Jeremie Boga: dribbling e scarto del Chelsea. Nella Roma può essere il nuovo Salah

L’esterno del Sassuolo è uno degli obiettivi del calciomercato giallorosso. Può prendere il posto di Kluivert e Under

Jeremie Boga potrebbe iscriversi presto a quel partito di giocatori scartati dai grandi club inglesi e poi rimpianti. Ne fanno parte campioni come Pogba, Vieira e Salah. Proprio con Momò condivide tanto: la poca fiducia del Chelsea, il ruolo e l’esplosione in Italia. Potrebbe, perché è presto per dirlo. Ma quello che ha fatto vedere al Sassuolo in questi mesi basta e avanza a Fonseca per sognarlo nell’attacco della Roma. Il tecnico è rimasto impressionato dalla prestazione del francese naturalizzato ivoriano e quindi con doppio passaporto. Tanto che la Roma si sta muovendo per convincere il Chelsea (o eventualmente il Sassuolo) a lasciarlo andare.

VIRTUALSTORE è una piattaforma e-commerce
PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERITE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00
marchi importanti con prezzi “ superscontati “
digitando sull’immagine https://virtualstore.letsell.com/home/

wp-1588674901484546373464.png

Quanto costa e dove gioca Boga

Dicevamo di Chelsea e Sassuolo perché attualmente Jeremie Boga, che ha compiuto di 23 anni lo scorso 3 gennaio, è di proprietà del club emiliano, ma i Blues vantano un diritto di recompra di soli 15 milioni che probabilmente verrà esercitato. Difficilmente però il Chelsea lo terrà con sé vista l’abbondanza di giovani attaccanti alla corte di Lampard. Per prenderlo serviranno tra i 25 e i 30 milioni. Una cifra non indifferente ma che può essere assorbita dalle eventuali cessioni di Under e Kluivert. Jeremie gioca prevalentemente come ala offensiva su entrambe le fasce, il più delle volte su quella di sinistra essendo abile nel rientrare con il destro. L’ideale nel tridente di “trequartisti” alle spalle di Dzeko. Ma in carriera ha giocato anche da seconda punta. Fa della velocità, del dribbling e della tecnica individuale i suoi punti maggiori di forza, ma nell’ultima stagione ha aggiustato la mira dimostrando di avere un tiro da fuori area tra i migliori in serie A. Bravo anche negli assist (4 quest’anno) e nella visione di gioco che ha permesso spesso a Caputo di trovare il giusto angolo di tiro.

VIRTUALSTORE è una piattaforma e-commerce
PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERITE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00
marchi importanti con prezzi “ superscontati “
digitando sull’immagine https://virtualstore.letsell.com/home/

wp-15886749321011301308263.png

La carriera di Boga

Un’esplosione improvvisa quella di Boga. Nato nel 1997 si unì all’Academy dei Blues che lo strapparono all’ASPTT Marsiglia quando aveva 11 anni. Nel 2011/12, ad appena 15 anni, esordì nel campionato riserve. Ai tempi Ancelotti lo aveva definito “il futuro del Chelsea”. A 18 anni, dopo una grande Youth League in cui aveva segnato 4 gol e servito 2 assist, fu prestato al Rennes, dove però non trovò forse lo spazio sperato. Boga arrivò a collezionare 27 presenze ma solo 959 minuti complessivi e 2 gol in Ligue 1. L’Erasmus prosegue. Nella stagione successiva fu nuovamente ceduto in prestito, stavolta in Spagna al Granada. Con il numero 10 sulle spalle giocò 31 partite, di cui solo 15 da titolare, ma la stagione fu da dimenticare per gli spagnoli, che raccolsero appena 20 punti e retrocessero in Segunda. Tornato al Chelsea, Conte, a sorpresa, lo fece debuttare da titolare nell’esordio stagionale con il Burnley, prima di decidere di prestarlo al Birmingham dove finalmente trova continuità.

I numeri in Italia di Boga

Arrivato al Sassuolo nell’estate del 2018, in prestito con diritto di riscatto a 3,5 milioni (già esercitato) Boga ha faticato ad entrare nei meccanismi di De Zerbi che lo utilizzava solo come arma in corso. Anche per problemi caratteriali. “Boga è quello che voglio sul goal, ma se poi quando va in pressing viene saltato come se il risultato non contasse, con me sta fuori sempre. Non sto a guardare se Boga ha il talento o meno, io voglio di più, se no facciamo fatica”, disse De Zerbi. Poi il boom in questa stagione. Boga ha giocato l’84% dei minuti totali in campionato restando dietro solo a Ciccio Caputo. E i numeri sono stati straordinari: 8 gol, 4 assist e il record di dribbling riusciti (5,04) in serie A. Dal 2012/13 a oggi, solo Felipe Anderson (6,02) e Douglas Costa (5,32), entrambi nel 2017/18, hanno mantenuto una media più alta di dribbling riusciti per 90. Capacità che hanno esaltato Fonseca e la Roma pronta a superare la concorrenza di Everton e Napoli per averlo.

