Roma, Friedkin stringe, Pallotta attende rilanci

Stop agli acquisti. Il diktat arrivato lunedì scorso attraverso una conference call, è la conferma indiretta di come il passaggio di proprietà sia imminente. ‘Imminente’ che nel linguaggio finanziario è leggermente diverso dal nostro quotidiano ed equivale almeno ad un mese.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% ,con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Questo è quanto trapela da Trigoria, al netto di accelerazioni o rilanci che per ora non sono all’ordine del giorno. L’unico a farsi avanti è stato Friedkin, offrendo 490 milioni, ai quali poi aggiungerne altri 85 da versare nelle casse del club come aumento di capitale. Proposta che Pallotta non ritiene sufficiente ma che non boccia perché è l’unica tangibile anche se non ancora messa nero su bianco.

PROMOZIONI

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
Questo link vi porterà in un canale con articoli a prezzi ridottissimi  https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=promo_product_list&lssessid=hg21rlblkq15bslcc68pqhv1e7

Step che potrebbe arrivare nei prossimi giorni. TEMPI RISTRETTIJim però non è convinto. Ufficiosamente infitti sia il consorzio sudamericano con testa in Ecuador e portafoglio in Uruguay (del quale si sta occupando Baldini ma come mero consulente: ad agganciare i rapporti è stato lo stesso Pallotta) che il fondo mediorientale (con cui mantiene i rapporti Baldissoni) hanno garantito di poter offrire di più. Il problema (oltre alle modalità e alle garanzie) è che per ufficializzare queste proposte c’è bisogno di una due diligente approfondita (per la quale servono mesi) e non uno studio sommario dei documenti del data room giallorosso aperto ai potenziali acquirenti. Tempi che non combaciano con quelli di Pallotta. (…)