Smalling è già Big Hero: col Lecce 100% di duelli vinti. Ora la difesa è più sicura

Numeri impressionanti del centrale inglese, alla seconda consecutiva da titolare. Di testa o in scivolata, le ha prese tutte: adesso è atteso dagli esami veri

In Big Hero, il cartone animato targato Disney, il gigantesco ma dolcissimo robot Baymax ha un chip che gli permette di dare assistenza medica a chiunque ne abbia bisogno.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

img_20190929_1852497219558000672094061.jpg

E chissà se, come lui, anche Smalling si sia presentato a Fonseca dicendogli “sono il tuo operatore sanitario personale”. Di certo tutti a Trigoria speravano che l’arrivo del centrale inglese – chiamato a sostituire Manolas – fosse quello in grado di cambiare il trend negativo che già si era visto nelle amichevoli estive. Il tempo di mettersi alle spalle il primo problema muscolare e Chris ha giocato subito le prime due partite da titolare con la nuova maglia. Ed è stato tra i migliori sia con l’Atalanta che ieri con il Lecce, quando ha mostrato numeri impressionanti.

                                            UN CORPO MIGLIORE per UNA VITA MIGLIORE

                                          Vi.com.

Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Scopri Vi. Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone. Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma
CONTATTI :
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email virtualstore@outlook.it

NON SI PASSADieci recuperi, il 100% dei duelli aerei vinti (sette su sette), due palloni intercettati. Ma anche 2 scivolate su 2 a buon fine, due contrasti e cinque palloni spazzati via dall’area di rigore. Insomma, il Lecce avrebbe fatto meglio a stargli alla larga. Una seconda apparizione super convincente arrivata dopo che già i primi 90′ erano stati positivi: con l’Atalanta l’Olimpico più di una volta ha accolto con l’ovazione i suoi interventi, che fossero in anticipo o in scivolata, prima del calo nel finale che ha coinvolto tutta la squadra. Gli stessi tifosi che aspettano un suo gol di testa, vicino già in tre occasioni in 180′: una volta contro Gasperini e due colpi di testa ieri che per poco non hanno battuto Gabriel.

TOTALEIl 92% di passaggi completati passa così quasi in secondo piano. Smalling è stato preso per aiutare Pau Lopez e non certo Veretout. Con lui però l’intero reparto potrà respirare un po’ di più rispetto all’inizio affannoso in campionato in fase difensiva. E non è un caso che sia arrivato anche il primo clean sheet in Serie A: “Più riusciremo a tenere la porta inviolata, più partite vinceremo”, ha detto a fine partita. L’ha capito Fonseca, che ormai tiene sempre un terzino su due bloccato (ieri è toccato a Florenzi), e lo sa bene anche Smalling, che è sembrato subito a suo agio nel clima da battaglia del nostro campionato. Intanto i tifosi sui social hanno trovato un idolo: “Dopo i vari Samuel, Mexes, Benatia, abbiamo un nuovo mostro in difesa. E sembra perfetto per Fonseca”. I tifosi dello United invece guardando lui, Sanchez e Lukaku si mangiano le mani. Perché diventi un “eroe” ci vorranno tempo, vittorie e magari titoli. Ma i primi mattoncini sono da Big.

img_20190925_1432151989305332587211604.jpg

Bilancio in rosso di 24 milioni

i ricavi complessivi ammontano a circa 380 milioni di euro

Il bilancio consolidato della Roma dell’esercizio 2018/19 si è chiuso con un risultato negativo per circa 24 milioni di euro, in leggerissimo miglioramento rispetto al -25,5 realizzato al 30 giugno 2018.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

 

img_20190929_1852497219558000672094061.jpg

 

In vista del cda di venerdì 4 ottobre e dell’assemblea degli azionisti fissata per il 28, la società giallorossa ha pubblicato i dati economico-finanziari della passata stagione sportiva: i ricavi complessivi, compresi anche i proventi della gestione operativa dei calciatori (le plusvalenze per intenderci), ammontano a circa 380 milioni di euro, rispetto ai 320,4 milioni dell’anno scorso, l’Ebitda (dato che non tiene conto degli ammortamenti) è positivo per 100 milioni, mentre il patrimonio netto è negativo per 127 milioni e la posizione finanziaria netta evidenzia un indebitamento pari a 221 milioni.

                                UN CORPO MIGLIORE per UNA VITA MIGLIORE

                                    Vi.com.

Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Scopri Vi. Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone. Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma
CONTATTI :
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email virtualstore@outlook.it

img_20190929_1925165993194267450858102.jpg

 

Il club, che ha varato la proposta di un aumento di capitale fino ad un massimo di 150 milioni, fa sapere che le stime per l’esercizio che chiuderà al 30 giugno 2020 prevedono una nuova perdita, ma ovviamente non sono prevedibili le operazioni di mercato e l’andamento della squadra.

screenshot_2018-10-13-12-26-14_1-1289122224.jpg

Fonseca ride. Dirigenti contro Abisso

Fonseca è compiaciuto dopo che la squadra giallorossa ha espugnato il Via del Mare di Lecce, mentre la società sfoga la sua rabbia contro la direzione di gara da parte dell’arbitro