FONTE    F,  BALZANI

wp-1588677441677596588790.png

La Roma dona 32 mila mascherine alla città

L’AS Roma dona 32 mila mascherine alla Città, destinate agli addetti ai lavori della Capitale.

Nella mattinata di lunedì, il CEO Guido Fienga e il vicepresidente Mauro Baldissoni hanno consegnato simbolicamente alla sindaca Virginia Raggi un box contenente il materiale che Roma Cares ha già iniziato a distribuire alle categorie più a rischio.

VIRTUALSTORE è una piattaforma e-commerce

 PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERITE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00

marchi importanti con prezzi “ superscontati “

digitando sull’immagine     https://virtualstore.letsell.com/home/

wp-1588609893244457088775.png

A ricevere i dispositivi di protezione individuale saranno: il Comando di Polizia Locale, la Polizia Locale dell’area Metropolitana, Atac, l’Assessorato alle Politiche Sociali e la società Zetema.

“Ringrazio l’AS Roma che in questo momento è stata ancora di più vicina ai cittadini. Sappiamo che in questi mesi sono stati consegnati anche i pacchi spesa alle persone più bisognose”, ha dichiarato la sindaca Virginia Raggi. “Alla Società va un plauso perché ha dimostrato che nel momento del bisogno c’è: è un onore per la nostra Città avere un club che dà una mano ai propri cittadini”.

Delle 32 mila mascherine donate, 17 mila saranno destinate a diverse strutture sanitarie della Città e alle ASL Roma 1, 2 e 3.

VIRTUALSTORE è una piattaforma e-commerce

 PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERITE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00

marchi importanti con prezzi “ superscontati “

digitando sull’immagine     https://virtualstore.letsell.com/home/

wp-158867550285080810172.png

 “Ci fa molto piacere partecipare all’incontro di oggi, abbiamo voluto supportare le categorie che a loro volta aiuteranno la nostra Città a tornare alla normalità”, le parole del CEO Guido Fienga. “Roma Cares in questo momento così delicato ha cercato di aiutare non solo i tifosi giallorossi, ma tutti i romani che ne avevano bisogno.”

Tutte le mascherine distribuite dal club giallorosso sono lavabili e riutilizzabili fino a 30 volte.

“Il progetto Roma Cares non nasce in questo periodo, ormai va avanti da sei anni e porta un aiuto concreto nella Città e nelle periferie. Ora con il Covid-19 è tutto ancora più visibile, ci sono tante persone che ringraziano la Roma: davvero complimenti e grazie dalle istituzioni romane”, ha dichiarato, Daniele Frongia, Assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi Eventi cittadini.

Sono più di 4.000 le mascherine distribuite agli agenti della Polizia di Roma Capitale che operano nel territorio.

“Siamo felici della donazione che ci consentirà di andare avanti fino alla fine dell’anno. L’iniziativa è molto importante ed è un’ulteriore conferma dell’umanità di questo Club”, ha dichiarato Antonio Di Maggio, comandante generale del Corpo della Polizia Locale di Roma Capitale.

Gli autisti e gli addetti ai lavori di Atac hanno già ricevuto 7000 mascherine per poter iniziare la fase due in sicurezza.

“Per noi è stata molto importante questa donazione di Roma Cares, perché ha consentito a tutti i nostri operatori di essere pronti a partire con dispositivi a norma di legge. L’iniziativa ci aiuta molto e coprirà tutto il personale all’opera”, le parole del CCO di Atac, Fabrizio Frustaci.

La consegna per le categorie impegnate ogni giorno sul territorio è solo una delle iniziative messe in atto da Roma Cares dall’inizio dell’epidemia da Covid-19. Nel corso di questi mesi, infatti, la società giallorossa ha distribuito otto ventilatori polmonari e otto letti per la terapia intensiva agli ospedali della capitale, oltre a più di 20 mila mascherine, 30 mila paia di guanti, più di 10 mila flaconi di gel igienizzante, oltre a beni di prima necessità, tablet e smartphone dedicati ai pazienti ricoverati.

A inizio aprile è stata lanciata la campagna ASSIEME, che rappresenta il catalizzatore di tutte le azioni intraprese dall’AS Roma in questo periodo.

wp-1582908064781.jpg