Cervone: “Se si può si deve chiudere la stagione sul campo. Spero arrivi Friedkin”

Giovanni Cervone, ex portiere della Roma dal 1989 al 1997, ha parlato della sua ex squadra e della possibile ripresa del campionato ai microfoni di TMW Radio:
La preoccupa il futuro della Roma?
“Sicuramente non è una situazione semplice. Tutti erano sicuri, prima che esplodesse la pandemia, che Pallotta vendesse. Si parla di un tetto d’ingaggio e cessioni importanti, compresa quella di Dzeko, non ti fanno pensare ad un futuro positivo. Tutto però può cambiare da un momento all’altro.

OCCHIALI DA SOLE FAI CLIK SUL LINK
https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=index&cPath=173_195&channel=FASHION_PREMIUM
PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERIRE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00
Email virtualstore@outlook.it

wp-15888436360941343363530.pngTutti erano pronti a ripartire con un’altra proprietà. Se dovesse rimanere Pallotta, non deve smantellare quel poco di buono che si è creato. Friedkin? Spero arrivi”.
Teme possa perdere Zaniolo e Pellegrini?
“Da quello che si legge, Zaniolo mi sembra che la Juve sia in pressing. Se dovessero servire i soldi, sicuramente sarà un affare che faranno, come è successo con Luca Pellegrini lo scorso anno. Al di là della volontà del ragazzo, che ha detto che vorrebbe rimanere, se la Juve si presenta con una buona offerta, può andare via. Bernardeschi più soldi? Non so come sta, a Roma serve uno con entusiasmo e voglia. Uno che esce dalla Juve difficilmente accetta volentieri una squadra come la Roma. Ambisce ad andare ad una squadra superiore”.
Lei ripartirebbe con la stagione?
“Già ora, se si dovesse ripartire, si deve riprendere in sicurezza. Se si può, si deve chiudere la stagione sul campo”.
Si riprenderà a giocare?
“La Germania riparte ma la Francia ha chiuso. In Olanda e Belgio si sono fermati. La UEFA non ha questa forza che tutti pensano. Ha dato un indirizzo ma non tutti lo hanno seguito. E questo mi sembra strano. Se dà una linea, tutti dovrebbero seguirla”.

FONTE   TMW Radio

wp-1588867760312.jpg

Senza soci Friedkin si ferma

 – Si raffredda l’asse tra Boston e Houston. Con la pubblicazione della semestrale la Roma ha ufficialmente confermato che la trattativa tra Friedkin e Pallotta non è ancora tramontata definitivamente ed è rallentata per effetto della diffusione del Covid-19, ma l’affare ha imboccato una strada in salita e sono giorni di profonde riflessioni.

OCCHIALI DA SOLE FAI CLIK SUL LINK
https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=index&cPath=173_195&channel=FASHION_PREMIUM
PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERIRE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00
Email virtualstore@outlook.it

wp-15888436360941343363530.png

L’imprenditore texano ha per il momento ridotto al minimo i contatti con la controparte – qualche telefonata è andata in scena la scorsa settimana – dopo essere stato vicino a diventare il secondo proprietario statunitense della storia della società capitolina. Emerge ora un retroscena inedito sulla trattativa: alcuni fondi d’investimento europei avevano deciso di affiancare l’imprenditore texano nell’operazione. Si era arrivati a un passo dalle firme, poi lo stop dovuto alla pandemia. E i danni conseguenti per la Roma e l’economia mondiale. A complicare ulteriormente l’esito del deal va registrata la difficoltà di Friedkin di confermare la presenza al suo fianco di soci di minoranza. L’attuale situazione di incertezza sul futuro del campionato e sui conti della Roma non scalda gli animi di possibili investitori, in generale poco propensi ad accettare di completare una trattativa sulle cifre ventilate da Pallotta anche negli ultimi tempi: il presidente giallorosso ha fatto sapere ai soci di minoranza all’interno di AS Roma Spv Llc (la controllante), che hanno intentato una class action contro il patron giallorosso, che un punto di svolta per il ritorno sul loro investimento è rappresentato da un prezzo di cessione superiore ai 640 milioni. L’intenzione del gruppo Friedkin è invece di rivedere notevolmente le cifre precedentemente stabilite (c’è da riorganizzare anche la struttura dell’eventuale acquisto): la nuova valutazione fatta in Texas del pacchetto Roma si aggirerebbe intorno ai 450 milioni, ma bisogna capire fino a che punto sarà disposto a scendere sul prezzo Pallotta. Nel frattempo si è iniziato a muovere il mondo della finanza, alla ricerca di una possibile alternativa al gruppo texano. Lo scorso ottobre era stato dato mandato a Goldman Sachs di trovare una soluzione per permettere a tutti gli investitori di uscire dall’affare Roma e ora la banca d’affari sta sondando il terreno nei mercati internazionali: l’esplorazione, effettuata anche sugli imprenditori italiani, non ha fino adora dato i frutti sperati. Intanto questa mattina a Trigoria riprenderanno gli allenamenti individuali dopo i tre giorni di visite mediche, svolte direttamente all’interno del centro sportivo. «Abbiamo diviso la squadra in gruppi, che si alterneranno in tre turni nel corso della mattinata. Su ogni campo ci saranno solo quattro calciatori e un membro dello staff tecnico, con un medico e un fisioterapista, oltre a un portiere che farà un lavoro specifico. Dopo l’allenamento i calciatori andranno subito a casa» le parole di Zubiria. Intanto il club dovrà vedersela in tribunale con il Newell’s Old Boys: gli argentini hanno presentato una denuncia presso la Camera di Risoluzione delle Controversie della Fifa in merito al trasferimento di Ponce e Romagnoli allo Spartak Mosca. L’accusa è di aver aggirato la clausola sulla futura rivendita fissata sul centravanti inserendo nell’operazione il portiere, ceduto ai russi per 3 milioni di euro