Sorridente e soddisfatto per la seconda vittoria consecutiva lontano dalle mura amiche dell’Olimpico, con le trasferte, contando anche il derby con la Lazio, che hanno regalato ben sette degli undici punti finora conquistati dalla sua Roma.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

img_20190929_1852497219558000672094061.jpg

Come riporta Il Tempo, è un Paulo Fonseca compiaciuto dopo che la squadra giallorossa ha espugnato il Via del Mare di Lecce, mettendo in campo una prestazione fatta di tanta solidità in difesa – Pau Lopez è stato quasi inoperoso tranne che per qualche tiro bloccato centralmente – e di una grande produzione offensiva, non concretizzata nella maniera migliore, soprattutto nel finale di gara. “Non è facile vincere fuori casa e per noi sono tre punti importanti, è difficile giocare fuori e potevamo fare cinque-sei gol. E sempre importante vincere questo tipo di partite, penso che abbiamo fatto una buona partita, abbiamo controllato sempre la gara. Abbiamo creato molte occasioni da rete, abbiamo sbagliato un rigore, penso che i ragazzi hanno lavorato molto, nella ripresa il Lecce non ha avuto neanche un’occasione per segnare”.

                        UN CORPO MIGLIORE per UNA VITA MIGLIORE

                                 Vi.com.

Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Scopri Vi. Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma

CONTATTI :

https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email virtualstore@outlook.it

Il tecnico portoghese ha rispedito al mittente ogni possibile riferimento a Zeman (“Sono sincero non conosco nel dettaglio il gioco di Zeman. In ogni caso questa è la Roma di Fonseca”) e ha espresso piacere per i progressi della linea difensiva, soprattutto dopo l’intervallo, una fase della partita in cui i giocatori apprezzano lo spessore motivazionale e tattico di Fonseca: “Il Lecce ha avuto qualche contropiede dove noi non eravamo preparati, ma nello spogliatoio abbiamo parlato e ho spiegato che non ci potevamo permettere questa situazione. Smalling ha fatto una buona  partita, così come Mancini e tutta la linea difensiva. Penso che il modulo non è importante, l’importante è la dinamica della squadra. Cambiando qualche giocatore la squadra ha mantenuto la solita idea di calcio”. Il pensiero si è infine spostato sulla prossima partita, con Fonseca che ha già testato il rischio di adagiarsi sugli allori e ha avvertito tutti delle difficoltà e delle insidie  che potranno presentarsi con il Wolfsberger: “Pensare che è una partita difficile. Loro hanno vinto 0-4 contro il Borussia Monchengladbach, quindi sono una squadra forte. Dovremo cambiare giocatori è vero,
perché non è facile fare tante partite in poco tempo”. Il riferimento è al ritorno dal
primo minuto di Zaniolo e al possibile impiego di Kalinic per far rifiatare Dzeko, il terzo giocatore più utilizzato in questo avvio di stagione alle spalle del portiere Pau Lopez e di Kolarov, che può far posto ad uno Spinazzola in crescita.

Amara l’analisi di Liverani, contento comunque dell’intensità e del gioco messo in mostra dal suo Lecce: “Il gol è un regalo nostro, abbiamo perso palla in uscita. La squadra mi è piaciuta, ha combattuto, sofferto e attaccato”.

Nessun accenno al rigore negato alla Roma per l’evidente fallo di mano di Lucioni: i dirigenti giallorossi, già arrabbiati con Pairetto al termine del match con il Bologna, si sono però fatti sentire con il quintetto arbitrale guidato da Abisso, evidenziando anche la disparità nella gestione dei cartellini gialli. Il risultato non attenua il disappunto per l’ennesima direzione di gara decisamente a senso unico. Quello contrario alla Roma.

fonte  Il Tempo

img_20190930_1000593557677936752858955.jpg

Se segna Dzeko, si vince: l’Edin dipendenza è sempre più forte

Ha fatto gol in 10 degli ultimi 12 successi. In giallorosso quasi una rete ogni 2 gare

Che la Roma sia sempre più Dzeko dipendente lo dimostrano sostanzialmente i numeri, scrive Andrea Pugliese su “La Gazzetta dello Sport”. Come, ad esempio, quello che ci dice che quando segna il bosniaco di solito la Roma vince.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

img_20190929_1852497219558000672094061.jpg

È successo dieci volte nelle ultime 12 occasioni in cui il centravanti ha fatto gol. Ma è successo soprattutto ieri a Lecce, dove la Roma aveva bisogno di tornare a casa con una vittoria e alla fine ci è riuscita con quel colpo di testa di Edin. Un po’ come era successo a Bologna una settimana fa.

                                                                  UN CORPO MIGLIORE per UNA VITA MIGLIORE

                                          Vi.com.

Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Scopri Vi. Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma
CONTATTI :
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/

email virtualstore@outlook.it

img_20190929_1925165993194267450858102.jpg

A Bologna l’assist era arrivato dal piede fatato di Lorenzo Pellegrini, ieri è toccato a quello altrettanto magico di Henrikh Mkhtaryan. “In quella situazione di gioco e in quella zona del campo Dzeko è molto forte”, ha detto a fine gara Fonseca. Sta di fatto che con questo gol, però, Dzeko ha segnato la sua 92a perla in 186 partite giocate con la Roma, quasi una rete di media ogni due gare. E, tra l’altro, Lecce era una di quelle città dove Dzeko non aveva ancora mai segnato, anche perché ieri era di fatto la prima volta che ci giocava. Edin così si è tolto lo sfizio subito, dimostrando anche come sia spesso letale contro le squadre neopromesse in Serie A (18 gol segnati in 22 partite). Montella ora (al sesto posto della classifica all time dei goleador giallorossi) è più vicino: -10.

