Due colpi da fare entro Ferragosto. Alderweireld e Higuain nel mirino

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_0807031653540505.png

CORRIERE DELLO SPORT – La strategia della Roma non cambia: gli obiettivi prioritari restano Higuain e Alderweireld e nei prossimi giorni Petrachi lavorerà per centrarli.

20190804_1135291611956842.png

Il direttore sportivo ieri non ha seguito la squadra a Lilla, proprio per continuare a lavorare sulle trattative calde. Come scrive il quotidiano sportivo, potrebbe essere decisiva la settimana di Ferragosto, soprattutto per Higuain, mentre per il difensore belga i tempi potrebbero essere più brevi considerando che il mercato inglese chiude l’8 agosto.

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

Negli ultimi giorni di mercato il ds potrebbe anche lavorare su eventuali possibilità di prendere un terzino destro o un esterno offensivo, ruolo per cui c’è anche Zaniolo, quindi negli ultimi giorni ha perso consistenza la pista per Suso.

20190801_0921391347652420.png
Il belga sembra più vicino di Higuain poiché, dopo aver raggiunto l’accordo con la Roma (3 anni a 3,5 milioni a stagione più bonus), spinge per la cessione. Inoltre, Fonseca gli ha parlato assicurandogli un ruolo da protagonista al centro della difesa. Infine, sono stati offerti Nacho e Llorente.

FONTE     CORRIERE DELLO SPORT

img_20190614_0900503825029174595368629.jpg

 

Stadio, Fiumicino si offre anche a Lotito

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_0807031653540505.png

Montino: “Se il patron della Lazio mi chiede di costruire lo stadio io sono disponibile”

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

Il Comune di Fiumicino potrebbe essere il “piano B” della Roma nel caso in cui saltasse il tavolo col Campidoglio per Tor di Valle, invece la Lazio potrebbe essere il “piano B” di Montino, sindaco di Fiumicino.

20190801_0921391347652420.png

“Se saltasse l’interlocuzione con la Roma, perché magari si sblocca la situazione a Tor di Valle, e si presentasse Lotito dicendo” ho in mente di fare lo stadio della Lazio”, io sono disponibile, apro porte e finestre e dico “benissimo, discutiamone”. Non ho una pregiudiziale da club, faccio l’amministratore pubblico e quindi penso al meglio della città».

20190801_092237385237931.png

Questo è quanto ha detto, ai microfoni di Radio Radio, il sindaco Montino, che ha aggiunto: “A quel punto Lotito dovrà decidere se lasciare il versante Nord Est della Capitale e andare sul versante Ovest. Ci siamo sentiti per altro, e non su questo“.
Ovviamente, in attesa della risposta da parte della Regione sulla richiesta, avanzata lo scorso 19 luglio dalla Roma, di chiarimenti in merito ai legami fra Stadio e opere di mobilità gestite da altri soggetti (l’ammodernamento della Roma-Lido di Ostia finanziato e gestito dalla Regione stessa), continua a tenere banco in un profluvio di dichiarazioni la possibile via d’uscita, cioè spostare il progetto giallorosso a Fiumicino.

Ipotesi plausibile solo a condizione che la Roma e il Campidoglio rompessero e ci si trovasse in tribunale. Ma, intanto, Montino, da vecchia volpe della politica, si infila nelle difficoltà della Raggi e dei 5Stelle chiarendo che “non è vero che la maggior parte dei terreni sia di Leonardo Caltagirone ma di una ventina di proprietari con destinazione d’uso centro logistico, commerciale e attività sportive“.

FONTE  RADIO RADIO

IMG_20181225_193134.jpg

Stop alle scommesse, il calcio perde 100 milioni

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_0807031653540505.png

La Roma, che in allenamento utilizzava divise marchiate Betway, ha dovuto rinunciare a 4,5 milioni nella stagione 2019/2020

Si è riacceso il dibattito sul business del gioco d’azzardo con l’entrata in vigore del Decreto Dignità.

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

Dal 15 luglio, infatti, in Italia ne è vietata qualsiasi forma di pubblicità, anche indiretta, effettuata su qualunque mezzo, come riporta Il Sole 24 ore.

20190801_0921391347652420.png

Le misure del Governo non consentono la promozione di attività e prodotti legati al gioco d’azzardo neanche tramite trasmissioni tv o radiofoniche, stampa quotidiana e periodica, le pubblicazioni in genere.

