Nanni (commissione medica Figc): “Se i casi da Covid aumentano, la Serie A può slittare”

Poi aggiunge: “Per questo raccomandiamo ai calciatori, in questi ultimi giorni di vacanza, di tenere comportamenti responsabili.”

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Il Covid-19 spaventa ancora. A Radio Kiss Kiss, infatti, Gianni Nanni, capo dello staff sanitario del Bologna e rappresentante dei medici della Serie A nella commissione medica della Figc, parla del prossimo campionato: “I calciatori contagiati? Siamo preoccupati, è inutile nasconderlo. Se i casi dovessero essere aumentare ulteriormente ed essere rilevanti in alcune squadre al punto da far rimandare il ritiro o la preparazione, lo slittamento dell’inizio del campionato diventerebbe un’ipotesi molto concreta. Ovviamente, ci auguriamo tutti che questo non avvenga”.

Poi conclude: “Per questo raccomandiamo ai calciatori, in questi ultimi giorni di vacanzadi tenere comportamenti responsabili. Mi rendo contro che non si può vietare ai giovani calciatori di fare le loro vacanze. Ci auguriamo però che siano prudenti, e che rispettino tutte le indicazioni di cautela e prevenzione per evitare di contrarre il Covid-19″.

Roma, torna il dilemma del bomber di scorta: Pedro si candida

Kalinic non rientrerà a Trigoria, ragionamenti in corso sul secondo centravanti. Ma Dzeko può cambiare le strategie

Nuova vita, vecchi problemi. La Roma si approccia alla prima stagione dell’era Friedkin con dubbi tecnici che sono gli stessi degli ultimi anni. In attesa di conoscere il futuro di Dzeko (fissato l’incontro con Fienga per prendere una decisione) a Trigoria si torna a parlare del bomber di riserva. Nikola Kalinic è rientrato all’Atletico Madrid dopo il prestito ed è vicino a firmare con il Besiktas. Schick è tornato in giallorosso, ma è solo di passaggio. Fonseca l0 aveva già bocciato un anno fa, l’obiettivo del club è monetizzare il più possibile la sua cessione. La casella dunque è di nuovo scoperta e il budget di mercato al momento non permette investimenti importanti. Per questo motivo si sta valutando la soluzione interna.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Bomber di scorta: si valuta Pedro

Il candidato numero uno è il nuovo arrivato Pedro. Lo spagnolo, che verrà ufficializzato al più tardi il primo settembre, può giocare in tutti i ruoli dell’attacco. Il suo “outfit” naturale è esterno nel 4-3-3, ma grazie alla sua capacità di andare in profondità può anche giocare da falso nove (lo ha già fatto in carriera). Per questo puntare sull’ex Chelsea è più che un’idea. Deciderà poi il campo e la capacità di Pedro di entrare negli schemi di Fonseca. L’infortunio alla spalla è sicuramente un problema, ma già a inizio ottobre dovrebbe tornare in campo. Fonseca ha già provato Zaniolo da centravanti la scorsa stagione, ma senza successo. Stesso discorso per Mkhitaryan, decisivo e inamovibile da trequartista.

Domino mercato, Dzeko può cambiare i piani

Le vie del mercato sono infinite. Se ci sarà un’occasione Fienga e De Sanctis proveranno a sfruttarla. La soluzione attaccante esperto con Kalinic ha pagato solo a metà, ma non è da escludere la possibilità di puntare su un altro “traghettatore”, in attesa di una rivoluzione quando i conti saranno a posto e ci sarà più liquidità da investire. L’incognita Dzeko però può cambiare le cose. Se il bosniaco dovesse decidere di partire, a quel punto servirebbe un titolare, quindi potenzialmente due nuovi attaccanti. Il favorito è Milik, per il quale il Napoli chiede 45-50 milioni. Investendo una cifra del genere, trovare un profilo low-cost da affiancare diventerebbe inevitabile. Le valutazioni sono in corso. La prossima settimana la strategia sarà chiara.