fonte  Andrea Pugliese  “La Gazzetta dello Sport

img_20190709_093846204332763197651200.jpg

Conferenza Stampa Fonseca: “Per noi era importante vincere. E’ la Roma di Fonseca”

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato in conferenza stampa dopo la vittoria contro il Lecce:

“Nel primo tempo ci è mancata velocità nella circolazione della palla. Con Veretout e Diawara abbiamo difeso troppo bassi, non era semplice trovare varchi contro una squadra che si difende bene. È importante attrarre l’avversario da una parte e cambiare subito, nel primo tempo non lo abbiamo fatto. Negli ultimi trenta metri ci è mancato l’ultimo passaggio“.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

img_20190929_1852497219558000672094061.jpg

Come hai visto il Lecce?
“È una buona squadra, di valore. Aveva vinto le ultime partite fuori casa, che si è chiusa con ordine. Nel primo tempo ci ha impensierito in contropiede, ma credo la mia squadra abbia dominato. Per noi era importante vincere. Dopo il gol la partita si è un po’ spaccata perché il Lecce ha giocato in maniera diretta e noi ci siamo abbassati. Poi si sono creati varchi in avanti ed è qualcosa su cui dobbiamo lavorare: bisogna stare alti, anche per difendersi”.

                                                      
                              UN CORPO MIGLIORE per UNA VITA MIGLIORE

                                 Vi.com.

Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Scopri Vi. Siamo una società che promuove uno stile di vita sano a livello globale, trasformando la vita delle persone.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma

CONTATTI :

https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email virtualstore@outlook.it

img_20190929_1925165993194267450858102.jpg

Quali sono le condizioni di Pellegrini e Mkhytarian?
“Per quanto riguarda Mkhytarian non dovrebbero esserci problemi. Valuteremo tra oggi e domani la situazione di Pellegrini, che una fascite plantare da tempo. Oggi, come avete visto, ha dovuto lasciare il campo in anticipo”.

Tu come Zeman?
“Sarò sincero non conosco nel dettaglio il gioco di Zeman. In ogni caso questa è la Roma di Fonseca”.

Pareri sul Lecce?
“L’atmosfera a Lecce è stata fantastica, è stato bello”.

img_20190925_1433025115360404302324567.jpg

Lecce-Roma – precedenti, statistiche e curiosità

 – Dopo lo scivolone interno contro l’Atalanta, la Roma torna in campo al Via del Mare per affrontare i padroni di casa del Lecce.
In conferenza stampa, Paulo Fonseca, inizia dicendo di aver parlato con la squadra ed analizzato insieme cosa non ha funzionato mercoledì. Potrebbe essere anche un calo fisico dovuto alle molte partite ravvicinate e, per questo motivo, domani vi saranno dei cambi nell’undici titolare.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

In primis la Roma deve trovare maggior equilibrio, per continuare a fare tanti gol ma limitare quelli subiti. Sono regolarmente convocati Spinazzola e Pellegrini, che si sono lasciati alle spalle i problemi fisici.
Fabio Liverani, nella sua conferenza stampa, domani vuole vedere un Lecce umile che metta in campo tanta attenzione e spirito di sacrificio. Perché la Roma, avversario di caratura internazionale, andrà li per vincere ed i suoi ragazzi dovranno essere bravi a non subire troppo e riuscire a limitarli nella loro metà campo. Un modo per poter fare male alla Roma sarà attaccarli alti, anche se non sarà facile da fare.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                        IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

I PRECEDENTI – Sono 15 i precedenti a Via del Mare tra Lecce e Roma, con i capitolini che dominano la contesa con otto successi. L’ultimo successo della Roma risale alla stagione 2010/11, con il 2-1 firmato da Vucinic e Pizarro (Giacomazzi per i padroni di casa). Ma l’ultimo incontro in ordine di tempo è stato a favore del Lecce, che con quel successo ha ottenuto la prima vittoria casalinga contro la Roma. Era la stagione 2011/12, con il Lecce che vinse per 4-2 grazie alle doppiette di Muriel e Di Michele (Bojan e Lamela per la Roma). Ben sei i pareggi, che non si verificano dal 2-2 di stagione 2005/06. In quell’occasione segnarono Cozzolino e Vucinic per il Lecce e Cassano e Bovo per la Roma.
La miglior vittoria in trasferta per la Roma è il 4-0 di stagione 2000/01, mentre per il Lecce la miglior vittoria (nonché unica) è il 4-2 già citato. Sono due, invece, i risultati che si sono verificati la maggior parte delle volte; ben tre a testa: il pareggio per 1-1 ed il successo della Roma per 0-3.
Sia per Fonseca che per Liverani sarà una prima volta assoluta contro, rispettivamente, Lecce e Roma.
L’arbitro del match sarà Abisso della sezione di Palermo. Per il fischietto siciliano sono due i precedenti con la Roma, che ha sempre vinto. Due anche i precedenti con il Lecce, entrambi in Lega Pro agli inizi della carriera ed entrambi terminato con una sconfitta per i salentini.

