratta di una serie di incontri tra la comunità degli investitori istituzionali e il management del club che intende realizzare un’operazione di offerta (prestito obbligazionario per 275 milioni) sul mercato. Una cosa però non esclude l’altra.

Alderweireld è la priorità, Jemerson (Monaco) una delle possibili alternative. A meno che, il Torino fallisca l’accesso all’Europa League. A quel punto, con sei difensori centrali (Izzo, Nkoulu, Djidji, Bremer, Lyanco, Bonifazi) in rosa, Petrachi tornerebbe alla carica per Lyanco, fresco di rinnovo sino al 2024. Altra pista è quella che porta a Verissimo. Intanto ieri, l’atteso incontro in Lega tra Roma e Inter per Dzeko ha prodotto ben poco. O molto a seconda delle versioni.
La novità è che l’Inter è pronta ad arrivare a 15 milioni. Ascoltando quanto trapela da Trigoria non bastano. Opposto il punto di vista che arriva da Milano, dove si dà la chiusura della trattativa per imminente, magari inserendo nei prossimi giorni dei bonus che possano portare il totale a 18. Dalla Roma però ribadiscono che il problema, ad oggi, oltre alla valutazione è la tempistica. Non avendo in mano il possibile sostituto, Petrachi frena. Tra l’altro Fonseca sta apprezzando il modo in cui il centravanti si è messo a disposizione e sta lavorando come se Edin dovesse restare. Il bosniaco, dopo il sovraccarico muscolare, è atteso nuovamente in gruppo. Da valutare la sua presenza a Perugia.

fonte   Stefano Carina  Il Messaggero

img_20190712_0716132110695140766469776.jpg

Roma, è subito clima derby: Lazio alla seconda giornata. Fonseca: “Calendario positivo”

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

I sorteggi del calendario di Serie A 2019/2020 hanno delineato gli incontri per i giallorossi. Le dichiarazioni di Fienga e Fonseca. Il mercato, con l’operazione Higuain e l’ufficialità di Providence

20190729_144142377452413.png

 

La Roma ricomincia dall’Olimpico: di fronte il Genoa dell’ex Andreazzoli. Un match d’esordio da non sottovalutare per i giallorossi, che devono partire con il piede giusto. L’ostacolo maggiore però, sarà subito alla seconda giornata, con il derby della Capitale tra Roma e Lazio. Un banco di prova immediato per Fonseca, chiamato a non fallire un appuntamento fondamentale per i tifosi. Il tecnico portoghese, attraverso le sedute di allenamento, spera di riuscire a mettere in mostra, velocemente, tutte le quelle idee tecnico-tattiche utili al raggiungimento dello scopo. Un calendario ostico per i giallorossi, che chiuderanno il girone di ritorno a Torino, contro la Juventus di Maurizio Sarri.
MERCATO – In casa Roma però, si continua a lavorare su più fronti per completare la rosa. Dopo l’ufficialità di Providence, in arrivo dal Psg, L’obiettivo numero uno per l’attacco rimane Gonzalo Higuain. Per l’arrivo del Pipita però, è necessaria la cessione di Edin Dzeko. Il centravanti bosniaco è ancora nel mirino dell’Inter, che ha alzato la propria proposta economica spingendosi verso i 15 milioni di euro. Oltre al classe ’86, potrebbe lasciare Trigoria anche Patrick Schick, al centro dell’interesse della Fiorentina di Montella, ma anche del Monaco. In uscita anche Defrel, che piace molto al Cagliari di Giulini.
DICHIARAZIONI – Giornata intensa ai microfoni per i giallorossi, con le parole di Fienga, intervenuto nel corso dei sorteggi del calendario di Serie A: “Soddisfatti e impressionati da Fonseca”. Ma non solo, nel pomeriggio è stata pubblicata, sul sito ufficiale del club, l’intervista a Leonardo Spinazzola, in cui l’esterno ha avuto modo di ripercorrere a parole, l’intero cammino che lo ha portato in giallorosso. Stamane, la Roma Femminile ha svolto l’intero ciclo di visite mediche, con la centrocampista Bernauer che ha avuto modo di dichiarare tutto il suo amore nei confronti della Capitale. Se Providence mostra tutto il suo entusiasmo per la nuova esperienza in giallorosso, Capradossi lancia un messaggio d’addio sui social dopo il passaggio allo Spezia.

img_20190709_0632203940671000147366106.jpg

Roma, ufficiale: l’11 agosto la presentazione all’Olimpico contro il Real Madrid

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Il club spagnolo ha confermato la sfida contro la squadra di Fonseca

La Roma accelera in questa preseason. Paulo Fonseca spinge, vuole tenere alta la tensione e le amichevoli sono il modo migliore per testare le risposte dei suoi giocatori. Dopo il doppio impegno di sabato, i giallorossi sono attesi da un agosto intenso prima dell’inizio di campionato (in casa contro il Genoa).

20190729_144142377452413.png

Prima il Perugia, poi il Lille, l’Athletic Bilbao e infine il big match contro il Real Madrid. Come confermato dal club spagnolo sul proprio sito ufficiale, infatti, la squadra di Fonseca affronterà gli uomini di Zinedine Zidane il prossimo 11 agosto (domenica) allo Stadio Olimpico, ore 20. Una gara che costituirà la presentazione della nuova Roma plasmata dal tecnico portoghese nella prima sfida in casa, anche se non ufficiale. Per i Blancos, invece, sarà l’ultimo test prima dell’inizio del campionato, il 17 agosto in casa del Celta Vigo.

IMG_20190303_145050.jpg

 

L’Inter alza la posta per Dzeko: offerti 15 milioni ma per i giallorossi non bastano

img_20190726_0724051855882143915260546.jpg

Marotta ha aumentato l’offerta per il bosniaco, ma il club capitolino non vuole fare sconti

Continua il tira e molla tra Roma e Inter per Edin Dzeko. Da settimane il bosniaco è in uscita dai giallorossi con un accordo già raggiunto con i nerazzurri, ma che manca tra i club per il cartellino. Il braccio di ferro è in corso, ma nelle ultime ore potrebbe esseerci stato un avvicinamento. Questo perché, come riporta il giornalista Niccolò Ceccarini, Marotta avrebbe alzato l’offerta alla Roma a 15 milioni di euro. La palla passa ora ai giallorossi, che devono dare una risposta all’Inter per mettere, eventualmente, il punto a questa telenovela di mercato.

20190729_144142377452413.png

Secondo Sky Sport, però, il rilancio dell’Inter a 15 milioni non basta per la Roma. I giallorossi vogliono 20 milioni di euro e non hanno intenzione di schiodarsi da quella richiesta. Nessuno sconto quindi, anche perché il giocatore ha convinto in pieno Fonseca. E il club capitolino accetta anche il rischio di non rinnovare e perdere il giocatore a zero l’anno prossimo.

FONTE Sky Sport

screenshot_2018-10-03-11-08-17_1_1-382571310.jpg