Totti rivuole la Roma

Queste sono le frasi che lasciano la mente e i sogni liberi di spaziare, a seconda delle interpretazioni. Di sicuro, per la prima volta, Francesco Totti manda un messaggio diretto alla Roma: se mi cercate, «anche per prendere un caffè», ci sono.

UNA SPESA CHE NON PESA…PROVA

alla ricerca di un marchio importante con prezzi “superscontatI “ digita sul link e inizia il tour

https://virtualstore.letsell.com/home/

INSTAGRAM

https://www.instagram.com/virtualstore56/

Ha aspettato strategicamente il passaggio di proprietà, Totti, prima di concedere una lunga intervista a Paolo Condò per “La Repubblica”. Non avrebbe mai parlato di un possibile ritorno con Pallotta e i suoi legionari ancora al potere. A novembre anzi aveva manifestato scetticismo davanti all’ipotesi che Dan Friedkin potesse comprare il club perché «una volta che metti le mani dentro, capisci cosa c’è nella Roma». Ma adesso che il closing è realtà, Totti si è detto disponibile ad ascoltare proposte anche se «al momento non c’è stato nessun contatto». A Friedkin, di cui gli ha parlato bene l’amico Malagò, riconosce un ingresso ben studiato: «Ha capito in fretta la cosa fondamentale: a Roma la proprietà dev’essere fisicamente presente, e l’annuncio che il figlio Ryan verrà a vivere qui va nella giusta direzione. Pallotta ha commesso degli errori perché decideva in base a notizie riportate. Il proprietario deve viverle in diretta». Anche per Guido Fienga, a cui spedì la lettera di dimissioni lo scorso anno, usa parole dolci: «Malgrado tutto (…) il rapporto con il Ceo è rimasto ottimo (…) 

FONTE R. Maida