LE STATISTICHE – La Roma, contro l’Atalanta, ha trovato la prima sconfitta stagionale scivolando al quinto posto in classifica insieme al Bologna. Invariato il totale dei gol segnati, che fanno della Roma il terzo attacco del torneo. Male la difesa, che con nove gol subiti è la terza peggiore. Bene Dzeko e Kolarov, leader di gol dei giallorossi con tre centri a testa.
Sale, invece, il Lecce; che con sei punti si toglie momentaneamente dalla zone calde della classifica. Ma è da rivedere la difesa, che con 11 gol subiti è la seconda peggiore della Serie A. Bene Mancosu, capocannoniere dei salentini con quattro reti (due l’ultima partita contro la Spal).
Degli ultimi sette precedenti, la Roma ha avuto la meglio in sei; ed è ancora imbattuta lontano dall’Olimpico. Ancora a secco di successi casalinghi il Lecce, che davanti i propri tifosi ha perso contro Verona e Napoli. Bene lo score dei capitolini contro i giallorossi salentini, che hanno perso solo una volta nelle ultime 22 sfide.

Oggi la Roma, che sulla carta è favorita, vorrà tornare immediatamente al successo per rimediare alla sconfitta contro l’Atalanta. Tre punti che potranno essere fondamentali per la corsa ad un posto in Champions League. Ma il Lecce, dopo la vittoria a Ferrara, vorrà cavalcare l’onda dell’entusiasmo con la prima vittoria casalinga. Determinante domani sarà la gestione delle forze, sotto un caldo estivo. Infatti domani sopra Via del Mare è previsto sole con temperature che oscilleranno tra i 28 ed i 30 gradi.

FONTE  – FEDERICO FALVO 

IMG_20190303_145050.jpg

Il tifoso daspato a vita per gli insulti razzisti: “Ora vorrei abbracciare Juan Jesus”

Andrea Dell’Aquila intervistato: “Chiedo scusa e accetto anche il farmi passare da capro espiatorio, ma la gogna pubblica è troppo: un ragazzo di 16-17 anni non sai come può reagire”

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

È un tifoso della Roma, ma all’Olimpico va solo occasionalmente. Anzi: andava. Andrea Dell’Aquila da due giorni è il primo tifoso escluso a vita da uno stadio di calcio ed è stato intervistato da Matteo Pinci su “La Repubblica”. Questo uno stralcio delle sue parole:

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

 

Il giorno dopo l’esclusione a vita dallo stadio cosa si sente di dire?
Chiedo scusa: ho sbagliato e non voglio cercare giustificazioni.

Sarebbe disposto a scusarsi con Jesus?
Certo: vorrei un incontro con lui, vorrei abbracciarlo e mettere fine a questa cosa. Se la Roma mi vuole escludere dallo stadio a vita lo accetto, pure se non lo condivido. So già che sarò un esempio in Italia. Vuol dare un segnale prepotente? Farmi passare come un capro espiatorio? Va bene. Ma mettermi alla gogna pubblica è troppo.

Parla del fatto che sia stato pubblicato il post col suo nome e cognome?
Sì, ed è troppo grave. Io ho sbagliato, ma l’onda mediatica è stata esagerata. Se capita a un ragazzetto di sedici, diciassette non non puoi sapere che reazioni può avere. Se uno si butta di sotto perché non regge la pressione, cosa fai?

Ma lei è razzista?
No, non mi sento razzista nella maniera più assoluta. Ho detto al giocatore che è uno scimmione e alzo le mani, l’ho fatta fuori dal vaso, ho esagerato.

Eppure mesi fa si lasciò andare a frasi simili contro Kessié e Bakayoko, del Milan.
Ho usato il termine sbagliato, scimmie, a volte mi lascio andare con le parole. Sono già due sintomi di razzismo, ma non voglio essere razzista, non lo sono. Non posso cercare giustificazioni, voglio solo chiedere scusa. So di aver sbagliato, ma lo scorso anno a San Siro hanno offeso Koulibaly per tutta la partita con cori razzisti, se mi escludi a vita per una frase allora dovevi dare il daspo a tutto lo stadio.

img_20190927_0922101888450295267175.jpg

Zaniolo ritorna in panchina…..

– Kluivert, Pellegrini e Mkhitaryan per il rilancio. Al Via del Mare, di cui è stato annunciato il sold-out, Fonseca è pronto a dare nuovamente fiducia al pacchetto di trequartisti sceso in campo nelle vittorie con Sassuolo e Bologna. 

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

La fascite plantare con cui convive da settimane Pellegrini non è completamente smaltita, ma non gli impedirà di giocare a discapito di Zaniolo, che verrà probabilmente utilizzato in corso d’opera e poi impiegato dal primo minuto nella trasferta di giovedì prossimo contro il Wolfsberger.

fonte  IL TEMPO

img_20190919_221647441258762058869353.jpg

Lecce vs Roma, le probabili formazioni dei quotidiani

 – In vista della sfida odierna (ore 15) in terra pugliese contro il Lecce di Fabio Liverani, il mister giallorosso Paulo Fonseca ha annunciato diversi cambi nell’undici titolare rispetto all’ultimo impegno al cospetto dell’Atalanta durante la consueta conferenza stampa antecedente al match. Ballottaggio Veretout-Diawara per affiancare l’intoccabile Cristante davanti alla difesa, mentre nel trio dietro a Edin Dzeko dovrebbero tornare dal primo minuto sia Kluivert sia Mkhitaryan, con Zaniolo ancora relegato in panchina.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190926_105820737917660.png

Ecco le probabili formazioni dei quotidiani. 

IL TEMPO
Roma (4-2-3-1):  Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov; Diawara, Cristante; Kluivert, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190922_100830117800125.png

Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov; Diawara, Cristante; Kluivert, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko.

