Burdisso: “Io DS della Roma? Spero che i nostri percorsi possano incontrarsi”

Nicolas Burdisso, ex difensore della Roma dal 2009 al 2014, ha da poco chiuso il suo rapporto di lavoro al Boca Juniors ed ha parlato del suo futuro e di De Rossi ai microfoni di Sky Sport:

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Io direttore sportivo alla Roma? Difficile rispondere, innanzitutto devo essere rispettoso della società. Da quando è finita la mia avventura al Boca sto aspettando delle possibilità per tornare, spero nel contesto del calcio europeo che è quello che mi piace di più.

Spero pero’ che prima o poi i nostri percorsi si possano incontrare. De Rossi? Può fare l’allenatore. Lo conosco benissimo, so come pensa e comunica il calcio. Quando l’ho portato davanti ai giovani centrocampisti del Boca ho visto il carisma che ci ha messo, si vedeva la sua leadership. Gli avevo detto che dopo l’esperienza al Boca avrebbe potuto tranquillamente iniziare quella da allenatore”.

Lega Serie A, nessuna sospensione per Sky e parziale riapertura degli stadi

Si è tenuta quest’oggi l’Assemblea di Lega Serie A in cui si è discusso del mancato pagamento della rata da parte di Sky e della possibilità di riaprire parzialmente gli stadi al pubblico. Questo il comunicato in merito pubblicato sul sito legaseriea.it:

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

“Si è svolta oggi, alla presenza di tutti i venti Club collegati in video conferenza, l’Assemblea della Lega Serie A. Le Società, all’unanimità, hanno dato mandato al Prof. Vaccarella di reiterare a Sky l’intimazione al pagamento della rata scaduta a maggio in considerazione del decreto ingiuntivo emesso dal Tribunale di Milano.

I Club comunque, a tutela e nel pieno rispetto dei propri tifosi, degli sponsor e di tutti gli stakeholders, hanno deciso di non sospendere l’esecuzione del contratto di licenza dei diritti audiovisivi nonostante il mancato versamento, da parte di Sky, dell’ultima rata del corrispettivo dovuto. Per quanto riguarda i diritti televisivi proseguirà nelle prossime settimane il lavoro preparatorio del bando per il triennio 2021-2024. E’ stata inoltre ribadita la necessità di favorire al più presto, nel pieno rispetto delle condizioni di sicurezza, la riapertura parziale degli stadi al pubblico. A tal proposito è in fase di finalizzazione un articolato protocollo che sarà inviato nelle prossime ore al Presidente della Figc Gabriele Gravina affinchè possa utilizzarlo nelle interlocuzioni con le istituzioni governative competenti. La Lega Serie A, già nelle ultime gare di questa stagione, auspica che venga consentita a ciascuna Società, secondo le specificità di ogni realtà e impianto, la possibilità di riaprire i propri stadi ad un numero limitato di tifosi“.

Zaniolo: “Ringrazio i tifosi per il sostegno. Se giochiamo come sabato possiamo vincere”

Nicolò Zaniolo, talentino della Roma tornato al gol sabato scorso dopo un lungo stop, ha rilasciato un’intervista per il sito ufficiale del club giallorosso:

A che posto avevi messo il gol nella tua lista dei desideri?
Contava prima di tutto tornare in campo, ma il gol era senza dubbio ai primi posti, perché ti dà una grossa spinta per affrontare le prossime partite, ti dà fiducia, ti dà morale e soprattutto è servito alla squadra per vincere la partita di sabato. Sono contentissimo”.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Cosa hai pensato prima di calciare?
Ho visto Diego che avanzava, so che è molto bravo a dare la palla in profondità. Ho attaccato la linea e mi ha servito. Un attimo prima di tirare ho pensato “ora ci provo” ed è andata bene. Sono molto felice di essere riuscito a segnare”.

Mercoledì arriva il Verona all’Olimpico, che Roma troverà?
Quella delle ultime due partite. Dopo un blackout abbiamo ripreso una striscia positiva e ora con il Verona servirà lo stesso atteggiamento della sfida contro il Parma o contro il Brescia. Se giochiamo in quel modo possiamo vincere, senza dubbio”.

Hai un messaggio per i tifosi che in questo periodo ti hanno dimostrato tanto affetto?
Vorrei ringraziarli uno per uno per il sostegno. In molti mi hanno scritto “ci manchi”, ma ora sono loro a mancare a noi, perché in questo periodo non è semplice giocare senza la spinta del nostro pubblico. Dobbiamo pensare anche ai nostri tifosi che guardano le partite da casa e cercare di chiudere la stagione nel modo migliore possibile”.