20190801_092237385237931.png

Il divieto si applica anche alle sponsorizzazioni delle società di scommesse, che rappresentano una fonte di guadagno importante per i club delle massime divisioni calcistiche europee. Secondo l’Agcom con l’entrata in vigore del Decreto il sistema calcio italiano dovrà fare a meno di 100 milioni di euro all’anno. La Roma, che in allenamento utilizzava divise marchiate Betway, ha dovuto rinunciare a 4,5 milioni nella stagione 2019/2020 e complessivamente a 15,5 milioni.

img_20190525_1028484264545600650233730.jpg

L’agente di Olsen a Roma per accelerare la cessione

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_0807031653540505.png

L’estremo difensore svedese piace a Copenaghen e Fenerbahçe

Robin Olsen è in partenza e non è un mistero.

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

L’estremo difensore svedese, approdato un anno fa, piace al Copenaghen e al Fenerbahçe e, salvo sorprese, lascerà la Capitale. Per accelerare tale operazione, come riporta Il Tempo, è sbarcato a Roma il suo agente, pronto a chiudere con la giusta offerta.

20190801_0921391347652420.png

Olsen, nei giorni scorsi, è stato anche un obiettivo del Benfica, una volta che il club lusitano ha rinunciato all’acquisto di Perin.

screenshot_2018-09-21-12-27-03_1942913824.jpg

Petrachi sale con i bonus per avere Alderweireld

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_0807031653540505.png

Il belga è il numero uno della lista del ds salentino per l’acquisto di un centrale titolare

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

L’amichevole di ieri, al netto del successo, conferma l’esigenza di acquistare un centrale difensivo, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Fazio, soprattutto nel primo tempo, è apparso costantemente in difficoltà e la giustificazione della preparazione, regge sino ad un certo punto. La Roma ha bisogno di un titolare.

20190801_092237385237931.png

Petrachi lo sa, per questo motivo nelle prossime ore proverà ad insistere per Alderweireld. Per accorciare la distanza tra la richiesta del Tottenham (28) e l’offerta giallorossa (20), il ds salentino è disposto ad inserire qualche bonus in più. Bisogna però fare in fretta perché ormai mancano soltanto 4 giorni alla chiusura del mercato in Premier.

20190801_0921391347652420.png
Un’ulteriore accelerazione potrebbe arrivare dalla cessione di Defrel. Già domani, la volontà è di chiudere un’operazione avviata da tempo con il Cagliari: 15milioni la valutazione complessiva per l’attaccante francese (3 per il prestito e 12 per il riscatto). Intanto la grande prova di Dzeko a Lille, permette alla Roma di accantonare, almeno per ilmomento, la questione-centravanti. Anche perché, visto che la giostra dei numeri 9 tarda a mettersi in moto, Petrachi si ritrova in una posizione di forza (con l’Inter) e non esclude di tenersi il bosniaco.

FONTE   Stefano Carina Il Messaggero

img_20190712_0716132110695140766469776.jpg

La diversa qualità tra i due tempi fa la differenza

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_0807031653540505.png

Nella ripresa più qualità e precisione nel palleggio. Dzeko decisivo, entra nelle azioni dei tre gol

E’ complicato (oppure facilissimo, paradossalmente) dare la giusta lettura alla partita che la rinnovata Roma di Paulo Fonseca ha giocato ieri a Lille, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero.

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

Primo appuntamento di precampionato contro una squadra vera, e reduce dal secondo posto nella passata stagione in Ligue1, e ancora un successo, stavolta con due reti sul groppone. La morale del test? Che devi imparare a difendere molto meglio e, soprattutto, che senza qualità quando hai la palla, non vai da nessuna parte.

20190801_092237385237931.png
Lo ha dimostrato l’ingresso di Dzeko, il principe della qualità, che non ha segnato ma ha ispirato dall’alto della sua classe le reti della Roma. Meditate gente, meditate…

20190801_0921391347652420.png

Lo scarsissimo numero di occasioni da gol create nel primo tempo, lo sta a testimoniare in maniera eloquente. I giallorossi non hanno mai messo in mostra la necessaria fluidità di manovra, hanno sbagliato un’infinità di palloni già nella fase di uscita regalando così occasioni su occasioni agli avversari. Nullo, o quasi, il contributo dei due esterni d’attacco, chiamati a giocare più dentro il campo che sulle corsie esterne: entrambi hanno palesato limiti sul piano del palleggio e i difensori del Lille non hanno sudato più di tanto per bloccare le loro giocare. Ma è stata tutta la Roma, sia chiaro, a mancare di qualità.
Nel secondo tempo la Roma ha migliorato nettamente la percentuale dei passaggi completati, e ha costretto l’avversario alle corde. E quando ha potuto mettere in moto a dovere Dzeko è arrivata al tiro, quindi al gol. Che Edin sia un giocatore unico nel panorama del calcio, lo si sa da sempre; non c’era bisogno della partita di Lille per averne una conferma. Ma del (suo) doman, non c’è certezza…

