Roma, difesa sotto accusa. Tre rinforzi per Fonseca

Al tecnico serve un centrale dominante e un terzino. Ma adesso ci sono anche forti dubbi su Pau Lopez

Che alla fine si vada avanti ancora con il 3-4-2-1 o che si decida di tornare al 4-2-3-1, di certo nel futuro di Paulo Fonseca e della sua seconda Roma c’è una cosa: la necessità di registrare la fase difensiva, scrive Andrea Pugliese su La Gazzetta dello Sport.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

E anche di cambiare alcune pedine che, evidentemente, o non hanno convinto (Pau Lopez) o sono stati dei palliativi ad una situazione complicata (Bruno Peres) o sono stati infine costretti a tornare altrove (Chris Smalling).

La Roma in questa stagione ha incassato ben 63 gol in 49 gare stagionali, con una media di 1,3 a partita. In buona sostanza la Roma di Fonseca è come se fosse partita sempre da 1-0 per gli avversari, non proprio la condizione ideale per pensare di poter sognare.

E la rivoluzione a Trigoria la vogliono far partire da Pau Lopez, il portiere più pagato della storia della Roma (23,5 milioni più la rinuncia alla metà sulla futura rivendita di Sanabria, valutata circa altri 7 milioni). Su di lui c’è l’interesse di alcune squadre spagnole e inglesi, di certo la Roma se dovesse trovare una soluzione non se la farebbe sfuggire. Le alternative si chiamano Gollini e Meret, due giovani che alla Roma piacciono parecchio.

La priorità, però, è chiaramente quella del difensore centrale, della figura dominante della difesa. Chris Smalling, insomma, che la Roma spera ancora di poter riportare a Trigoria.

Se non si arriverà a lui, la Roma spera di portare a casa il belga Vertonghen, che si è svincolato da poco dal Tottenham e che ha un ingaggio in linea con i parametri del club (3 milioni l’anno più bonus). E poi bisognerà trovare il terzino destro, considerando che lì il titolare l’ha fatto Bruno Peres in questa seconda parte della stagione, uno che fino a gennaio non doveva essere neanche nei piani del club e che era scivolato addirittura in prestito nella Serie B brasiliana (al Recife).

Su Smalling anche l’Inter. Borsa: – 31%

Per l’inglese non c’è ancora certezza che possa tornare in giallorosso

La nuova Roma americana guarda a Londra, scrive “La Repubblica”. In attesa del closing (entro il 17 agosto) e della definizione dell’organigramma societario (il nuovo ds è la priorità), si pensa al mercato con un occhio di riguardo in Premier. Due i nomi sottolineati: Pedro e Smalling. Il primo ieri è stato salutato dal Chelsea con un messaggio sui social: “Grazie di tutto! Ti auguriamo buona fortuna per il futuro”. Che sarà nella Capitale. L’esterno 32enne (in arrivo a parametro zero) la scorsa settimana si è operato alla spalla dopo l’infortunio in finale di FA Cup, ne avrà almeno per un mese.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Per il secondo, invece, non c’è ancora la certezza che possa tornare a vestire il giallorosso. L’ostacolo è la valutazione di 20 milioni più bonus che fa il Manchester United, ritenuta eccessiva dalle parti di Trigoria. Per Smalling, considerato fondamentale per la difesa, nelle ultime ore si registra anche l’interesse dell’Inter. Intanto ieri con una nota ufficiale, la Roma e il The Friedkin Groupe hanno comunicato le pattuizioni parasociali che dovranno essere rispettate fino al closing. E la borsa, dopo il -19% di venerdì, ha chiuso con un calo del 31%.

Friedkin Group: “Dopo il closing un’OPA sull’acquisto dell’intero capitale della Roma”

Nella nota ufficiale il gruppo statunitense aggiunge: “Il prezzo per azione è di Euro 0,1165”

Una volta perfezionato il contratto di acquisto della Roma da parte del Friedkin Group (closing atteso il 17 agosto), sarà promossa un’offerta pubblica di acquisto sull’intero capitale del club giallorosso al prezzo per azione di 0,1165 euro. Di seguito la nota ufficiale del gruppo statunitense.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Su richiesta della Consob, Friedkin Group inc. (“TFG”) conferma che, come già indicato nel comunicato stampa del 7 agosto u.s,   il corrispettivo pattuito per l’acquisizione dell’86,6% della AS Roma S.p.A. è pari a 63.414.047 euro, corrispondenti a un prezzo unitario di 0,1165 euro per azione.

Pertanto, una volta perfezionato il contratto di acquisto – il suo closing è previsto per il 17 agosto p.v. – sarà promossa ai sensi dell’articolo 102 e 106, comma 1, del TUF  un’offerta pubblica di acquisto sull’intero capitale della Società al prezzo per azione di Euro 0,1165.

Maggiori dettagli sull’offerta pubblica di acquisto saranno forniti nella comunicazione dell’offerta che verrà pubblicata dopo il closing”.