LA GAZZETTA DELLO SPORT
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov; Diawara, Veretout; Kluivert, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko.

LA REPUBBLICA
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov; Diawara, Cristante; Kluivert, Pellegrini, Mkhitaryan; Dzeko.

CORRIERE DELLA SERA
Roma (4-2-3-1): Pau Lopez; Florenzi, Mancini, Smalling, Kolarov; Veretout, Cristante; Kluivert, Pastore, Mkhitaryan; Dzeko.

screenshot_2018-10-23-10-07-14_1-635265724.jpg

Pellegrini: “Le responsabilità mi esaltano. Quest’anno non abbiamo obiettivi, ci serve tempo”

Parla il numero 7 giallorosso: “Fonseca ha capito che per farci rendere al massimo dobbiamo divertirci. Totti è un amico, della maglia numero 10 però non abbiamo parlato”

La Roma riparte da Lecce. Domenica la squadra di Fonseca sarà al Via del Mare con l’obiettivo di dimenticare la sconfitta con l’Atalanta. A guidare il centrocampo ci sarà ancora Lorenzo Pellegrini, che ha rilasciato a Dazn un’intervista esclusiva per parlare del match e del momento romanista.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Come è andato il primo mese?
Bene, stiamo migliorando piano piano rispetto a quello che chiede il mister…

Aspetta, ti chiedevo del primo mese da padre…
A quello non ci pensavo proprio (ride, ndc). E’ una soddisfazione continua. Mi piace anche solo vederla o sentire il suo odore. Ti riempie la vita. Mi dà quella forza in più che ti fa fare la differenza. Quando sei stanco e la vedi, ti passa tutto.

Il giorno più importante della tua vita è il giorno della sua nascita, il secondo forse il gol di tacco al derby…
E’ sicuramente uno dei più importanti della mia vita. Era un periodo difficile, non mi riusciva niente. E’ brutto quando vorresti fare, ma non riesci. Quando niente va come vorresti. Molti dicono che quello sia stato il mio punto di sblocco, ma non la penso così. Non è stato il punto di sblocco per me, ma lo è stato per quello che c’era intorno a me. Il mio sblocco l’ho avuto prima, quando nonostante le critiche ho continuato a lavorare e dare tutto. Quella è stata una liberazione.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

Quest’anno ti vedo più libero, anche più spavaldo, si vede che in campo ti diverti. Hai fatto uno step in più anche legato al ruolo?
Sono d’accordo sul fatto di essere più libero, sono cresciuto mentalmente e anche a livello di responsabilità. So che ci si aspetta tanto da me. Mi piace avere responsabilità, tira fuori il meglio di me.

Sul ruolo più avanzato.
Mi piace molto, mi dà libertà di movimento e di fare quello che voglio in campo. Con il gioco del mister mi piace anche giocare da mediano, amo toccare tanti palloni.

In carriera hai fatto tutti i ruoli. In Nazionale addirittura l’esterno. Perché?
Quando ho saputo che in Nazionale avrei fatto l’esterno ho cercato di guardare i miei compagni di squadra che lo facevano da tempo per vedere qualche piccolo movimento e qualche piccola considerazione che loro tenevano in conto e che io magari non tenevo in conto, visto che non l’avevo mai fatto. Forse è il fatto che io riesca a rubare con gli occhi o che mi interessi imparare.

Ti sentire un calciatore intelligente?
Secondo me è meglio essere un uomo intelligente piuttosto che un calciatore. Essere un calciatore intelligente è un riflesso di come sei come uomo.

Ti senti un uomo intelligente?
Sì, mi sento una persona intelligente. Ma questo qualità ha tante sfaccettature, la voglia di imparare, rubare e stare sempre sul pezzo per me vuol dire essere una persona intelligente.

Gli mostrano un video di Totti che parla di lui: “Gli ho promesso tante cose, che spero possano avverarsi”.
Francesco Totti ti ha promesso la maglia numero 10?
Della maglia con Francesco non abbiamo mai parlato. Ora ho la fortuna di dire che lui per me è un amico, per qualsiasi difficoltà so che posso contare su di lui. Se va male la partita mando un messaggio a lui. Ancora non l’ho fatto, spero di non doverlo fare fino a fine stagione. Ci sentiamo, il nostro rapporto è bello perché siamo schietti. Essere romani ci aiuta. Lui per me adesso è solo Francesco, ma resta anche una leggenda. Solo il fatto che lui dica queste cose, è come avere dieci magliette con il numero 10 sulle spalle.

Se lui tra cinque anni viene da te e ti dà la 10 che fai? La prendi?
Non si rifiutano mai le richieste di Francesco (ride, ndr). A parte gli scherzi, devo trovarmi nella situazione. Non scambierei mai il rapporto che ho con Totti per il numero 10 della Roma.

De Rossi lo hai sentito?
Lo sento sempre, sta bene. Gli piace. Ci manca tanto qui, glielo dico sempre. Lui ha preso la sua strada, è stata la scelta di Daniele. Lui non è mai banale, è speciale e ha fatto una scelta che gli fa onore nonostante in tutti questi anni non abbia mai sbagliato una virgola.

Il tuo Boca qual è?
Il mio Boca è la Roma adesso. Non sono stato come Daniele e Francesco, prima di ritagliarmi il mio spazio qui sono stato due anni al Sassuolo, poi ho scelto di tornare e adesso fatemi godere gli anni alla Roma. Poi ci pensiamo… Daniele lo ha fatto dopo 16 anni.

