Nanni (commissione medica Figc): “Se i casi da Covid aumentano, la Serie A può slittare”

Poi aggiunge: “Per questo raccomandiamo ai calciatori, in questi ultimi giorni di vacanza, di tenere comportamenti responsabili.”

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Il Covid-19 spaventa ancora. A Radio Kiss Kiss, infatti, Gianni Nanni, capo dello staff sanitario del Bologna e rappresentante dei medici della Serie A nella commissione medica della Figc, parla del prossimo campionato: “I calciatori contagiati? Siamo preoccupati, è inutile nasconderlo. Se i casi dovessero essere aumentare ulteriormente ed essere rilevanti in alcune squadre al punto da far rimandare il ritiro o la preparazione, lo slittamento dell’inizio del campionato diventerebbe un’ipotesi molto concreta. Ovviamente, ci auguriamo tutti che questo non avvenga”.

Poi conclude: “Per questo raccomandiamo ai calciatori, in questi ultimi giorni di vacanzadi tenere comportamenti responsabili. Mi rendo contro che non si può vietare ai giovani calciatori di fare le loro vacanze. Ci auguriamo però che siano prudenti, e che rispettino tutte le indicazioni di cautela e prevenzione per evitare di contrarre il Covid-19″.

Roma, torna il dilemma del bomber di scorta: Pedro si candida

Kalinic non rientrerà a Trigoria, ragionamenti in corso sul secondo centravanti. Ma Dzeko può cambiare le strategie

Nuova vita, vecchi problemi. La Roma si approccia alla prima stagione dell’era Friedkin con dubbi tecnici che sono gli stessi degli ultimi anni. In attesa di conoscere il futuro di Dzeko (fissato l’incontro con Fienga per prendere una decisione) a Trigoria si torna a parlare del bomber di riserva. Nikola Kalinic è rientrato all’Atletico Madrid dopo il prestito ed è vicino a firmare con il Besiktas. Schick è tornato in giallorosso, ma è solo di passaggio. Fonseca l0 aveva già bocciato un anno fa, l’obiettivo del club è monetizzare il più possibile la sua cessione. La casella dunque è di nuovo scoperta e il budget di mercato al momento non permette investimenti importanti. Per questo motivo si sta valutando la soluzione interna.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Bomber di scorta: si valuta Pedro

Il candidato numero uno è il nuovo arrivato Pedro. Lo spagnolo, che verrà ufficializzato al più tardi il primo settembre, può giocare in tutti i ruoli dell’attacco. Il suo “outfit” naturale è esterno nel 4-3-3, ma grazie alla sua capacità di andare in profondità può anche giocare da falso nove (lo ha già fatto in carriera). Per questo puntare sull’ex Chelsea è più che un’idea. Deciderà poi il campo e la capacità di Pedro di entrare negli schemi di Fonseca. L’infortunio alla spalla è sicuramente un problema, ma già a inizio ottobre dovrebbe tornare in campo. Fonseca ha già provato Zaniolo da centravanti la scorsa stagione, ma senza successo. Stesso discorso per Mkhitaryan, decisivo e inamovibile da trequartista.

Domino mercato, Dzeko può cambiare i piani

Le vie del mercato sono infinite. Se ci sarà un’occasione Fienga e De Sanctis proveranno a sfruttarla. La soluzione attaccante esperto con Kalinic ha pagato solo a metà, ma non è da escludere la possibilità di puntare su un altro “traghettatore”, in attesa di una rivoluzione quando i conti saranno a posto e ci sarà più liquidità da investire. L’incognita Dzeko però può cambiare le cose. Se il bosniaco dovesse decidere di partire, a quel punto servirebbe un titolare, quindi potenzialmente due nuovi attaccanti. Il favorito è Milik, per il quale il Napoli chiede 45-50 milioni. Investendo una cifra del genere, trovare un profilo low-cost da affiancare diventerebbe inevitabile. Le valutazioni sono in corso. La prossima settimana la strategia sarà chiara.

