Roma-Parma, le probabili formazioni dei quotidiani: Cristante al centro della difesa, torna Perez

Fonseca conferma la difesa a tre visa a Napoli nonostante il forfait di Smalling. Spinazzola largo a destra al posto d Zappacosta, fuori Kluivert

La Roma non può più sbagliare. Con il Parma all’Olimpico Fonseca ha a disposizione solo la vittoria. Dopo il successo contro la Juve e il sorpasso in classifica firmato dal Milan, i giallorossi devono assolutamente tornare a sorridere e provare a scacciare via la crisi.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Il tecnico portoghese riconfermerà la difesa a tre nonostante il forfait di Smalling (out almeno 10 giorni). Al centro al posto dell’inglese giocherà Cristante, con Mancini e Ibanez ai lati. Out anche Santon per una lesione, Zappacosta non al meglio. A destra verrà quindi spostato Spinazzola, tra i più positivi al San Paolo. Al centro gli intoccabili Veretout e Pellegrini, mentre in avanti a supporto di Dzeko torna Perez. Zaniolo parte di nuovo dalla panchina.

Le probabili formazioni dei quotidiani

LEGGO (3-4-1-2)
Pau Lopez; Ibanez, Cristante, Mancini; Spinazzola, Veretout, Pellegrini, Kolarov; Mkhitaryan; Perez, Dzeko.

IL MESSAGGERO (3-5-1-1)
Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Spinazzola, Pellegrini, Veretout, Mkhitaryan, Kolarov; Perez; Dzeko.

CORRIERE DELLO SPORT (3-5-2)
Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Spinazzola, Pellegrini, Veretout, Mkhitaryan, Kolarov; Carles Perez, Dzeko.

GAZZETTA DELLO SPORT (3-5-2)
Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Spinazzola, Pellegrini, Veretout, Mkhitaryan, Kolarov; Carles Perez, Dzeko.

IL TEMPO (3-4-2-1)
Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Spinazzola, Veretout, Pellegrini, Kolarov; Carles Perez, Mkhitaryan; Dzeko.

CORRIERE DELLA SERA (3-5-2)Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Spinazzola, Pellegrini, Veretout, Mkhitaryan, Kolarov; Carles Perez, Dzeko.

LA REPUBBLICA (3-5-2)
Pau Lopez; Mancini, Cristante, Ibanez; Spinazzola, Pellegrini, Veretout, Mkhitaryan, Kolarov; Carles Perez, Dzeko.

Roma, Friedkin punta sul tempo

Il magnate resta alla finestra in attesa di sferrare il colpo per comprare, ma non intende alzare la proposta di 490 milioni cash

Dan Friedkin è ancora interessato alla Roma, ma non ha intenzione di alzare l’offerta presentata nelle scorse settimane, ritenendola congrua alla situazione del club giallorosso. Secondo quando riporta MF – Milano Finanza, per il momento il magnate texano resta alla finestra, in attesa di tornare alla carica se Pallotta non troverà l’accordo con i nuovi potenziali investitori che si sono recentemente fatti avanti.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Nei giorni scorsi è emerso che Pallotta sarebbe disposto a passare la mano con un’offerta di 600 milioni, 300 dei quali destinati a coprire i debiti. Quella di Friedkin comprenderebbe un’iniezione di denaro fresco di 90 milioni, ma al netto di questa futura immissione l’uomo Toyota valuta il club 490 milioni. 

L’attuale presidente giallorosso ha detto “no” anche quando il texano ha comunicato che avrebbe pagato cash la cifra, senza diluizioni. Friedkin non è comunque intenzionato a salire, convinto che Pallotta non troverà un’offerta migliore. A suo favore le scadenze in arrivo e la mancata qualificazione in Champions, ormai diventata più di una possibilità.

Calciomercato Roma, il Milan offre 20 milioni per Schick: Fienga spera nell’asta

Il CEO romanista punta a incassare con la cessione del ceco, ma se Dzeko dovesse dire addio non è esclusa la sua permanenza

Il Milan risale in campionato grazie a Pioli, ma prepara l’era Rangnick. Il tedesco sarà annunciato come nuovo tecnico dei rossoneri e ha già chiesto i primi rinforzi sul mercato.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Come riporta Carlo Laudisa su La Gazzetta dello Sport, i due nomi fatti dall’ex allenatore del Lipsia sono Milot Rashica e Patrik Schick. Il ceco di proprietà della Roma è arrivato in Bundesliga proprio su suo input e ora Rangkick lo rivorrebbe nella sua prossima avventura a San Siro.

