Mercato, Roma su Fekir

img_20190702_1959439023155843386089573.jpg

Il fantasista del Lione piace a Petrachi e rappresenterebbe l’alternativa a Zaniolo

Tempo di mercato, ma anche di sogni e tentativi. Dopo aver chiuso i primi colpi in entrata, il ds Gianluca Petrachi è pronto a bussare alla porta del Lione per Nabil Fekir.Il classe ’93 è il prototipo del classico trequartista di fantasia, grande tecnica e colpi da vero campione. Secondo quanto riportato da Il Secolo XIX, il giovane francese però, rappresenterebbe l’alternativa a Nicolò Zaniolo.
Nel caso in cui l’ex Inter dovesse accettare la corte bianconera, ecco che il dirigente salentino virerebbe verso il calciatore di origini algerine.

fonte   Il Secolo XIX

img_20190704_0929227693896064289988612.jpg

Roma-Veretout: è fumata grigia

img_20190702_1959439023155843386089573.jpg

 – Nessun passo avanti per Veretout e per i rinnovi di Zaniolo ed El Shaarawy. Quella di ieri è stata una giornata interlocutoria per le molteplici trattative di mercato nella quali è coinvolta la Roma, a caccia di un altro centrocampista dopo l’acquisto di Diawara. Petrachi, che oggi si presenterà in conferenza stampa, ha avuto un colloquio con la Fiorentina per approfondire la situazione legata a Veretout, per il quale è in atto un braccio di ferro con il Milan. Nel corso del faccia a faccia con i viola, Pradè ha confermato al ds giallorosso la volontà di non smuoversi dalla richiesta di 25 milioni di euro, rifiutando per il momento qualsiasi contropartita tecnica proposta, come Karsdorp o Defrel, pronto ad imbarcarsi per Cagliari a prescindere dall’esito della telenovela Barella. La Roma ha spiegato ai toscani che non verranno fatte follie per Veretout e che non c’è il desiderio di partecipare ad aste, avendo già rilanciato rispetto alle concorrenti sull’ingaggio del giocatore, che, soprattutto sulla spinta della moglie, ha messo leggermente avanti il Milan nella lista delle preferenze. Defilato il Napoli, spaventato dalle cifre dell’affare.
Un altro fronte sul quale non si registrano sostanziali novità è quello per il rinnovo di Zaniolo, per il quale era stato inizialmente fissato per questi giorni un incontro tra Petrachi e l’agente: il dirigente ha spiegato al procuratore del classe 1999 che il rinnovo si farà, ma non c’è alcuna fretta nell’approfondire ora le discussioni. Anche per El Shaarawy le parti sono ferme sulle rispettive posizioni: lo Shanghai si è rifatto sotto prepotentemente e per prolungare il Faraone chiede circa 4 milioni di euro, a dispetto dell’offerta giallorossa di rinnovare alle cifre attualmente percepite. La trattativa più calda, per la quale si può arrivare a dama a breve, è quella per Mancini, al primo posto nella lista degli obiettivi. La Roma sta portando avanti i colloqui con l’agente del difensore dell’Atalanta e vorrebbe chiudere l’acquisto a circa venti milioni, visto che è stata abbandonata la pista che conduce a Bartra. Con il Betis viene mantenuto aperto il fronte per Pau Lopez, candidato unico alla sostituzione di Olsen: il portiere spagnolo è valutato 30 milioni dal club di Siviglia, ma Petrachi, forte di un accordo di massima con l’entourage, sta cercando di abbassare le pretese mentre lavora sulla cessione dello svedese.
In alto mare la ricerca che porta ad un centravanti, anche se la Roma mantiene velleità di convincere Higuain, che dovrà prima spalmare il contratto con la Juventus, ben disposta a liberarsi del costo annuo del Pipita, intenzionato a muoversi in prestito soltanto dopo il riconoscimento di una buonuscita. In entrata oltre a Barella, per il quale viene mantenuta una posizione d’attesa, è circolato il nome di Strootman, pronto all’addio al Marsiglia dopo appena un anno. L’olandese si è proposto un paio di mesi fa a Massara e un intermediario ha provato ad ideare uno scambio con Nzonzi (sondato dal Monaco e offerto in Cina), ma da Trigoria fanno sapere che non ci sono le condizioni per un clamoroso ritorno, visto che la «Lavatrice» guadagna 4,5 milioni annui. In uscita non trova riscontri l’interesse del Flamengo per Juan Jesus e Gerson, per il quale è ancora in piedi la trattativa con la Dinamo Mosca. Petrachi sta poi lavorando per trovare una nuova squadra a Marcano e a Bruno Peres, finito nel radar dello SpartaK Mosca.