FONTE     Mimmo Ferretti  Il Messaggero

img_20190709_093846204332763197651200.jpg

 

La Roma vince ancora, tris in casa del Lille: Dzeko ispira, Zaniolo, Under e Cristante segnano

per saperne di più cliccare sul link
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “
NON
continuare a leggere,
IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
GRAZIE

20190804_06294222234887.png

I giallorossi vanno in svantaggio nel primo tempo, rimontano e subiscono ancora dopo il giro di cambi, poi la chiude l’ex Atalanta. Difesa da registrare, bene in attacco

img_20190803_2131526297674676229703045.jpg

La Roma viaggia a due velocità e vince con il Lille nel primo match internazionale dell’era Fonseca. Al Pierre Mauroy finisce 2-3, con i giallorossi che passano in svantaggio (Weah al 19’), poi rimontano nella ripresa grazie ai gol di Under e Zaniolo, subiscono il nuovo pari di Araujo e segnano infine il tris grazie a Cristante. Dzeko decisivo in tutte le reti, punto di riferimento imprescindibile dell’attacco.

20190801_0921391347652420.png

INSICUREZZA – Primo match di livello per la Roma in questa pre-season e Fonseca non cambia. Contro il Lille spazio all’ormai solito 4-2-3-1, con Fazio-Jesus al centro e la coppia di mediani inedita formata da Diawara e Cristante. La prima occasione per passare in vantaggio ce l’hanno i giallorossi: Dzeko trova l’inserimento di Zaniolo, ma il centrocampista da buona posizione spara alto. Roma imprecisa nei passaggi e poco sicura dietro, il Lille ne approfitta. Florenzi sbaglia l’appoggio per Dzeko, i francesi recuperano palla, Bamba e Weah dialogano nello stretto lasciando sul posto lo stesso Florenzi e Fazio, e colpiscono con il figlio di George. Al 19’ i padroni di casa sono in vantaggio.

20190801_092237385237931.png

BRIVIDI – La Roma prova a fraseggiare a centrocampo, al 26’ arriva però un altro regalo, stavolta di Cristante, che con un retropassaggio sbagliato innesca il contropiede di Remy, ma l’attaccante francese pecca di egoismo e grazia i giallorossi provando il tiro da fuori, parato da Lopez. Al 39’ ancora uno svarione difensivo della Roma, ma stavolta Jesus ci mette una pezza e il Lille non riesce a colpire con Ikoné. La squadra di Fonseca abbassa il baricentro e non incide in fase di pressing come vorrebbe Fonseca. Al 43’ però si riaffaccia in attacco ancora con Zaniolo (tra i migliori dei suoi), che si libera di un difensore e lascia partire il destro che non impensierisce Maignan. Primo tempo che si chiude in svantaggio di una rete.

UNO-DUE: ROMA AVANTI – Nel secondo tempo entra in campo un’altra Roma. La squadra sembra aver recuperato sicurezza e coraggio e al 50’ segna subito il pari. Lancio in profondità di Diawara che trova Dzeko con il contagiri, il bosniaco serve alla perfezione Under che arrivando da dietro batte Maignan e fa 1-1. Passano dieci minuti e la Roma segna ancora. Dzeko fa da regista, serve Kolarov sulla sinistra, palla dentro per Zaniolo che vince un rimpallo e segna con la porta sguarnita. Uno-due terribile degli uomini di Fonseca, completamente trasformati dopo 45 minuti sottotono.

TRIS E SORRISI – Al 70’ Fonseca cambia tutto (o quasi) e la Roma, che era in controllo, subisce il pari. Il Lille esce bene dal pressing dei giallorossi, Soumaré porta palla a centrocampo e serve Araujo in profondità, che lasciato solo a sinistra trafigge Pau Lopez. Dubbi sulla posizione di partenza del brasiliano, che sembra in fuorigioco al momento del passaggio. Ancora un brivido poco dopo con Remy che da solo manca l’appuntamento con il pallone dopo un bel cross da sinistra. Negli ultimi minuti la Roma torna avanti, stavolta con Cristante che batte il portiere con un bel sinistro, ispirato ancora da Edin Dzeko, autore di una partita da ricordare. Settima vittoria su sette per Fonseca, che può sorridere. Appuntamento a mercoledì, quando i giallorossi torneranno a Perugia per sfidare il Bilbao.

 

20190211_2231001721209504.png