Senti la pressione di essere già visto come un leader?
La vivo serenamente. Faccio quello che mi fa stare bene.

Fonseca vi fa stare bene?
Sì, lui è molto bravo in questo. Ci fa stare sereni, ci fa lavorare perché capisce che per far rendere un giocatore al 150% si deve divertire. Noi lo facciamo tutti i giorni in allenamento e questo non ti fa sentire la fatica. Caratterialmente sembra tranquillo, ma quando vuole una cosa se la va a conquistare. Le cose ce le spiega sempre in maniera tranquilla per farcele capire serenamente, senza mettere pressione. Se però non giochiamo un buon primo tempo si arrabbia. Sul 4-0 contro il Sassuolo ci ha detto di non abbassare la guardia perché altrimenti avremmo rischiato.

Gli obiettivi?
Quest’anno non ne abbiamo, se non quello di tornare in Champions che è fondamentale. E’ l’anno della ripartenza e per questo ci serve un po’ di tempo.

Sei uno dei tre centrocampisti più forti d’Italia?
Non mi sento uno dei centrocampisti più forti d’Italia in questo momento. Penso di poter imparare ancora tanto e soprattutto mettere nel bagaglio personale tanta esperienza ancora. Un giocatore si fa soprattutto con l’esperienza. Ho voglia di imparare e sbagliare ancora e per questo c’è tempo.

FONTE    Dazn

img_20190529_1150526351730847118177419.jpg

Jesus e la Roma: daspo al razzismo

– Espulso a vita. È questa la risposta da parte della Roma al tifoso che ieri, via Instagram, ha pesantemente insultato Juan Jesus, utilizzando epiteti razzisti: «Stai meglio al giardino zoologico li mort… tua. Un’altra volta, maledetto scimmione. Negro». Una presa di posizione forte e decisa da parte del club giallorosso che vieta quindi al soggetto (le cui iniziali sono A.D.A.: non risulta attualmente essere abbonato e non ha comprato tagliandi per assistere alle gare con Genoa, Sassuolo e Basaksehir) l’entrata a vita per le partite casalinghe dei giallorossi.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

IL COMUNICATO – Questo il comunicato del club, apparso su Twitter in serata: «Il gestore di questo account Instagram (Pomatinho, il nick name, ndc) ha inviato insulti razzisti disgustosi a Juan Jesus, attraverso un messaggio diretto. Abbiamo segnalato l’account alla Polizia e a Instagram. La persona responsabile sarà daspata a vita dalle partite della Roma». Un’iniziativa che in qualche modo Juan Jesus s’era augurato nella replica garbata avuta sul social. Inizialmente il difensore brasiliano ha risposto girando la conversazione sul profilo ufficiale del club giallorosso, per poi aggiungere il proprio commento: «Sapete già cosa fare con un tifoso così. Orgoglioso di essere quello che sono».

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

APPLAUSO – La reazione veemente da parte della Roma merita un plauso. Tra l’altro è la prosecuzione di un lavoro da parte della società che già da tempo (più o meno un anno) aveva recepito il protocollo del Ministero riguardo al fatto che i club dovessero dotarsi all’interno dello stadio di un regolamento di condotta.

IL ROSSO – In questo è previsto anche l’espulsione in caso di atteggiamenti razzisti. Ieri la Roma, arbitrariamente, ha deciso di estenderlo per la prima volta anche all’esterno. Una mossa, questo è l’augurio, che possa essere replicata anche da altre società, molte delle quali alle prese con episodi di razzismo, vedi il caso Lukaku. In Inghilterra, ad esempio, il Manchester United era intervenuto in passato dopo che Pogba era stato insultato pesantemente su Twitter dopo un rigore sbagliato. I Red Devils avevano incontrato la delegazione di Twitter, chiedendo alla piattaforma di stoppare gli insulti di matrice discriminatoria. La Roma ha fatto di più. Nel giro di poche ore è risalita all’autore delle offese e lo ha daspato a vita dallo stadio. Un esempio da seguire. Quando ormai il caos non era più calmo, il tifoso in questione ha pubblicato un post nel quale spiegava di non essere lui e che «erano entrati nel mio account e hanno scritto insulti razzisti a più giocatori. Non sono io ovviamente». Ma il ragazzo comunque, anche in vecchi post, c’era ricaduto.

FONTE    IL MESSAGGERO – CARINA 

img_20190927_0922101888450295267175.jpg

Ok all’aumento di capitale di 150 milioni

 – Oltre ad essere a caccia di un rilancio sul campo la Roma cercherà di dare maggiore stabilità alle risorse finanziarie del club, sempre in attesa del futuro stadio.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Ieri a Trigoria si è infatti riunito il consiglio d’amministrazione della società che ha convocato per il 28 ottobre l’assemblea degli azionisti, che avrà come punti all’ordine del giorno l’approvazione del progetto di bilancio chiuso al 30 giugno scorso (i ricavi saranno sopra ai 200 milioni grazie alle entrate della Champions League), la relazione sulla remunerazione dei dirigenti e soprattutto la deliberazione sull’aumento di capitale fino ad un massimo di 150 milioni di euro.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

