Ultima chiamata……

 – Alza i toni e metti i puntini sulle i, cercando di spazzare via qualsiasi tipo di polemica e di ricompattare lo spogliatoio sotto la sua guida. E’ un Paulo Fonseca più che carico quello che si è presentato nella sala stampa di Trigoria alla vigilia della sfida di Europa League con il Gent, una delle due squadre imbattute nella fase a gironi della competizione.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   

                             ” prezzi scontatissimi “

Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

                            

wp-1581671246630.jpg    wp-1582017220095.jpg  wp-1582110830178.jpg

                          

Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi

https://virtualstore.letsell.com/home/

effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”
con il codice
                         

                                                         ” scontoamici “

cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

La prima picconata del portoghese è arrivata in merito alle notizie di un confronto tra lui e i giocatori, che avrebbero chiesto modifiche alle idee tattiche del mister: «Coni calciatori c’è una buona relazione come sempre. Adesso è più facile inventare cose di spogliatoio, di problemi di giocatori, squadra e società. Non è giusto fare così. Siamo qui a lavorare in maniera onesta, senza alcuna intenzione di nascondere qualcosa e parlando di ogni problema».
Il secondo tema che affronta Fonseca – consapevole che un risultato positivo in Europa potrebbe dare nuova linfa e fiducia a tutto il gruppo, reduce da tre ko di fila – è quello della pressione da gestire in una piazza come quella capitolina: «Si crea qui a Roma una negatività che non capisco. La prima cosa che ho sentito appena arrivato qui a Roma è che è difficile e c’è una grande pressione. Se un allenatore non vuole avere pressioni non può allenare squadre grandi come la Roma. Esiste in tutte le squadre, non è un problema. Se non voglio pressione non posso allenare club che vogliono vincere. Io sono qui e sono pronto per questo tipo di pressione, non sono diverso dagli altri. Quando vinco c’è meno critica, quando perdo è più forte. La pressione è una scusa, è esattamente come nelle altre squadre quando non vinci. Sono molto fiducioso perché questa squadra in passato ha fatto moltissimo, ha fatto grandissime partite». Accanto al tecnico era presente uno dei giocatori più esperti del gruppo giallorosso, Smalling: «E’ difficile anche per noi spiegare questo momento, fino a Natale andavamo bene, poi la forma ed i risultati sono scesi. Abbiamo analizzato il nostro gioco per poter tornare ai livelli precedenti e per far sì che questo sia stato solamente un passaggio a vuoto.

wp-1581713938358.jpg    wp-1581703772490719669952.png    wp-1581703687675132465207.png  wp-1581686088282.jpg

A Roma sto benissimo – le parole dell’inglese sul proprio futuro – e sono mio agio in una bellissima città e con una tifoseria eccezionale, ma sono concentrato solamente sui risultati e sulle prossime partite». Il difensore di proprietà del Manchester United ha poi smentito qualsiasi distrazione legata alla trattativa tra Friedkin e Pallotta: «Nello spogliatoio non se ne parla molto. Sono discorsi relativi a cose fuori dal campo, l’attenzione di noi calciatori è rivolta solamente al campo». L’affare tra i due uomini d’affari americani procede spedito in vista della firma sui contratti e sono essenzialmente pronti tutti i documenti (contratti, numerosi allegati, visure delle società, certificati di insolvenza e molti altri). Nelle prossime ore sarà siglato un closing memorandum, ovvero un documento ricognitivo di tutte le attività da svolgere per la firma del preliminare e dei successivi contratti. Le parti hanno infine stabilito a 50 milioni la somma a titolo di deposito cauzionale da versare dal compratore subito prima delle firme: Friedkin dovrà poi consegnare la ricevuta di tale acconto e siglare il suo ingresso nella Roma.

