Roma, l’amore è Dzeko: “Vittoria pazzesca, adesso tutti convinti che siamo fortissimi”

Il bosniaco: “Ci abbiamo sempre creduto, anche in dieci contro undici. Regalato il rigore al Bologna”

Appena il tempo di vedere la palla rotolare alle spalle di Skorupski e Edin Dzeko era già arrivato sotto il settore ospiti. Dietro di lui, si sono materializzati praticamente all’unisono compagni di squadra, panchinari e staff, a formare un corpo unico e romanista.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Se c’è un calciatore che oggi più di tutti rappresenta la Roma, scrive Piacentini del Corriere della Sera, quello a cui aggrapparsi nei momenti di difficoltà, è proprio il centravanti bosniaco, che a Bologna ha realizzato il suo quarto gol stagionale, il numero 91 in maglia giallorossa. Un campione ritrovato, che fino a Ferragosto sembrava perso perché si era già promesso ad Antonio Conte, ma che Fonseca con un lavoro quotidiano e incessante è riuscito a convincere a rimanere a Trigoria.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                        IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

“Sono felice – ha detto a fine gara il tecnico – di non allenare il calciatore triste della scorsa stagione. Per noi è troppo importante ed è un leader della squadra: confido molto in lui”. E confidano in lui anche i tifosi romanisti, che gli hanno perdonato il tentativo di addio, e lo hanno sommerso di amore. Ricambiato. “Speriamo – le parole di Dzeko – di regalare ai tifosi qualche vittoria”. Anche se arrivata in extremis – le statistiche parlano di gol più tardivo in serie A dallo scorso febbraio, quando sempre Dzeko segnò a Frosinone – per il bosniaco è stata una vittoria giusta. “Penso che alla fine abbiamo meritato di vincere, ci siamo riusciti alla fine, e così è ancora più bello. Il Bologna è una squadra tosta che gioca bene, hanno calciatori forti. Abbiamo provato ad imporre il nostro gioco dall’inizio della gara, nel primo tempo abbiamo fatto abbastanza bene: ci è mancato l’ultimo passaggio però siamo stati bravi». È una vittoria che rilancia le ambizioni di classifica della Roma. “Non abbiamo mandato nessun messaggio al campionato ma a noi stessi, -continua il bosniaco- siamo una squadra forte, vogliamo andare avanti e vincerle tutte. Questa è una vittoria che ci dà tanto”. Espulso per somma d’ammonizioni, Gianluca Mancini sarà squalificato e salterà il match di mercoledì prossimo all’Olimpico (inizio alle ore 19) contro i suoi ex compagni dell’Atalanta.

fonte    Piacentini  Corriere della Sera

screenshot_2018-03-18-20-44-12_11031016991.jpg

Veretout: “Ieri abbiamo fatto bene, ma possiamo migliorare e fare grandi cose”

Il francese: “I tre punti col Bologna ci danno fiducia. Fonseca importante nella mia scelta di venire, ma volevo i giallorossi”

La vittoria della Roma con il Bologna, in gran parte è anche merito suo. Jordan Veretout ha impressionato tutti con quello scatto al 93′ che ha spaccato in due i rossoblù e ha aperto le porte al gol giallorosso. L’ex Fiorentina questa mattina ha raccontato le sue impressioni sul match e sul futuro ai microfoni del club romanista.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

Che importanza ha la vittoria di ieri?
Una vittoria importante, abbiamo giocato con una squadra forte. L’importante è vincere per il morale della squadra. Ci dà fiducia. E bello vincere all’ultimo secondo. Dobbiamo continuare a lavorare tutti insieme, possiamo fare ancora meglio. Ieri abbiamo fatto una buona partita.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                     
  IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

Cosa hai pensato all’ultima azione, quando ti sei fatto tutto il campo?
Mi sento molto bene, sono contento. Ho preso la palla all’ultimo momento e sono andato. Abbiamo fatto un gran gol, con un bell’assist di Pellegrini e un gran gol di Dzeko.

Quando hai subìto il fallo alla fine hai pensato di buttarti a terra anziché continuare?
Se mi avessero fatto quel fallo la partita sarebbe finita, ho preferito continuare e provarci.

Nel primo tempo qualità del palleggio migliorata…
Vero, abbiamo fatto bene ma dobbiamo ancora migliorare nei 30 metri finali. Lavorando così tutti insieme possiamo fare bene.

Sulla capriola finale…
Non lo so, è venuta così (ride, ndr). La cosa importante erano i 3 punti.

Sembra che vi divertiate tanto a giocare.
Sì, quando siamo in campo siamo contenti di rappresentare la Roma e il nostro è un bel gioco. Sul campo possiamo fare grandi partite tutti insieme.

Sulla telefonata di Fonseca…
La Roma è una grande squadra. Volevo crescere di livello dopo la Fiorentina e sono contento di essere qui. La telefonata è stata importante, l’allenatore è importante in una squadra e lui mi ha convinto, ma sarei venuto anche senza di lui. La Roma mi piace tanto, anche per i tifosi, per lo stadio e per la squadra.