Dopo la Roma, i Boston Celtics: Pallotta vende la sua quota di minoranza

L’ex presidente giallorosso cederà l’8% del club per circa 225 milioni

Prosegue il periodo di vendite per James Pallotta. Dopo aver ceduto la Roma a Dan Friedkin, con il closing dell’accordo tra i due che è avvenuto lo scorso 17 agosto, l’ex presidente giallorosso sta per vendere anche la sua quota di minoranza dei Boston Celtics, la celebre squadra NBA. Secondo quanto riporta “Sportico”, Pallotta cederà il suo 8% a Steve Pagliuca, già amministratore e membro del comitato esecutivo del club, guadagnando una cifra vicina a 225 milioni di dollari. Secondo “Forbes”, i Celtics vengono valutati 3,1 miliardi, tuttavia la quota di Pallotta non prevede il diritto di voto: per questo motivo, nella cessione del suo 8%, il costo del club verrà scontato di circa 300 milioni

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Dopo le voci riguardanti la vendita delle sue quote, dall’Inghilterra torna in auge la notizia secondo cui Pallotta sarebbe intenzionato ad acquistare il Newcastle. Come scritto dal “Daily Mail”, il bostoniano potrebbe presentare a breve un’offerta all’attuale proprietario dei “Magpies”, Mike Ashley.

De Sanctis nuovo ds della Roma: l’ufficialità il prossimo 24 agosto

L’ex portiere affiancherà Fienga nella costruzione della rosa della prossima stagione

Prima dell’addio di James Pallotta sembrava certa la partenza di Morgan De Sanctis. L’ex portiere, nemmeno un mese fa a un passo dall’Ascoli, è invece rimasto in giallorosso e lunedì prossimo (24 agosto) verrà nominato nuovo direttore sportivo del club capitolino.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

La notizia era stata anticipata già questa mattina da “La Gazzetta dello Sport”: De Sanctis condurrà il mercato assieme all’amministratore delegato Guido Fienga. Il ruolo di ds sarà comunque provvisorio, in attesa di un nuovo dirigente, il cui arrivo dovrebbe essere ufficializzato a ottobre (i sogni sono Paratici a Ausilio).

Roma, Dzeko sicuro: vuole restare. Vertice con Fienga per decidere il futuro

Il bosniaco è il nodo principale da sciogliere nel mercato dei giallorossi

Sarà un mercato fatto soprattutto di scambi, quello della Roma. Il cambio di proprietà consentirà di trattenere i calciatori più importanti nella rosa: Zaniolo e Pellegrini, mentre Edin Dzeko presto avrà un incontro con il ceo Guido Fienga per decidere il suo futuro. Piace alla Juventus e all’Inter, lui vuole rimanere ma la Roma davanti ad un’offerta importante – sopra ai 10 milioni – e se non spalmerà il suo ricco ingaggio da 7.5 milioni di euro netti a stagione, potrebbe decidere di rinunciare al suo capitano, riporta Gianluca Piacentini su Il Corriere della Sera.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Questione portiere: con il Napoli si era parlato di uno scambio di prestiti tra i portieri Pau Lopez e Meret, per il momento tramontato. Lo stesso tipo di operazione potrebbe essere messa in piedi con il Torino per Sirigu, anche se ieri l’agente dello spagnolo ha frenato su una sua partenza. “Pau rimane a Roma – è felice e nessuno della società ha mai parlato di cessione, anche se ha offerte da Inghilterra, Spagna e Germania”.

Fonseca torna e chiede chiarezza

Il tecnico dovrà riaprire il dialogo con squadra e nuova proprietà

Rientrerà la prossima settimana, Paulo Fonseca, e si confronterà con il plenipotenziario Guido Fienga. Il tecnico vuole capire se la società giallorossa, in particolare la nuova proprietà, ha deciso di puntare su di lui perché ci crede davvero, oppure solamente perché non c’è il tempo (e il denaro) per pensare a un altro profilo di allenatore, scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica.

Solamente con l’appoggio dei vertici societari il tecnico potrà essere credibile agli occhi di uno spogliatoio che qualche mugugno l’ha fatto trapelare e con il quale — Dzeko su tutti — Fonseca dovrà riaprire un dialogo, trovando delle basi di intesa sulle quali ripartire per la prossima stagione