Fonseca-Roma, il futuro è da scrivere

Il tecnico, che ha definito “positiva” la stagione giallorossa, ha fallito tutti gli obiettivi del club

Fonseca ha provato l’all-in contro l’ex Monchi. Gli è andata male, sovrastato nel gioco, nella corsa e nella tecnica. Ci si attendeva a quel punto una presa di coscienza, un’ammissione, scrive Stefano Carina su Il MessaggeroE invece Fonseca, ha sorpreso tutti: “È stata una stagione positiva“.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia iltourinserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=index&cPath=173_195&manufacturers_id=&products_price=&orderBy=asc&is_gender_change=0&channel=FASHION_PREMIUM

Piccolo bignami per i più distratti: quinto posto in campionato, con 29 giornate su 38 fuori dalle prime 4; 51 gol subiti in serie A (peggio, ultimamente, solo nella stagione 2012-2013 con 56); 13 sconfitte (10 in A, 2 in Europa League, 1 in Coppa Italia) in 49 gare disputate (26%); parco calciatori svalutato (basti pensare a Pau Lopez, Mancini, Cristante, Under, Kluivert); tolta l’amichevole dell’ultima giornata contro la Juventus, non ha mai vinto contro le squadre che lo hanno preceduto in classifica; in Europa League, appena 3 successi (Gent e doppietta con il Basaksehir) in 9 gare disputate; rapporti da ricucire con Zaniolo e Dzeko che al termine del ko con il Siviglia lo ha chiamato duramente in causa per la preparazione sbagliata della gara. Considerando inoltre i suoi ultimi tre predecessori, Paulo è quello che al debutto ha fatto peggio. Al primo anno, Garcia tagliò il traguardo degli 85 punti (+15); Spalletti, prendendo la squadra in corsa e in crisi 80 (+10); Di Francesco ne fece 77 (+7) con in dote la semifinale di Champions.

Definire a questo punto la stagione “positiva” appare quantomeno singolare. Il timore che il filotto finale in campionato possa aver regalato una percezione diversa esiste.

Il bicchiere, ad essere generosi, è dunque mezzo vuoto, anche contando gli infortuni a catena (oltre 50, di cui una trentina muscolari) che hanno costellato l’annata. Se erano motivo di critica per Di Francesco, il metro di giudizio non può cambiare. Chiaramente non è tutto da buttare. Paulo ha dimostrato alcune intuizioni tecnico-tattiche degne di nota (il passaggio dal 4-2-3-1 al 3-4-2-1, Mancini avanzato in mediana), capacità di gestire anche con il pugno duro alcune situazioni intricate (l’invito ad uscire dagli spogliatoi a Petrachi a Reggio Emilia; i casi Under, Kluivert e Zaniolo), un bon-ton nell’approcciarsi con i media non sempre di casa a Trigoria.

Con passaggio di proprietà Paulo Fonseca è sotto osservazione. Il problema sono i tempi: molto ristretti. Tra 18 giorni la Roma si ritrova ed è ancora senza ds, al quale normalmente viene demandata (o con il quale si condivide) una scelta del genere. Fonseca, dunque, a meno di un ds che abbia già pronto un tecnico al quale affidarsi (ne parliamo nell’articolo qui sotto, ndc), avrà una nuova chance. La Champions sarà il metro di giudizio. Tre anni senza l’Europa che conta, potrebbe pesare anche ad un magnate come Friedkin.