Con questa mossa, utile a rimpinguare il patrimonio netto pari a 7.5 milioni dopo l’ultima assemblea straordinaria, il presidente Pallotta e i suoi soci, che tramite AS Roma Spv Llc posseggono l’86.577% delle azioni della Roma, investiranno almeno altri 129 milioni nella società giallorossa, arrivando a quota tre aumenti di capitale da quando nel 2011 hanno rilevato la proprietà da Unicredit. Intanto guardando al campo Fonseca incrocia le dita per Spinazzola, che oggi si sottoporrà alla risonanza magnetica al flessore della coscia sinistra per valutare l’entità dell’infortunio. Il laterale difficilmente ce la farà per il Lecce (sarà out anche Zappacosta), ma la speranza è che non ci sia alcuna lesione. Sui social invece Jesus ha denunciato un “tifoso” che gli aveva rivolti insulti razzisti: “Roma, sapete già cosa fare con un tifoso così. Orgoglioso – ha scritto il difensore su Instagram – di quello che sono”. Curiosità dal Brasile: Bruno Peres passa in prestito dal San Paolo allo Sport Recife, club della seconda divisione, fino a fine anno, quando tornerà nella Capitale.

FONTE  IL TEMPO – BIAFORA 

screenshot_2018-10-13-12-26-14_1-1289122224.jpg

Fonseca è già sotto esame: troppe lacune difensive da rivedere

– Era stato profetico Paulo Fonseca nell’avvertire l’ambiente romanista sui pericoli di un’eccessiva euforia dopo la sofferta vittoria di Bologna. Alla fine ha avuto ragione il tecnico portoghese, sia quando ha invitato a rimanere coni piedi per terra sia quando ha ammesso di aver iniziato ad italianizzarsi. Il guaio è che il passo indietro registrato contro Atalanta ha ferito profondamente le ambizioni della sua Roma, che ha perso 7 punti in 5 giornate e si vede ora costretta a rialzare la testa il prima possibile.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Per sua fortuna il calendario le viene in soccorso, perché domenica è in programma la trasferta contro il Lecce neo promosso in Serie A, mentre giovedì volerà in Austria per la seconda giornata di Europa League contro il piccolo Wolfsberger. Sulla carta, non dovrebbero destare particolari patemi d’animo neanche le altre due gare di campionato all’orizzonte, ovvero quella di domenica prossima all’Olimpico contro il Cagliari (che è addirittura avanti in classifica) e quella dopo la sosta per le nazionali quando i giallorossi affronteranno la Sampdoria dell’ex tecnico Di Francesco, attualmente ultima in classifica.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

In ogni caso, per rimettersi in carreggiata e tornare stabilmente nei primi quattro posti che valgono la Champions, la Roma dovrà dare una bella sistemata alla difesa. La buona prestazione di Smalling, che contro l’Atalanta faceva il suo debutto in maglia giallorossa, lascia intravedere segnali di speranza, proprio mentre Fazio e Juan Jesus sembrano sempre più in crisi, «È stata una bellissima sensazione scendere in campo con la maglia della Roma – ha scritto il difensore inglese sui social – peccato solo per il risultato». I nove gol incassati in cinque partite restano comunque un campanello d’allarme che Fonseca non può ignorare.

Nel frattempo, continua ad aggirarsi come uno spettro per Trigoria l’incubo degli infortuni. Contro l’Atalanta è stato costretto a fermarsi pure Spinazzola, bloccato da un guaio all’adduttore che a Trigoria non sanno più come maledire. Dopo quelle di Pastore, Under, Zappacosta, Smalling e Perotti, questo era ll settimo infortunio muscolare, poiché Spinazzola si era già fermato una volta. Di questo passo, si rischia di superare perfino il record negativo della scorta stagione quando gli stop muscolari furono addirittura più di cinquanta.

FONTE    LA REPUBBLICA – MORRONE 

img_20190925_1433025115360404302324567.jpg

‘RADIO PENSIERI’, VOM BRUCK: “Roma non ridimensionata”. INFASCELLI: “Ma rispetto all’Atalanta è indietro”

Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche romane

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti delle emittenti radiofoniche.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Roberto Infascelli (Nsl Radio – 90,0): “Parlando di progetti, la Roma è indietro rispetto all’Atalanta e questo è grave. Ieri però la squadra ha lottato e corso. Per me sul gol di Zapata Florenzi sbaglia il posizionamento, la sua prestazione non mi è piaciuta. I giallorossi avrebbero dovuto giocare a 4. Smalling ha dimostrato di essere importante per la Serie A. Con questo modo di giocare se la Roma sbaglia tre gol perderà sempre”.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

Patrick Vom Bruck (Nsl Radio – 90,0): “E’ normale che una squadra nata da poco possa cadere, ma si sono viste alcune lacune importanti. Prendendo il buono dai problemi si può crescere. Malinovskyi ha annullato Veretout, il francese ha sofferto tutta la partita. Non credo che i giallorossi siano ridimensionati da questa sconfitta. Kolarov è mancato, tenendolo bloccato dietro si è perso il suo contributo”.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190906_0800531738010514.png

Ubaldo Righetti (Tele Radio Sterio – 92,7): “Non mi meraviglio più della depressione che coinvolge questa città dopo le sconfitte, ma non bisogna rimettere in discussione tutto. Bisogna considerarlo un incidente di percorso. Non mi è piaciuta la partita, ma le occasioni più importanti le ha avute la Roma. Vorrei sottolineare comunque l’impegno che ogni giocatore della Roma ha messo sul campo”.

Franco Melli (Radio Radio Mattina – 104,5): “Profondamente deluso dalla Roma, è entrata in tunnel da cui non riesce ad uscire. Ogni anno diventa una delusione in un preciso momento della stagione, nonostante i cambi in società. Ha preso una lezione di calcio, con la sconfitta di ieri ci dice che non arriverà quarta”.

