La Germania detta la ripresa del calcio. Serie A al bivio

– Il 30 aprile il governo tedesco deciderà se consentire per il 9 maggio la ripresa della Bundesliga. «Dobbiamo ricominciare per sopravvivere », taglia corto Christian Seifert, ad della lega dei club tedeschi. «Se non si riparte, un club su tre fallirà ». La decisione del governo tedesco, che potrebbe mandare i calciatori in campo con indosso mascherine, condizionerà gli altri campionati più importanti: Ligue 1, Premier League, Liga e Serie A.

CAPSULE LAVAZZA A MODO MIO
Il caffè perfetto esiste
CLICCA SUL LINK  https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=index&cPath=471&channel=LAVAZZA&lssessid=cv8kbb9k1ds94ns30cgcfddep7 

INSERENDO IL CODICE   ABCD10%   PER UN ACQUISTO DI ALMENO € 40,00 AVRAI UN ULTERIORE SCONTO DEL 10%

wp-15878120038301554549136.png
Dello stesso avviso è anche  l’ad della Lega di Serie A, Luigi De Siervo:  «Non giocare significherebbe diventare terreno di conquista per i club stranieri, che verrebbero a comprare a prezzo di saldo i nostri campioni». Se i campionati dovessero ripartire, incassando i diritti tv, chi dovesse fermarsi resterebbe stritolato. E in questo senso il destino della Serie A è in mano alla commissione medica del Coni che si riunirà lunedì. «Immaginiamo che fra i grandi campionati solo la Serie A si fermi. I calciatori avrebbero stipendi tagliati, i club sarebbero in bolletta, i talenti emigrerebbero», conferma Oscar Damiani Jr procuratore dell’Aiacs, l’associazione degli agenti che rappresenta l’80% dei calciatori tesserati in Italia.

fonte    LA REPUBBLICA 

screenshot_2018-07-24-09-42-11_1_1975186116.jpg