Cavani, l’intermediario: “Offerta ufficiale da un gruppo che vuole acquistare la Roma”

Gaston Fernandez ha rivelato che “un gruppo” gli ha fatto una proposta formale per il bomber uruguaiano, ma deve prima chiudere l’acquisto del club

La Roma ha fatto un’offerta ufficiale a Edinson Cavani. O meglio, ad aver recapitato una proposta all’ormai ex bomber del PSG, sarebbe stato un gruppo di imprenditori americani intenzionati ad acquistare il club giallorosso.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tou
r https://virtualstore.letsell.com/home/

E per presentarsi in grande stile vorrebbero portare nella capitale proprio l’uruguaiano. A dare la notizia è Gaston Fernandez, intermediario dell’operazione legata all’attaccante classe ’87, che al quotidiano ‘Ovacion’ ha spiegato: “C’è un’offerta ufficiale per Cavani. Mi hanno contattato per inviare una proposta formale a Walter Guglielmone (fratello e rappresentante di Cavani, ndc) e se quel gruppo acquisisce definitivamente la Roma, vogliono Edinson nella squadra”. Si parla quindi non della società giallorossa attuale, ma di un gruppo che dovrebbe rilevare il club di Trigoria: “Tutto dipenderà dal fatto di riuscire o meno a prendersi la Roma – ha sottolineato Fernandez -. Perché, anche se ci sono molte trattative avanzate, non è facile acquistare un club di quel prestigio oggi. Ci sono molte cose da tenere a mente, ma una delle sue priorità, se l’ipotesi diventa concreta, è quella di prendere Cavani”.

Gaston Fernandez ha poi aggiunto: “Sapevano che sono un uomo vicino a Cavani e che gli parlo di altre cose perché il suo rappresentante rimane il fratello Walterma mi hanno chiamato, mi hanno detto di sondare questa possibilità, mi sono assicurato che fosse qualcosa di serio e così l’ho girato a Guglielmone. Pensano che la proposta sia buona, ma come ti ho detto prima, questo non significa che l’acquisto di Edinson sia definito, perché prima il gruppo deve chiudere l’acquisto della Roma“. 

– La Roma parte per Napoli, i tifosi: “Zaniolo salvaci. Tirate fuori le p…”

La Roma parte per Napoli. Ad aspettarla alla stazione Termini c’erano una decina di tifosi, che hanno salutato la squadra invitandola a “tirare fuori le p…”


VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

 Una richiesta che è conseguenza delle ultime due prestazione, soprattutto quella con l’Udinese, che hanno visto in campo una squadra spenta e a tratti arrendevole. Una delle speranze per l’immediato futuro è Nicolò Zaniolo, tornato tra i convocati a quasi sei mesi dall’infortunio al ginocchio contro la Juve. “Salvaci!”, gli chiedono i tifosi.

Conferenza Stampa Fonseca: “Non è il momento di bilanci. Dobbiamo giocare con cattiveria per vincere”

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato in conferenza stampa in vista del match di domani contro il Napoli:

Ogni volta che un centrocampista perde palla succede una catastrofe. I difensori si trovano sempre a campo aperto. Come sta analizzando questo problema? Soluzione difesa a tre?
Come ho detto sempre noi abbiamo lavorato con due sistemi e possiamo giocare con la difesa a 3 e 4. Devo dire che è quasi lo stesso, la questione della marcatura preventiva non è stata un problema in queste partite. Contro l’Udinese si ma eravamo in 10. Se vediamo la partita iniziamo sempre 3, facciamo sempre la marcatura preventiva con 3 più 1. Era diversa quella partita con un giocatore in meno, abbiamo rischiato di più sulla seconda palla. Come ho detto possiamo giocare con due sistemi“.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

La questione gol, gli esterni non aiutano: Carles Perez e Mkhitaryan sembrano più avanti, nelle gerarchie sono avanti rispetto agli altri?
Vedremo domani. Penso sia chiaro che Dzeko giocherà, non ha giocato l’altra partita. Mkhitaryan è un’opzione forte, vediamo come starà Carles. Ha corso molto e ha giocato bene, vediamo come sta fisicamente perché abbiamo giocato solo due giorni fa. Sono opzioni“.

Senza giri di parole, la squadra ha smesso di giocare dopo le voci su una cessione della società. C’è una relazione?
No, per me no. Nessuna relazione“.

Il suo bilancio è in linea con le aspettative iniziali della società?
Il bilancio si fa a fine stagione, l’ho già detto prima della partita con l’Udinese. Restano più di 9 partite e l’Europa League, non è il momento di bilanci“.

Può spiegare meglio la scelta dei cambi con l’Udinese?
Ho cambiato chi ha giocato sempre, non quelli che non hanno giocato mai. E l’ho fatto perché ho fiducia in tutti i giocatori. Come ho già detto dopo la partita, non si può pensare solo ad una partita, ho pensato anche alla partita Napoli. Ma l’ho fatto perché ho fiducia in tutti“.

Si è già assunto le responsabilità del momento, saprebbe indicare un errore specifico che pensa di aver commesso?
Faccio sempre delle analisi dopo la partita, quando si vince non va tutto bene e ovviamente quanto si perde non va tutto male. Devo trovare soluzioni per migliorare la squadra“.

E’ vero che i ragazzi le hanno confessato di sentirsi stanchi?
Non è vero“.

Pensa ad un cambio di sistema o a soluzioni tipo Mancini a centrocampo?
Come ho già detto, abbiamo la possibilità di giocare con due sistemi“.

Sente il sostegno della società o si sente abbandonato?
Sento il supporto della società, del presidente e di tutto il club. Non mi sono mai sentito abbandonato“.

Ha avuto modo di sentire personalmente Pallotta, che ha commentato duramente il ko con l’Udinese?
E’ normale essere arrabbiati dopo una sconfitta, anche io lo ero dopo la partita. Penso sia una situazione normale“.

La squadra ha fatto fatica a coprire il campo.
Abbiamo avuto questo problema con la Samp, la squadra non era corta. Nelle altre due ci sono stati altri problemi, non la lunghezza della squadra“.

Cosa si sente di dire ai tifosi in questo momento di difficoltà?
Che dobbiamo lavorare, non è il momento di pensare che sia tutto finito. Dobbiamo lavorare. Ho sempre sentito il supporto dei tifosi, non sono soddisfatti come me delle ultime partite, è normale. Dobbiamo giocare per vincere, con cattiveria, per i nostri tifosi“.

Riguardo la gara di domani, sarà un Napoli diverso ed in fiducia. Che partita si aspetta?
Come ha detto, è una squadra in fiducia e diversa da quella che abbiamo già affrontato. Sta facendo bene, hanno perso con l’Atalanta ma mi aspetto una squadra forte e con voglia di vincere“.