Che giocatore è Veretout?
Mi piace dare il 100% per la squadra ed esaltare gli altri giocatori. Mi piace andare avanti, ma anche prendere la palla e far giocare gli altri. Amo anche difendere e fermare un avversario. Mi piace fare tutto.

Dopodomani c’è Roma-Atalanta…
L’Atalanta è forte, hanno pareggiato all’ultimo secondo ieri. Dobbiamo fare un’altra bella partita per vincere. Ora dobbiamo lavorare e riposare, sicuramente mercoledì saremo pronti.

Sul gruppo.
Siamo tanti calciatori forti. Possiamo fare tutto, siamo una squadra e questo è il modo di arrivare più in alto possibile. Tutti sono importanti, dobbiamo fare il massimo per vincere. Non è importante andare in panchina, ma vincere per la squadra.

img_20190923_0951445044944717866416245.jpg

 

Kolarov: “Gara fondamentale per indirizzare il campionato”

Aleksandar Kolarov, autore della prima rete giallorossa su punizione, ha parlato ai media dopo la vittoria contro il Bologna:

KOLAROV A SKY SPORT

Stai abituando bene i tifosi della Roma?
“Ho segnato da punizione, sono sempre convinto di poter fare bene da calcio da fermo. Avevo sentito che la barriera non sarebbe saltata e ho deciso di calciarla sopra agli avversari”.

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

Sulla condizione fisica? 
“Stiamo bene, era importantissimo oggi vincere. Cerchiamo di far correre gli avversari e giocare con il pallone, per quello risparmiamo le energie. Questa gara era fondamentale per indirizzare il campionato di questa squadra”.

Sul rigore?
“Sono convintissimo di aver preso il pallone e poi il giocatore, ma non posso sparire dopo aver preso il pallone. Ho chiesto all’arbitro di vederlo al VAR, dopo neanche dieci secondi mi ha detto che il rigore era confermato. L’errore ci può stare, poteva compromettere la partita, speriamo che non accada più una cosa del genere in futuro”.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                        IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

KOLAROV IN ZONA MISTA

 

Come si fa a mantenere la calma dopo un rigore regalato e uno negato?
“Questo era un fallo di mano. Sinceramente non so come devono essere i rigori: mano alta o bassa, non lo so. Credo che il rigore a favore del Bologna non ci sia. Io rispetto, ci sta di sbagliare. Vogliamo un po’ più di attenzione dal VAR perché servono per quello. Oggi è andata bene, però bisogna vedere le cose bene”.

Hanno fatto il silent check?
“Sì, noi gli abbiamo chiesto di vedere e dopo 10 secondi ci ha confermato che l’avevano visto già. A me non mi sembrava perché è successo tutto in velocità e mi sembrava di aver preso il pallone. Però lui dopo dieci secondi era convintissimo, quindi magari la mia opinione non era giusta. Invece avevo ragione io”.

Stai diventando sempre più decisivo, si è parlato prima delle punizioni come Messi. La Roma deve sbrigarsi a rinnovarti il contratto?
“Queste sono cose private, non parlo. Facciamo un’altra domanda”.

 

Mercoledì arriva l’Atalanta all’Olimpico, una gara di nuovo molto importante, un altro avversario difficile. Che sensazioni avete?
“L’Atalanta è una squadra tosta, con delle qualità importanti. Secondo me se noi giochiamo come sempre possiamo metterli in difficoltà. C’è anche tanta fatica visto che abbiamo giocato ogni 2-3 giorni, c’è anche da recuperare. Poi da domani o martedì dobbiamo pensare all’Atalanta”.

 

Cosa ti ha colpito di Fonseca?
“La determinazione, se posso descriverlo con una parola”.

 

Determinazione negli allenamenti?
“In tutto, nelle idee, nelle cose che fa. Se la fai con determinazione è anche più facile spiegare ai giocatori. Credo che lui sia determinato a fare risultato qua e noi cerchiamo di aiutarlo in ogni modo”.

screenshot_2018-11-27-06-45-02_1-1435684413.jpg

 

Roma, le interviste del match. Dzeko: “Vincere al 93′ è ancora più bello”. Fonseca: “Abbiamo meritato”

La Roma esce dal Dall’Ara con i tre punti grazie al gol all’ultimo respiro di Edin Dzeko. Il centravanti bosniaco è riuscito a battere Skorupski al 93′ dopo il cross morbido in area di Pellegrini, con l’incornata vincente del numero nove. Di seguito tutte le interviste dei protagonisti del match contro il Bologna. 

per saperne di più cliccare sul link e sull’immagine
https://criscarlucci.bodybyvi.com/it/
email      virtualstore@outlook.it

20190922_100830117800125.png

DZEKO A SKY

Quanto è bello vincere così… 
È ancora più bello all’ultimo respiro. In generale una partita difficile contro una squadra tosta, ma abbiamo meritato.