L’obbiettivo di Fienga: cedere Schick, Kluivert e Under per incassare 90 milioni

ROMA CALCIOMERCATO – Dopo l’acquisto di Pedro e il prolungamento (con conseguente acquisto una volta liberatosi dall’Arsenal) di Mkhitaryan, la Roma sta cercando di chiudere anche Smalling a titolo definitivo. Dopo di che sarà il tempo delle cessioni, prima di pensare nuovamente a come rinforzare la rosa a disposizione di Fonseca per il prossimo anno.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Pallotta completerà l’aumento di capitale ma il resto dovrà arrivare dalle cessioni

E’ necessario fare cassa e per non cedere i gioielli più ambiti (Zaniolo e Pellegrini) bisogna sacrificare altri giocatori in rosa e cercare di ottenere il massimo da quelli attualmente in prestito e dagli esuberi. Come riporta Il Corriere dello Sport, la Roma spera di incassare dalla cessione di Schick, Kluivert e Under, circa 90 milioni. Il ceco molto probabilmente rimarrà al Lipsia, che pagherà il riscatto da 25 milioni. L’olandese è nel mirino dell’Arsenal, che ha già concesso un’agevolazione alla Roma per trattenere Mkhitaryan. Il turco invece è vicino al Napoli, che però non ha intenzione di pagare i 35 milioni richiesti dal club giallorosso. Con 90 milioni la Roma si porterebbe avanti il lavoro aspettando l’eventuale ingresso in società di un nuovo acquirente. Pallotta completerà l’aumento di capitale entro il 31 dicembre, ma il resto dovrà essere frutto di autofinanziamento, nel quale il Ceo Fienga ha previsto un robusto taglio degli stipendi e l’ingresso in rosa (oltre alle conferme di Mkhitaryan e Smalling) di un solo grande calciatore: Pedro, arrivato a parametro zero, che guadagnerà tre milioni a stagione.

Ibanez ha convinto Fonseca: il brasiliano titolare in quattro match su sei dalla ripresa

Una sorpresa della Roma post-lockdown è sicuramente Roger Ibanez. Il brasiliano è arrivato a gennaio dall’Atalanta come rinforzo per il futuro più che per l’immediato. Un giocatore che, statistiche alla mano, non sembrava pronto per fare parte di una squadra da alta classifica. Le sole due presenze in un anno con i nerazzurri di Gasperini e la tanta concorrenza nel suo ruolo nella rosa di Fonseca, facevano pensare a un destino immediato fatto di panchina e un futuro prossimo in prestito. Tuttavia il classe ’98 ha ribaltato questa situazione trovando il suo spazio.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Quattro partite da titolare su sei dalla ripresa per il brasiliano

“A Brescia ho schierato Ibanez al centro della difesa a tre per due motivi: mi serviva un giocatore veloce e che costruisse dal basso” ha commentato Fonseca dopo la vittoria al Rigamonti contro il Brescia. Parole che ispirano fiducia nel suo calciatore, nulla di meglio per un ragazzo appena arrivato e con la responsabilità di difendere la porta giallorossa in un momento di crisi di risultati. Come riporta La Gazzetta dello Sport, da quando c’è stata la ripartenza Ibanez ha giocato cinque partite su sei, di cui ben quattro da titolare. Ha convinto Fonseca negli allenamenti: in lui il tecnico vede ampi margini di miglioramento. La partenza non è stata delle migliori, dallo smarrimento sul gol di Gabbiadini ad alcuni errori contro Udinese e Napoli, ma è un processo di crescita in cui la Roma crede molto. Fonseca lo preferisce ad altri per dargli minutaggio e trovarselo pronto nella prossima stagione.

FONTE La Gazzetta dello Sport,

Veretout carica la Roma: “Continuiamo così, senza fermarci”

Il francese esulta dopo la vittoria di ieri contro il Brescia e augura una buona domenica a tutti i suoi tifosi

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

Jordan Veretout, pilastro del centrocampo giallorosso di Paulo Fonseca, dopo il buon risultato ottenuto ieri contro il Brescia ha deciso di augurare una buona domenica a tutti i suoi fan. E’ così che su Twitter il francese ha condiviso gli abbracci di gruppo fotografati durante la partita di ieri: “Buona domenica a tutti”.

