Lorenzo il magnifico: un sette che si legge 10 Passano dai piedi di Pellegrini tre gol del poker giallorosso: “Quando faccio segnare sono contento come facessi gol”

Lorenzo, il magnifico. Stavolta lo merita. Magnifico. Decisivo. Il gol, degli altri, passa da lui, da quel “sette” che poi si legge “dieci”, scrive Alessandro Angeloni su Il Messaggero.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore_2019@libero.it
https://www.facebook.com/La-pagina-del-benessere-2447479815497921/?view_public_for=2447479815497921

Passano da lui tre gol, che poi si chiamano assist. Come un gol, forse più bello per certi versi. Perché in quei passaggi c’è l’adrenalina, c’è il calcio, c’è la bellezza, l’intuito, la sfrontatezza. Tutto.

“Sono molto felice. Quando faccio segnare sono contento come facessi gol. Era importante tornare alla vittoria, questo conta“, eccolo infatti Lorenzo, che conferma la sua gioia per essere stato uomo squadra e non uomo gol.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

Perché forse lui uomo gol non potrà mai esserlo, ci penseranno gli altri ad assecondare le sue giocate da numero“dieci”. Alla Totti, perché proprio l’ex capitano lo aveva investito dei panni di leader, il nuovo riferimento della Roma – in assenza di Francesco e di De Rossi- con la fascia al braccio.

Lorenzo dovrà aspettare, chissà quanto ancora. Intanto si diverte nella posizione che preferisce, quella di trequartista. Tre assist in una sola partita, non succede sempre, a lui poi non era mai accaduto, se consideriamo che il record stagionale di palle gol per Lorenzo è 6 e risale alle stagioni, felici, al Sassuolo.

fonte  Alessandro Angeloni  Il Messaggero.

img_20190702_1949461019116166158509138.jpg

Paulo rompe il ghiaccio: “Visto? Mi sono adeguato al calcio italiano” Il tecnico: “Ho apportato dei correttivi tattici con un terzino che spinge meno e uno di più”

La Roma vincente contro il Sassuolo ha due volti: quello del primo tempo in cui si sono viste le idee del tecnico e quello della ripresa in cui la squadra si è lasciata andare forte del largo vantaggio, scrive Gianluca Lengua su Il Messaggero.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore_2019@libero.it

https://www.facebook.com/La-pagina-del-benessere-2447479815497921/?view_public_for=2447479815497921

Il rischio è che il calo di concentrazione possa avvenire anche davanti a un avversario più forte, capace di trovare il pareggio e nel peggiore dei casi la vittoria. “Avevo detto che ero io a dovermi adattare al calcio italiano e sto provando a farlo. Ho apportato dei correttivi tattici con un terzino che spinge meno e uno di più. Il campionato italiano ha mostrato in queste prime giornate di essere molto offensivo, di questo passo supererà anche quelli europei” ammette Fonseca.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

Effettivamente tre reti nell’arco dei 22 minuti iniziali la Roma non le segnava da gennaio 2012 (contro il Cesena): “Certamente abbiamo fatto un eccellente primo tempo e si avvicina a quello che chiedo alla squadra. Esistono margini di crescita importanti. Aver vinto oggi non significa che non possiamo migliorare. Dobbiamo correggere le note negative anche se sono state poche“.

A far esplodere la Curva Sud è stato il primo gol in giallorosso di Mkhitaryan: “Con lui e Dzeko abbiamo pressato bene. Va riconosciuto che non è un’ala pura, negli ultimi anni nasce da dieci anche se ha giocato sulla fascia. Sa smistare la palla e non la perde.

fonte    Gianluca Lengua su Il Messaggero

img_20190826_0732338745038535824276572.jpg

Conferenza Stampa De Zerbi: “Forse pensavamo di fare un’altra partita e abbiamo preso”

Roberto De Zerbi, tecnico del Sassuolo, ha parlato in conferenza stampa dopo la sconfitta contro la Roma:

Che errori sono quelli che del primo tempo

“La Roma ha fatto una grande partita e noi l’abbiamo agevolata. Cristante ha fatto un gol uguale lo scorso anno a Napoli e ce lo aspettavamo. Andare sotto di 2 gol su un’azione che avevamo preparato da fastidio. Poi non siamo riusciti a sfruttare le occasioni a campo aperto. Loro poi non sono noi e hanno soluzioni in più. Abbiamo regalato il primo tempo. Gli episodi spostano molto e non dovevamo lasciarci andare sul 2-0”.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore_2019@libero.it

20190911_120617978506486.png

Sulle scelte tra primo e secondo tempo

“Anche nel secondo tempo abbiamo subito. Abbiamo creato qualcosa in più ma abbiamo cambiato poco. Siamo stati più bassi e quando dovevamo giocare lo facevamo per andare a fare male anche noi. Abbiamo preso un gol su corner e tre su palla persa. La Roma ha fatto comunque una grande partita ma li abbiamo facilitati”.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                        IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

C’è stato un approccio psicologico sbagliato?

“Io li ho visti anche abbastanza bene. Gli episodi che si sono verificati ci hanno condizionato troppo. Forse pensavamo di fare un’altra partita e abbiamo preso gol su situazione conosciuta. Dovevamo rischiare di più e giocare come sappiamo. Non dobbiamo tirare il freno a mano anche se sotto di risultato”.

La nuova Serie A votata all’attacco favorisce il suo Sassuolo?

“Noi non prendiamo le partite per fare un gol in più. O vieni a Roma e provi a giocartela oppure stai in braccio al portiere e riparti con gli attaccanti. Abbiamo scelto di fare altro cercando di eliminare quegli errori che si vedono. Se vuoi attaccare qualcosa concedi”.

img_20190916_0936429100933114672891504.jpg