FONTE    IL TEMPO – BIAFORA

 

wp-1579000698037.jpg

Santon e Kolarov sulle fasce, Perez titolare

– Molti i cambi che ha in testa Fonseca per la sfida con il Gent rispetto alla formazione che è andata ko in casa dell’Atalanta. L’allenatore portoghese è pronto ad accantonare il modulo ibrido con Pellegrini e Mkhitaryan davanti a Mancini per riproporre il consolidato 4-2-3-1, con il classe 1996 toscano che tornerà a formare la coppia centrale di difesa con Smalling.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   
                             ” prezzi scontatissimi “
Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

wp-1581671246630.jpg    wp-1582017278837.jpg  wp-1581703738674184677126.png

                            

 Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi

https://virtualstore.letsell.com/home/

effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”
con il codice
                           

                                 ” scontoamici “

cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

Il primo nodo riguarda il terzino destro che raccoglierà l’eredità di Bruno Peres, non convocato in quanto non inserito nella lista presentata alla Uefa dopo il calciomercato di gennaio. Santon è favorito per una maglia da titolare, ma nel corso degli ultimi giorni Fonseca ha provato anche Spinazzola in quel ruolo, prevedendo il rilancio di Kolarov – reduce da prestazioni sottotono e dalla multa per il battibecco con i tifosi – sulla sinistra. In mediana si rivede Cristante accanto a Veretout, mentre in attacco l’allenatore ha confermato l’occasione per Carles Perez, alla prima apparizione da inizio gara. Ennesima bocciatura per Under. A completare il reparto alle spalle di bomber Dzeko ci sarà Pellegrini sulla trequarti e Kluivert sull’out di sinistra: l’olandese è in vantaggio rispetto a Perotti e Mkhitaryan. Oltre a Peres sono fuori dalla lista dei convocati anche Pastore, Mirante, Zappacosta, Zaniolo, Ibanez, Juan Jesus, Diawara (si è allenato e ha dato buoni segnali di tenuta, ma è squalificato) e Cetin, che nell’allenamento di lunedì ha rimediato un duro colpo alla gamba destra ed è stato costretto al forfait.

FONTE    IL TEMPO – BIAFORA

screenshot_2018-11-27-06-45-02_1-1435684413.jpg

Società: conclusa la “due diligence” di Friedkin, sconto sulla mancata Champions. Ora la firma

– Il traguardo è davvero vicino. Dan Friedkin ha concluso tecnicamente la due diligence in corso da inizio anno e si appresta a diventare il nuovo presidente della Roma.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   

                             ” prezzi scontatissimi “

Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

        wp-1581671246630.jpg wp-1582017202140.jpg  wp-1581686088282.jpg

Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi

https://virtualstore.letsell.com/home/

effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”
con il codice
                             

                                                       ” scontoamici “

cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

Si tratta di stilare a questo punto un memorandum of understanding per giungere alla firma ufficiale che dovrebbe arrivare entro la fine della prossima settimana. Con o senza Champions. La mancata qualificazione al trofeo europeo, però, farà scattare una clausola di sconto di circa 30 milioni sul prezzo finale che dovrebbe essere (inclusi debiti) di circa 700 milioni. Friedkin, insieme a suo figlio Ryan che verrà a vivere a Roma, sbarcherà di nuovo a Fiumicino a marzo e per ora non rilascerà dichiarazioni. Il passaggio di consegne con Pallotta, invece, avverrà nella sua villa di Houston in Texas. La prossima settimana in Consob, infine, si presenteranno i suoi uomini a illustrare l’operazione per le dovute autorizzazioni.

FONTE    LEGGO – BALZANI

wp-1580899685442.jpg

Questa gara pesa come un macigno

– Mai come stavolta vale il detto: vietato sbagliare. Ultimo treno, ultima chiamata, ultima chance, chiamatela come volete ma la partita di questa sera all’Olimpico contro i modesti belgi del Gent (comunque comodamente secondi in classifica nel loro campionato) è una di quelle che possono cambiare una stagione.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   

                             ” prezzi scontatissimi “

Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

 

wp-1581671246630.jpg  wp-1581670536976.jpg  wp-1582017220095.jpg

                          

Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi

https://virtualstore.letsell.com/home/

effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”
con il codice
                            

                                     ” scontoamici “

cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

O comunque provare ancora a darle un senso che al momento sembra difficile intravedere. Alla banda di Fonseca serve un successo, di quelli netti, scaccia crisi, per mostrare una unità d’intenti ritrovata e una solidità che appare smarrita. Ma soprattutto c’è bisogno di mettere alle spalle un avvio di campionato da dimenticare che ha visto i giallorossi conquistare solo cinque punti in sette partite e sfumare obiettivi che sembravano, in coda al 2019, oggettivamente alla portata della Roma. E per la prima volta, da quando è sbarcato nella Capitale, con il suo tono silenzioso e quel modo poco vistoso di imporre le sue idee, è anche il momento per Fonseca di mostrare quello che vale: in quanto a personalità. Che sia un tecnico in grado di far giocare bene le sue squadre lo avevamo capito da tempo, ma adesso deve mostrare anche di saper reagire quando la pressione di Roma (unica nel suo genere) inizia a rendere l’aria irrespirabile. Quando arrivano bordate da tutte le parti e sei te al centro della bufera: perché in questo sport alla fine paga sempre e solo l’allenatore. E non è forse un caso se ieri, per la prima volta da quando è a Roma, nella conferenza stampa che presenta un match, Paulo ha alzato la testa e detto la sua a muso duro: sempre nel suo stile s’intende. Giusto, ma adesso la risposta deve arrivare dal campo e dal prato verde dell’Olimpico i suoi giocatori dovranno mostrare al popolo romanista di aver capito il messaggio del loro nuovo condottiero: e soprattutto di volerlo seguire in questa e nelle prossime battaglie. Altrimenti, tutti a casa!

FONTE    IL TEMPO – CARMELLINI 

fb_img_1538229255249-628331808.jpg

La verità di Fonseca: «Roma, la pressione non conta. Con il Gent il nostro rilancio»

– Sincero, più della canzone di Bugo e Morgan. Paulo Fonseca, criticabile come tutti per gli errori tattici o tecnici, non sbaglia una virgola a livello mediatico e alla vigilia dei sedicesimi di Europa League contro il Gent di stasera all’Olimpico (appena 20 mila spettatori) spazza ogni tipo di alibi: «Qui a Roma si crea una negatività che io non capisco. La prima cosa mi hanno detto quando ho parlato di Roma è stato: Attento, è difficile. C’è grande pressione’.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   

                             ” prezzi scontatissimi “

Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

wp-1581671246630.jpg    wp-1581703772490719669952.png  wp-1581670513343.jpg        wp-1581703687675132465207.png              

Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi

https://virtualstore.letsell.com/home/

effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”
con il codice
       

                                    ” scontoamici “

cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

Ma io dico che se un allenatore non vuole pressione non puoi allenare grandi club come la Roma. Questo per me non è un problema. Per esempio la Dinamo Kiev in Ucraiana c’è grande pressione, i tifosi aspettano i giocatori fuori dallo stadio se perdi una partita. Lo Shakhtar no perché gioca lontano dalla città. Se io non volevo pressioni non potevo allenare la Roma. Questo avviene ovunque. Non è diverso, non dirò che è così solo perché altri lo dicono». Qualcuno avrà rabbrividito. Poi torna sul confronto avuto con la squadra dopo Atalanta-Roma: «Ora è facile inventare problemi di spogliatoio. Ma non è giusto, noi stiamo lavorando onestamente e non nascondiamo nulla. Il mio rapporto è sempre buono. Parliamo dei problemi quello sì, ma non è giusto inventare di scontri. Troppo facile farlo». E di problemi la Roma ne ha molti visto che nel 2020 ha perso ben 5 partite su 8. Un crollo verticale, ma Fonseca è ottimista nella sfida ai belgi che vale un pezzo di qualificazione agli ottavi: «Abbiamo lavorato bene, il Gent è una squadra forte ma in questa settimana abbiamo avuto segnali che la squadra sta meglio. Noi dobbiamo ritrovare noi stessi. recuperare quello che abbiamo fatto in passato senza alcuna pressione. Non possiamo pensare di vincere qualcosa se non torniamo a essere la squadra che siamo stati. Errori? Sì, non è normale subire i gol a difesa schierata e su calcio piazzato. Ci stiamo lavorando. Tatticamente però con l’Atalanta non abbiamo sbagliato strategia».