Per il momento Schick resta alle dipendenze di Nagelsmann, per affrontare i quarti di finale di Champions League con il Lipsia, ma il suo futuro non è ancora stato scritto. La prima offerta del Milan alla Roma è di 20 milioni, ma la trattativa è ancora nelle sue fasi preliminari. Il ceco, che rappresenta la prima scelta dei rossoneri per l’attacco, tornerebbe di buon grado in Italia. Fienga punta a creare un’asta per lui (il Lipsia non è ancora fuori dai giochi) a meno che l’addio di Dzeko non induca i giallorossi a tenerlo per affidargli l’attacco.

Conferenza Stampa Fonseca: “Abbiamo le capacità per fare meglio. Zaniolo non è pronto per giocare dall’inizio”

Paulo Fonseca, tecnico della Roma, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del match contro il Parma:

Tra le varie cose che non hanno funzionato nel 2020 c’è la crescita di alcuni giocatori. E’ giusto aspettarsi di più da Under e Kluivert?
Non è giusto in questo momento parlare di due giocatori, tutti noi dobbiamo fare meglio. Tutta la squadra, tutti noi abbiamo capacità per fare meglio“.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Con la difesa a 3, senza Smalling, Cristante può essere una soluzione?
Se giocheremo con questo sistema, Cristante può essere una possibilità. Ha giocato in questa posizione in questa stagione“.

Come si spiega il 2020?
Dobbiamo separare i momenti, non abbiamo iniziato bene l’anno, poi abbiamo recuperato con 3 vittorie consecutive e abbiamo passato il turno in Europa League. Dopo la Samp, abbiamo perso col Milan. Esiste un problema in squadra che stiamo provando a cambiare. Qui le sconfitte sono molto pesanti e la squadra ha difficoltà a recuperare. Abbiamo dato segnali col Napoli e domani credo che la squadra farà meglio“.

L’assenza di Smalling sarà decisiva?
Il sistema non dipende solo da un giocatore. Domani vedremo“.

Carles Perez può essere la spalla di Dzeko?
Sì, è diverso da Dzeko“.

Le dà fastidio leggere nomi di allenatori che potrebbero sostituirla?
Nessun fastidio“.

Zaniolo?
Se era con noi, significa che era pronto per giocare. Ha giocato il tempo giusto, non può giocare più di 30 minuti. Ha giocato bene, non sta nella miglior condizione fisica“.

E’ pronto per giocare dal 1′?
No, non dobbiamo dimenticare quanto tempo è stato fuori. Serve attenzione“.

Stessi punti e numeri della scorsa stagione. Come si convincono i tifosi?
Non è giusto fare paragoni con le altre stagioni. Abbiamo fatto tante cose bene, non dobbiamo dimenticare che siamo all’inizio di un progetto. La mia preoccupazione è tornare a fare bene. Conosco tanti allenatori che all’inizio non hanno fatto bene e poi hanno vinto“.

Cos’è successo dal punto di vista mentale dopo il lockdown?
Ne ho parlato adesso: far capire alla squadra che una sconfitta è solo una sconfitta. Dobbiamo analizzarla, ma la sconfitta non può essere tanto pesante e non può influenzare il futuro. Stiamo lavorando per cambiare questa mentalità“.

Sui gol presi col Napoli.
Abbiamo lavorato su questo tipo di situazioni. Le due situazioni sono di grande ispirazione al tempo giusto, difficili da contrastare. E’ merito dei giocatori del Napoli“.

Che Parma si aspetta?
E’ una squadra di contropiede, molto pericolosa con giocatori in attacco molto forti. Possiamo aspettarci una squadra che gioca così“.

Ha detto che avrebbe cambiato poco. Su quali ruoli sta riflettendo?
Non penso di cambiare molto. Non ci sarà Smalling, ci sono anche le situazioni di Zappacosta, che è stato tanto tempo infortunato e ha fatto due partite, ed ho uno-due dubbi ma sicuramente non cambierò molto“.