Caos ripartenza: la rivolta dei calciatori

 – I calciatori incrociano le gambe. Non è una questione di soldi, ma è anche una questione di soldi: al di là dei timori per la salute dei propri assistiti, l’Associazione Italiana Calciatori si mette di traverso e contesta la decisione del Consiglio Federale per quanto riguarda l’ampia manovra amministrativa consentita ai club sulle garanzie da presentare per le iscrizioni ai campionati e – conseguentemente – per il pagamento degli stipendi. Ieri il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha annunciato interventi per un miliardo di euro per sostenere il Sistema sportivo italiano.

Se sei alla ricerca di un marchio importante , un clik sul link vi porterà sullapiattaforma e-commerce
https://virtualstore.letsell.com/home/

VIRTUALSTORE  inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%

EMAIL virtualstore@outlook.it

wp-15898783903941248470751.png
LA RIVOLTA DELL’AIC – All’indomani del Consiglio federale l’Assocalciatori si è ritrovata per opporsi alle decisioni prese dalla Federcalcio. «E’ forte la delusione nell’apprendere che i club di tutte le serie professionistiche potrebbero iscriversi al campionato 20/21 a fronte del pagamento di un solo mese di stipendio del periodo marzo-giugno 2020 – si legge nel comunicato dell’Aic – si tratta di norme programmatiche irricevibili che pregiudicheranno la tranquillità economica della maggior parte dei tesserati professionisti. La Federazione è intenzionata a controllare per l’iscrizione di fine agosto (termine della stagione 19/20 prorogato durante la stessa riunione) l’avvenuto pagamento delle retribuzioni di marzo, aprile e maggio 2020 per tutte e tre le categorie professionistiche con la particolare previsione che – in caso di contenzioso per le mensilità di marzo e aprile – si dovrà dimostrare il pagamento della sola mensilità di maggio 2020. La nostra Associazione auspica l’adozione di un sistema che favorisca le intese collettive». Rivendicato lo status da professionista per le calciatrici della serie A.
PROTOCOLLO PARTITE – Il nuovo dispositivo perle partite imporrà nuove regole per i club che dovranno far fronte a un protocollo piuttosto rigido. Le partite si giocheranno in tre differenti orari: 16.30-18.45-21. All’interno degli spogliatoi verranno utilizzati separatori per i lettini dei massaggi, consentito l’utilizzo moderato di macchinari fisioterapici e medici, necessarie le sale separate per i test antidoping. Del tutto abolito il protocollo dell’ingresso in campo: niente mascotte, nessun bambino in campo, niente foto di squadra, nessuna stretta di mano tra capitani e con arbitri e assistenti. Durante la partita, i calciatori non potranno più protestare con gli ufficiali di gara, e dovranno restare a non meno di un metro e mezzo di distanza dall’arbitro.
INNO AL GIOCO – «La delibera adottata è un inno al gioco – afferma il Presidente della Figc Gravina in una lettera aperta alla Lega Pro – si desidera scendere in campo ovviamente tenendo in massima considerazione la tutela della salute di tutti i protagonisti. Il percorso prevede la ripresa regolare del campionato solo se nelle prossime settimane i protocolli sanitari divenissero pienamente applicabili anche in Lega Pro. In caso contrario, individueremo un nuovo format per far disputare in sicurezza – più avanti nel tempo – sia play off che play out, affinché siano i risultati del campo a determinare le promozioni e le retrocessioni».

FONTE   IL TEMPO – PIERETTI

img_20190909_1721116974707254345470304.jpg

Zappacosta: «Voglio restare qui»

 – La sua stagione è stata più che sfortunata per via di una lesione al polpaccio e per l’infortunio al crociato, ma Zappacosta ha voglia di ripagare la fiducia della Roma. Il terzino destro, arrivato nella Capitale in prestito secco gratuito, ha raccolto soltanto una presenza in maglia giallorossa, ma la sua intenzione è di restare anche il prossimo anno agli ordini di Fonseca: «Mi piacerebbe tanto rimanere a Roma per diversi motivi. Il principale è quello di dimostrare alla piazza, ai compagni e alla dirigenza il giocatore che sono».

Se sei alla ricerca di un marchio importante , un clik sul link vi porterà sullapiattaforma e-commerce
https://virtualstore.letsell.com/home/

VIRTUALSTORE inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%

EMAIL virtualstore@outlook.it

wp-15898783903941248470751.png
L’esterno difensivo era pronto a torna-re in gruppo dopo aver completato la riabilitazione al ginocchio ed ora è smanioso di scendere in campo per guadagnarsi la riconferma, un argomento ancora non affrontato tra Petrachi e il suo agente: «Mi sono allenato tanto e ho fatto tanti sacrifici per poter essere a disposizione alla ripartenza del campionato. Credo di essere a un buon 90% della condizione, quindi penso di essere a disposizione per inizio campionato». Intanto ieri la Roma ha effettuato una doppia seduta dopo il giorno di riposo concesso da Fonseca: oggi tutti in campo a Trigoria per un singolo allenamento

FONTE   L TEMPO – BIAFORA

wp-1590153387321.jpg

Malagò: “Non lo so se la trattativa tra Pallotta e Friedkin sia terminata, sicuramente il Coronavirus non ha aiutato”

Giovanni Malagò, presidente del Coni, ha rilasciato alcune dichiarazioni durante una lunga intervista al programma radiofonico radio incontro olympia. L’imprenditore romano si è espresso anche sulla Roma, in particolare sulla trattativa tra Pallotta e Friedkin per la cessione del club. Si è espresso anche in merito alla ripartenza della Serie A in seguito all’emergenza coronavirus. Questo uno stralcio dell’intervista:

Se sei alla ricerca di un marchio importante , un clik sul link vi porterà sulla piattaforma e-commerce
https://virtualstore.letsell.com/home/

VIRTUALSTORE

inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%

EMAIL virtualstore@outlook.it 

wp-15898783903941248470751.png

«Non lo so se la trattativa sia terminata, sicuramente il Coronavirus non ha aiutato. Questo è poco ma sicuro».
«Se c’è egoismo da parte di tutti i presidenti dei Serie A sul fatto di voler giocare o no? Si, tutti hanno in qualche modo un condizionamento da una posizione di classifica, non mi sento di dire che ci sono buoni e cattivi. Questo forse è nella natura umana che ci possono essere delle spinte, in virtù anche del fatto che nel momento in cui si è fermato tutto uno era ad un punto dalla retrocessione o dallo scudetto».

wp-1587460914537.jpg