Quanto può essere importante una vittoria così? 
Ci abbiamo creduto fino alla fine anche con uno in meno, ci hanno messo in difficoltà. Prima del gol ho avuto anche un’altra occasione. Nel primo tempo abbiamo fatto il nostro gioco, nel totale abbiamo fatto una buona gara contro una buona squadra.

Poteva farlo prima… 
Meglio alla fine che mai no?

Problemi dal punto di vista fisico?
Penso di no. Si gioca ogni tre giorni e non è facile, forse erano più freschi. Ma anche con l’uomo in meno siamo stati bravi e abbiamo fatto il gol che pesa tanto.

DZEKO A ROMA TV

Il tuo diventa un gol pesantissimo…
Penso che alla fine sia meritato, anche perché ho sentito che il loro rigore era un po’ un regalo. Abbiamo vinto meritatamente, ma così alla fine è ancora più bello. 

Credete ancora di più in voi stessi?
Non è facile venire qui, è una squadra tosta. Abbiamo provato a imporre il nostro gioco, nel primo tempo ci è mancato l’ultimo passaggio. Siamo stati bravi.

I tifosi sono impazziti…
Tutti siamo impazziti. Sono molto contento per la squadra e i tifosi, che sono sempre con noi.

Che messaggio avete mandato al campionato con questa vittoria?
Abbiamo mandato un messaggio a noi stessi, che siamo una squadra forte, siamo convinti del nostro gioco e della squadra. Possiamo sempre migliorare e lo facciamo. Questa vittoria ci dà tanto.

 

FONSECA A SKY SPORT

Terza vittoria consecutiva, questa è stata la vittoria del carattere… 
Prima di tutto abbiamo meritato la vittoria, abbiamo giocato bene. Abbiamo dominato tutta la partita, è vero che nel secondo tempo il Bologna è salito più volte e ha creato una o due occasioni da gol ma come ho detto abbiamo meritato la vittoria per il carattere e l’unione, oltre al coraggio che abbiamo dimostrato qui.

Ci ha stupito la condizione atletica della squadra visto che eravate in inferiorità numerica. E’ soddisfatto? 
Sì, non possiamo dimenticare che abbiamo giocato con l’Istanbul a metà settimana. Stiamo bene fisicamente.

In Italia può succedere che anche giocando bene si può anche perdere la partita. E’ consapevole di questo? 
Io ho visto molte partite e so perfettamente che la partita è sempre pericolosa. Lo sappiamo che anche quando abbiamo la palla possiamo correre dei rischi.

Non si preoccupa delle critiche? In un certo senso sei un extraterrestre perché vieni da un altro Paese… 
Se noi capiamo la situazione dall’inizio possiamo vedere che non abbiamo cambiato le cose. Penso che questo modo di giocare è un modo più realista. Noi vogliamo sempre vincere.

Se pensi di perder tempo , perché sono le solite “ soluzioni miracolistiche “ NON continuare a leggere,
                                                                        IL TUO TEMPO E’ PREZIOSO
ma se hai voglia di capire cosa può accadere,sfogliando fino in fondo e con attenzione, prosegui, e vedrai che non hai perso il tuo TEMPO.
Clicca sul filmato ed avrai una visione d’assieme del programma VI.com

20190910_0821472100939394.png

 

FONSECA A ROMA TV

Una vittoria diversa rispetto al passato, di carattere… 
Sì, abbiamo meritato la vittoria perché abbiamo fatto un gioco coraggioso. È difficile giocare qui con questa squadra. Il Bologna è una buona squadra, ma noi abbiamo fatto meglio e abbiamo creato occasioni per vincere. Abbiamo vinto perché abbiamo carattere.

Numeri importanti per la difesa della squadra… 
Stiamo imparando anche difensivamente, il Bologna non ha avuto molte occasioni. Abbiamo giocato sempre nella metà campo offensiva. La squadra sta imparando in fase difensiva, è importante.

Coraggio è andare alla ricerca del gol al 95′. Questo la ripaga? 
Quando parlo di coraggio parlo di una squadra che domina la partita in trasferta contro un grande avversario. Abbiamo fatto questo, abbiamo attaccato sempre e creato situazioni. Per questo dico coraggio.

Preferiva una grande prestazione con un risultato negativo o il contrario? 
Sono realista, mi piace un buon calcio ma prima devo vincere. Possono essere come oggi tutte le partite. Di certo dobbiamo soffrire, ma per me è più importante vincere.

Come mai nel primo tempo, anche in coppa, manca il coraggio di andare a dribblare? 
Nel primo tempo non abbiamo fatto movimento in profondità nell’ultimo terzo di campo. È vero è mancata un po’ di iniziativa individuale. Non siamo arrivati con pericolo nell’area avversaria e questo dobbiamo imparare a farlo. Ma una cosa che non possiamo dimenticare è che noi abbiamo fatto una partita in mezzo alla settimana, il Bologna no. Anche per questo è importante vincere, la squadra ha dimostrato capacità di sacrificio.

img_20190709_0632203940671000147366106.jpg