fonte   IL TEMPO – BIAFORA

img_20190624_085314579264872185012969.jpg

Il banco salta con gli over 30

img_20190702_1959439023155843386089573.jpg

 – Buffon; Miranda, Bonucci, Kolarov; Cuadrado, Nainggolan, Nzonzi, Perisic; Pastore; Higuain, Mandzukic. Solo un anno fa, questa formazione (eccezion fatta per Buffon, neo vice Szczesny) sarebbe costata circa 300 milioni. Oggi alcuni valori tecnici si sono dimezzati, altri quasi azzerati ma non per questo gli over 30 sul mercato sono sempre occasioni. Anzi, molto spesso ingaggi importanti, abbinati al costo che hanno a bilancio, limita di molto le loro scelte. E di riflesso riduce quelle dei club proprietari del cartellino, costretti a regalare buonuscite o a trovare formule particolari per il discorso ammortamento. Un capitolo a parte merita, però, Gigi Buffon. Oggi il portiere 41enne effettuerà le visite mediche a Torino, prima di firmare il contratto da secondo che sarà l’anticamera di un prossimo futuro da dirigente, ancora da definire. Dopo una stagione al Psg, in cui ha guadagnato circa 5 milioni di euro, firmerà per 2 milioni.
VECCHIA SIGNORA Buffon troverà una squadra diversa, più giovane con Rabiot e De Ligt(l’olandese è sempre più vicino, Juve e Ajax stanno discutendo delle formule di pagamento) con un club ancora concentrato sul rinnovamento della rosa. In tale quadro, si inseriscono le riflessioni su Bonucci e le possibili uscite degli altri over 30 Matuidi, Mandzukic, Khedira, Cuadrado. Quest’ultimo è stato proposto a diverse società in Italia e all’estero, ma per lasciarlo partire i bianconeri chiedono ancora 20 milioni. Anche l’attaccante croato, vero pupillo di Allegri, pagherà il cambio di allenatore: sul tavolo del suo entourage almeno due proposte dalla Cina. Hanno ricevuto offerte da Pechino anche Pastore e Nzonzi. Ma il fantasista argentino, ai margini del progetto giallorosso, continua a preferire lo stipendio della Roma da oltre 4 milioni a stagione per i prossimi quattro anni. Il centrocampista francese pagato un anno fa 26,5 milioni di euro ha fatto invece sapere di essere disposto a lasciare la Capitale, solo per campionati importanti. Si spiega così il no al Galatasaray.
Da Roma a Milano: Nainggolan si conferma uno degli esuberi di lusso della nuova Inter di Conte. A bilancio per circa 30 milioni di euro, il belga verrà convocato per il ritiro, ma il messaggio del club non cambia: il suo agente Beltrami (lo stesso di Barella) dovrà trovargli presto un’altra squadra. Classe ’87, Higuain è sicuramente il terminale offensivo della formazione over 30 in cerca di riscatto. La Roma ha impostato un’operazione con la Juventus: prestito oneroso con l’attuale ingaggio da 7,5 milioni spalmato su più anni ma non si escludono altre formule, in grado di aiutare i bianconeri a non fare una minusvalenza. Il Pipita è a bilancio a 36 milioni di euro. I giallorossi sono in pressing, speranzosi di poter persuadere anche l’ex attaccante del Napoli, nonostante le dichiarazioni pubbliche del fratello Nicolas sulla sicura permanenza a Torino. A proposito di volontà, Lukaku aspetta aggiornamenti dal suo agente, ieri a colloquio con l’Inter.

fonte   IL MESSAGGERO – TROTTA 

screenshot_2018-07-01-21-51-37_1-1350011785.jpg

Il ritiro parte martedì: subito doppia seduta

img_20190702_1959439023155843386089573.jpg

– A partire da lunedì alle 9 comincerà la nuova stagione della Roma con le visite mediche alla clinica Villa Stuart (esclusi Zaniolo e Pellegrini impegnati fino al 22 giugno con l’Under 21). Tra i convocati c’è anche Dzeko che, se non si trasferirà all’Inter nei prossimi giorni, si presenterà a Trigoria da separato in casa. Fonseca ha fissato una doppia seduta per martedì. I calciatori – almeno inizialmente – rimarranno a dormire nel centro sportivo, poi con il passare delle settimane saranno pianificati i giorni liberi e le notti a casa. L’obiettivo del portoghese è entrare in sintonia con la squadra nel minor tempo possibile. Saranno disputate delle amichevoli, non lontano da Roma e in qualche città europea. Ma non è escluso che il tecnico possa chiedere una settimana di ritiro in montagna se il caldo di Roma dovesse diventare insopportabile. Oggi alle 16 sarà presentato il nuovo direttore sportivo Petrachi.

fonte IL MESSAGGERO

FB_IMG_1491624057200_1