Col Gent ci saranno altri cambiamenti di formazione: dentro Santon al posto di Peres (out in lista Uefa), spazio a Carles Perez dal primo minuto; a centrocampo torna Cristante mentre a sinistra Kolarov è leggermente favorito su Spinazzola. Attenzione anche al cambio modulo: «Possiamo giocare a tre, ma dipende dalla partita. Se reputo che sia più sicuro allora posso schierarmi a tre». Al fianco di Fonseca uno Smalling severo smentisce più volte Petrachi: «Ci prendiamo tutta la colpa di questo brutto momento, il closing del club non c’entra nulla nemmeno ne parliamo. Appagati dal bel derby? Non credo, anche perché abbiamo pareggiato e perso due punti Col Gent è l’occasione perfetta per ripartire. A questa squadra manca un trofeo da troppo tempo. Il mio futuro? Roma è bellissima e qui sto bene, ma ora non è il momento di parlarne».

FONTE    LEGGO – BALZANI

img_20190709_0632203940671000147366106.jpg

“Bravo ma pigro”: così la Roma ha scartato Haaland

Nel 2017 fu proposto all’Inter, alla Roma e alla Juventus da Lodovico Spinosi

Erling Haaland avrebbe potuto vestire la maglia della Roma. È questo il retroscena emerso ieri nel pomeriggio grazie alle parole di Sebino Nela a Centro Suono Sport.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   

                             ” prezzi scontatissimi “

Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

wp-1582017202140.jpg    wp-1582017220095.jpg wp-1581671246630.jpg wp-1582017263045.jpg

                          Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi

https://virtualstore.letsell.com/home/

effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”con il codice 

                                          ” scontoamici “

cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

Oggi i dettagli svelati da “Tuttosport”: due anni fa il gigante norvegese fu proposto all’Inter di Sabatini, alla Juventus e anche ai giallorossi. Gli scout giallorossi, però, rilasciarono una relazione non proprio da vantarsene: bravo ma pigro, da rivedere. Solo che quando uno scout scrive così, passa almeno un anno per andare a rivalutare un giovane. Così anche la Roma perde l’attimo. A proporlo era stato Lodovico Spinosi (rappresentante per il mercato italiano dell’agente di Haaland, Pedersen), figlio dell’ex calciatore giallorosso.

FONTE    “Tuttosport”

screenshot_2018-07-25-08-03-59_1_1-1039368322.jpg

Sarà la prima da titolare per Carles Perez, provato anche da trequartista

Dopo qualche spezzone in campionato, o spagnolo può finalmente dimostrare il suo valore

La chance dal primo minuto è arrivata. Carles Perez partirà titolare questa sera contro il Gent. Ad ufficializzarlo, ieri, Fonseca. Dopo aver collezionato 85 minuti tra Sassuolo (24), Bologna (33) e Atalanta (28), lo spagnolo può finalmente dimostrare il suo valore, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Sei alla ricerca di un marchio importante con   
Questi sono alcuni fra i molti che troverete clicca   qui

                             ” prezzi scontatissimi “

wp-1581671246630.jpg    wp-1581713938358.jpg wp-1582018493031.jpg  wp-1581686088282.jpg

                          

Questo link vi porterà alla pagina sulla quale potrete iscrivervi
https://virtualstore.letsell.com/home/
effettuata l’iscrizione, ed un acquisto con un importo minimo di € 40 riceverete un ulteriore” SCONTO”
con il codice                                            ” scontoamici “
cliccando sull’immagine avrete un’anteprima del VOLANTINO MENSILE
https://viewer.ipaper.io/letsell1/volantino-170220/#/

Sinora infatti riuscirci entrando in corsa, con la Roma sempre costretta a recuperare, non lo ha certamente favorito.Oggi invece sembra la partita ad hoc per lui. I belgi non sono una squadra che fa barricate e uno rapido nel breve e abile nel dribbling come Perez può fare la differenza partendo da destra, rientrando al centro per cercare la conclusione con il mancino o l’assist. Singolare, quindi, che tra le prove tattiche effettuate nelle ultime ore, Perez sia stato provato anche nella posizione di trequartista.

Altre indicazioni di formazione: Santon favorito su Spinazzola, tornano Cristante e Veretout (fuori dalla lista dei 20 convocati, l’infortunato Cetin e lo squalificato/convalescente Diawara). In Italia, aspettando lampi con la maglia giallorossa, il ricordo più nitido di Perez è legato al gol contro l’Inter in Champions.

FONTE    Stefano Carina 

wp-1582185075369.jpg