Roberto Renga (Radio Radio Mattina – 104,5): “Roma nelle mani dell’Atalanta. La Roma non ha fatto passi in avanti, 4 occasioni casuali, non frutto del gioco. Superata sotto tutti i punti di vista, pressing perfetto dell’Atalanta, la Roma neanche ci ha provato. Non mi è piaciuto Fonseca, in particolare il cambio in difesa, dove ha perso la spinta di Kolarov”.

Furio Focolari (Radio Radio Mattina – 104,5): “La Roma continua un periodo non buono, l’avevo vista non bene già a Bologna. Ieri ho visto una Roma senza idee, Fonseca ha cambiato modulo tre volte, limitando l’azione di Kolarov. Smalling calato dopo l’entrata di Zapata, Zaniolo pessimo sbaglia un gol clamoroso per presunzione”.

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma ha meritato di perdere. Lezione di calcio all’Olimpico. Ho una delusione cocente sulla Roma. L’Atalanta è bellissimo, squadra corale, gioco pazzesco. Ieri la Roma si è portata un po’ di sfiga da sola”.

Roberto Pruzzo (Radio Radio Mattino – 104,5): “Io me lo aspettavo che la Roma perdesse, poi non l’ho detto ieri per non infierire. Non trovo nemmeno una sufficienza, forse Spinazzola che si è di nuovo infortunato, chissà quando lo rivedi in campo. Ieri ho visto una squadra che gioca a calcio, l’Atalanta, quelli della Roma non hanno idea di quello che devono fare. Ogni tanto si vede qualcosa, ma poi buttano il pallone lontano. Troppi giocatori che si specchiano, ma non incidono. A livello tattico è stato un massacro, non c’è stato match”.

Nando Orsi(Radio Radio Mattino – 104,5): “La Roma ha avuto alcune occasioni da gol importante, capitate sui piedi sbagliati. Fonseca ha capito com’è il calcio in Italia. Contro l’Atalanta se improvvisi, se non sei organizzato, ti fanno male. E’ una sconfitta che fa bene alla Roma, la fa tornare con i piedi per terra. Fonseca avrà capito che ci sono delle realtà che tatticamente te la possono incartare”.

Sandro Sabatini (Radio Radio Mattino – 104,5): “La partita di ieri è una delusione per la Roma. E’ arrivata alla partita con fiducia, pronta a spiccare il volo. E Fonseca l’ha presa sul piano del gioco per tutti i 90 minuti. Una delusione che fa riflettere. Il tecnico portoghese ha portato un certo entusiasmo quasi zemaniano ma Gasperini è la versione migliore di Fonseca”.

IMG_20190706_082702

Claudia Nainggolan torna all’Olimpico con lady Dzeko. Amra: “Che forza immensa!”

Ieri sera presenza speciale allo stadio: la moglie dell’ex centrocampista giallorosso è tornata a vedere la RomaLa Roma non è riuscita a centrare la terza vittoria consecutiva in campionato, cedendo il passo a un’Atalanta più frizzante.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Quella di eri è stata una serata speciale anche per un’ex wags giallorossa come Claudia Nainggolan, che sta affrontando un momento molto delicato a causa di un cancro che lei stessa ha rivelato poco tempo fa sui social.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

Sia lei che Radja sono rimasti sempre molto legati alla Roma: mentre il Ninja tifava Cagliari da casa, Claudia è tornata allo Stadio Olimpico. Insieme a lei anche Amra, la moglie di Edin Dzeko: insieme come ai vecchi tempi. “Che grande amore, che forza immensa! Questa donna!”, ha scritto ammirata sui social la modella bosniaca pubblicando uno scatto con Claudia Nainggolan. La partita della sua Roma e poi un giro per la capitale: nella sua battaglia silenziosa qualche ora di svago circondata dall’affetto di amici e parenti.

img_20190926_1224504557795473504200106.jpg

Ahi la difesa, ma Smalling c’è: “Sono pronto alle battaglie”

L’ex United debutta in una Roma che subisce troppi gol: “Non bisogna essere troppo delusi, a Lecce il riscatto”

Neanche il tempo di presentarsi davanti alle telecamere che Chris Smalling dimostra di essere leader, oltre che in campo, anche con le parole:

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

“Sono pronto alle battaglie”. Il difensore inglese, in campo per la prima volta con la maglia giallorossa, ha già dimostrato di poter prendere in mano il reparto, scrive Chiara Zucchelli su La Gazzetta dello Sport.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                        IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190926_105820737917660.png

C’è bisogno del suo talento e della sua esperienza, a Trigoria, visto che soltanto in Europa League la Roma è riuscita a mantenere la porta inviolata. In campionato sono 9 le reti subite in 5 partite, una media quasi di due ogni 90’, troppe per una squadra che vuole arrivare in Champions

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190906_0800531738010514.png

“Abbiamo avuto qualche occasione nel primo tempo – ha ammesso Smalling -, mentre nel secondo siamo andati più in difficoltà”. In conclusione l’inglese ha spiegato che “Fonseca ha parlato con tutti, ma non possiamo essere troppo delusi da questa partita, perché già domenica ne abbiamo un’altra”.

fonte    Chiara Zucchelli  La Gazzetta dello Sport

img_20190831_0752411128508877145556847.jpg