Ricominciare o fermarsi, i club sono pessimisti. La FIGC: “Proviamoci”

 – L’unica ipotesi che ci si sente di escludere è quella di una ripresa ad inizio maggio. Persino quella di tornare a vedere correre i calciatori sui campi della Serie A a metà maggio non è del tutto esclusa. Intanto si registra il passo indietro di Lotito: la ripresa degli allenamenti della Lazio è rinviata a data da destinarsi. Non si arrende invece De Laurentiis, entrato in accesa polemica con Marotta,che predica prudenza.

Sei alla ricerca di un marchio importante con
” prezzi scontatissimi “
Questo link vi porterà sulla piattaforma

https://virtualstore.letsell.com/home/


HAI NECESSITA’ DI UN CHIARIMENTO ?, VUOI ESSERE INDIRIZZATO SU UN ARTICOLO SPECIFICO ?
L’EMAIL E’

virtualstore@outlook.it

wp-1585209839024.jpg

L’Uefa ha dato priorità ai campionati nazionali rispetto alle coppe, che potrebbero essere concentrate nelle ultime due settimane di luglio. C’è poi la possibilità di far giocare campionato e coppe nello stesso periodo. Per alcuni club di A sarebbe un azzardo continuare oltre il 30 giugno, mentre il Presidente Federale Gabriele Gravina ha più volte ribadito la volontà di voler portare a termine i campionati.

Da capire poi se la ripresa sarà coordinata per tutte le leghe: c’è infatti da credere che in alcuni paesi l’emergenza si protrarrà più a lungo, semplicemente perché insorta più tardi rispetto a quanto successo in Italia.

I club pensano alle soluzioni, ma mentre si parla di taglio agli stipendi dei calciatori a spaventare di più sono i mancati introiti da diritti tv.

FONTE    LA GAZZETTA DELLO SPORT 

screenshot_2018-07-24-09-42-11_1_1975186116.jpg