Il francese ieri è stato il secondo giocatore della Roma per palloni giocati (69), lasciando il primo posto del podio a Diawara (82). Si conferma il secondo posto anche per i passaggi riusciti (59), superato ancora una volta dal guineano (69). Veretout, su Instagram, ha voluto mantenere alta anche la concentrazione del resto del gruppo, che sarà impegnato mercoledì prossimo all’Olimpico contro l’Hellas Verona: “Continuiamo a correre senza fermarci”.

Zaniolo, dalla fiaba alla promessa: “Roma, io resto”

Il club vuole resistere alle tentazioni. E con Friedkin, diventerà una bandiera

Nicolò Zaniolo, per la Roma, rappresenta quello che Achille era per i Greci durante la Guerra di Troia, scrive Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport. Quando l’eroe era lontano, gli assedianti venivano ricacciati verso le loro navi, quando invece ritornava ad impugnare lancia e scudo, lo scontro si spostava sotto le mura della città.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
S
ei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

 L’effetto Zaniolo, in fondo, è anche questo: la capacità d’infondere morale. E se l’obiettivo Champions è un sogno evaporato, c’è ancora una Europa League da giocare, e lì il nuovo Achille potrebbe essere decisivo per ribaltare l’inerzia dei pronostici.

Sono ancora al 60-65% – ha spiegato Zaniolo a fine gara – e ho ancora un po’ di timore quando faccio i cambi di direzione, ma col tempo passerà. Io non mi pongo obiettivi. Certo, spero di essere tornato al meglio quando si giocherà l’Europa League“.

Nonostante la corte serrata di Juve, Inter e diversi club europei, la Roma ha promesso che Zaniolo non si vende, per la soddisfazione di Nicolò, che ai dirigenti ha detto: “Voglio restare“, sapendo che comunque c’è il desiderio di avere presto un contratto da top.

Per la Roma, una scelta di cuore e anche di testa, visto che nel calcio post-Covid sarebbe difficile cedere Nicolò a più di 40 milioni (più bonus), mentre (almeno) un altro anno in giallorosso consentirebbe di fare aste sulla base di 60-70 milioni. Non solo. Se poi si materializzerà il cambio di proprietà, con l’arrivo di Dan Friedkin (o cloni) è possibile che davvero Zaniolo possa diventare il volto bello della Roma che verrà.

FONTE Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport

Juve, sfida Dzeko-Milik per il nuovo bomber: Roma disponibile a scambi

A Sarri e Paratici piace moltissimo il bosniaco, che in bianconero avrebbe due anni di contratto ma il problema è l’età

Fabio Paratici fa parlare poco di sé nell’ultimo periodo. Dopo un giugno bollente, adesso si è concentrato sul campionato, sul rinnovo di Paulo Dybala e sulla pianificazione del lungo e strano mercato che finirà il 5 ottobre.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour
https://virtualstore.letsell.com/home/

E in questa pianificazione, la ricerca di un centravanti è parte fondamentale. La caccia al numero nove va di pari passo con la cessione di Gonzalo Higuain, che certamente non è cosa facile. Molto dipenderà da lui e dalle altre cessioni, anche se il centravanti potrebbe arrivare grazie a degli scambi.

I candidati per diventare un’alternativa a Dybala e Ronaldo, abbinandosi quidi con entrambi i titolari della Juventus, in questo momento sono tre, anche se il terzo, Raul Jimenez, nelle ultime settimane sembra aver perso leggermente terreno rispetto ad Arkadiusz Milik ed Edin Dzeko, i due sfidanti allo stato attuale del mercato. Per il bomber polacco – racconta Guido Vaciago su ‘Tuttosport’ – il problema è la trattativa con il Napoli che chiede non meno di 40 milioni di euro. E’ per questo che i due club stanno parlando di Federico Bernardeschi, al momento non ancora convinto della possibilità. E alla fine del campionato potrebbe prendere corpo anche la pista Dzeko, che piace moltissimo a Fabio Paratici e anche allo stesso Sarri.

La Roma potrebbe anche cedere il bomber bosniaco che guadagna molto (circa 7 milioni a stagione) e sarebbe disponibile a uno scambio o una formula creativa. L’ottimo rapporto fra Paratici e l’ad giallorosso Fienga rende la situazione fluida e possibile. Dzeko, agli occhi della Juventus, ha solo un difetto: l’età. In un progetto che sta tendendo al ringiovanimento, inserire un 34enne è un po’ un controsenso, ma il giocatore è integro e sarebbe perfetto in coppia con Dybala o Ronaldo. Alla Juventus avrebbe due anni di contratto, gli stessi che avanzano sul suo contratto con la Roma.

FONTE Guido Vaciago su ‘Tuttosport