FONTE   IL TEMPO – AUSTINI, BIAFORA –

wp-1580899685442.jpg

Raiola precisa: “Da Mkhitaryan nessun messaggio all’Arsenal per restare alla Roma”

L’agente dell’armeno ha chiarito la situazione del trequartista, che il club giallorosso vorrebbe tenere

Mino Raiola interviene sulle voci di un presunto “messaggio” mandato da Mkhitaryan all’Arsenal per restare alla Roma.

OCCHIALI DA SOLE FAI CLIK SUL LINK
https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=index&cPath=173_195&channel=FASHION_PREMIUM
PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERIRE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00
Email virtualstore@outlook.it

wp-15888436360941343363530.png

L’agente dell’armeno ha pubblicato un post sul suo profilo Twitter: “Mkhitaryan non ha mandato nessun messaggio all’Arsenal. Soprattutto in momenti cosi, le fake news sono assolutamente inaccettabili”. Il trequartista quindi, secondo il suo procuratore, non si è mosso in prima persona con la dirigenza dei Gunners per chiedere di giocare un’altra stagione alla Roma. Cosa che invece ha fatto Fonseca, che ha espresso più volte il suo desiderio di avere l’armeno ancora con la maglia giallorossa anche l’anno prossimo. Petrachi dovrà lavorare con l’Arsenal per trovare una soluzione, ma tutto dipenderà anche dalla situazione delle casse giallorosse. Mkhitaryan è arrivato in prestito dall’Inghilterra la scorsa estate: con la Roma sei gol e quattro assist in poco più di mille minuti.

img_20190903_0847543923903785577712041.jpg

Senza ripresa i conti non tornano. La Roma sarà costretta ai saldi

 – La Roma ha già perso almeno 20 milioni tra mancati incassi dal botteghino, riduzione delle sponsorizzazioni e merchandising. Se la Serie A dovesse essere stoppata fino a settembre, arriverebbe un’altra perdita di 30 milioni. Per risanarla ci sarebbe una sola strada: la cessione di calciatori.

OCCHIALI DA SOLE    FAI CLIK SUL LINK https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=index&cPath=173_195&channel=FASHION_PREMIUM

PER USUFRUIRE DI UNO SCONTO ULTERIORE DEL 10% INSERIRE IL CODICE ABCD10% CON ACQUISTO MINIMO DI € 40,00
Email    virtualstore@outlook.it

wp-15888436360941343363530.png

 

L’intenzione è di ricostruire da Pellegrini e Zaniolo, ma se la situazione non dovesse migliorare, nessuno può garantire nulla. L’ideale è cedere i giocatori che non servono a Fonseca, ma purtroppo sono proprio quelli che non hanno mercato. A partire da Zaniolo e Pellegrini, passando per Kluivert e Diawara, Mancini e Under, i giallorossi hanno in casa un capitale importante, ma dovrebbe essere la base del futuro giallorosso. Nel peggiore degli scenari, pensando a un campionato a porte chiuse anche nella prossima stagione, non c’è più certezza del programma.

FONTE    CORRIERE DELLA SERA – VALDISERRI 

wp-1587547315139.jpg