Dopo la Roma, i Boston Celtics: Pallotta vende la sua quota di minoranza

L’ex presidente giallorosso cederà l’8% del club per circa 225 milioni

Prosegue il periodo di vendite per James Pallotta. Dopo aver ceduto la Roma a Dan Friedkin, con il closing dell’accordo tra i due che è avvenuto lo scorso 17 agosto, l’ex presidente giallorosso sta per vendere anche la sua quota di minoranza dei Boston Celtics, la celebre squadra NBA. Secondo quanto riporta “Sportico”, Pallotta cederà il suo 8% a Steve Pagliuca, già amministratore e membro del comitato esecutivo del club, guadagnando una cifra vicina a 225 milioni di dollari. Secondo “Forbes”, i Celtics vengono valutati 3,1 miliardi, tuttavia la quota di Pallotta non prevede il diritto di voto: per questo motivo, nella cessione del suo 8%, il costo del club verrà scontato di circa 300 milioni

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Dopo le voci riguardanti la vendita delle sue quote, dall’Inghilterra torna in auge la notizia secondo cui Pallotta sarebbe intenzionato ad acquistare il Newcastle. Come scritto dal “Daily Mail”, il bostoniano potrebbe presentare a breve un’offerta all’attuale proprietario dei “Magpies”, Mike Ashley.

De Sanctis nuovo ds della Roma: l’ufficialità il prossimo 24 agosto

L’ex portiere affiancherà Fienga nella costruzione della rosa della prossima stagione

Prima dell’addio di James Pallotta sembrava certa la partenza di Morgan De Sanctis. L’ex portiere, nemmeno un mese fa a un passo dall’Ascoli, è invece rimasto in giallorosso e lunedì prossimo (24 agosto) verrà nominato nuovo direttore sportivo del club capitolino.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

La notizia era stata anticipata già questa mattina da “La Gazzetta dello Sport”: De Sanctis condurrà il mercato assieme all’amministratore delegato Guido Fienga. Il ruolo di ds sarà comunque provvisorio, in attesa di un nuovo dirigente, il cui arrivo dovrebbe essere ufficializzato a ottobre (i sogni sono Paratici a Ausilio).

Roma, Dzeko sicuro: vuole restare. Vertice con Fienga per decidere il futuro

Il bosniaco è il nodo principale da sciogliere nel mercato dei giallorossi

Sarà un mercato fatto soprattutto di scambi, quello della Roma. Il cambio di proprietà consentirà di trattenere i calciatori più importanti nella rosa: Zaniolo e Pellegrini, mentre Edin Dzeko presto avrà un incontro con il ceo Guido Fienga per decidere il suo futuro. Piace alla Juventus e all’Inter, lui vuole rimanere ma la Roma davanti ad un’offerta importante – sopra ai 10 milioni – e se non spalmerà il suo ricco ingaggio da 7.5 milioni di euro netti a stagione, potrebbe decidere di rinunciare al suo capitano, riporta Gianluca Piacentini su Il Corriere della Sera.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Questione portiere: con il Napoli si era parlato di uno scambio di prestiti tra i portieri Pau Lopez e Meret, per il momento tramontato. Lo stesso tipo di operazione potrebbe essere messa in piedi con il Torino per Sirigu, anche se ieri l’agente dello spagnolo ha frenato su una sua partenza. “Pau rimane a Roma – è felice e nessuno della società ha mai parlato di cessione, anche se ha offerte da Inghilterra, Spagna e Germania”.

Fonseca torna e chiede chiarezza

Il tecnico dovrà riaprire il dialogo con squadra e nuova proprietà

Rientrerà la prossima settimana, Paulo Fonseca, e si confronterà con il plenipotenziario Guido Fienga. Il tecnico vuole capire se la società giallorossa, in particolare la nuova proprietà, ha deciso di puntare su di lui perché ci crede davvero, oppure solamente perché non c’è il tempo (e il denaro) per pensare a un altro profilo di allenatore, scrive Francesca Ferrazza su La Repubblica.

Solamente con l’appoggio dei vertici societari il tecnico potrà essere credibile agli occhi di uno spogliatoio che qualche mugugno l’ha fatto trapelare e con il quale — Dzeko su tutti — Fonseca dovrà riaprire un dialogo, trovando delle basi di intesa sulle quali ripartire per la prossima stagione

Coronavirus – AS Roma: calciatori della Primavera negativi. Oggi la ripresa degli allenamenti

Dopo il comunicato dell’AS Roma dello scorso 18 agosto, che annunciava la positività al Covid-19 da parte di due calciatori della Primavera, oggi i ragazzi di Alberto De Rossi torneranno ad allenarsi all’interno di Trigoria. I calciatori sono stati sottoposti, infatti, a due cicli di tamponi che hanno dato esito negativo.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Proseguirà, dunque, regolarmente all’interno del Centro Sportivo Fulvio Bernardini il lavoro dei giovani dell’AS Roma. Il club, nella nota medica rilasciata nei giorni scorsi, aveva specificato che i due ragazzi risultati positivi erano asintomatici.

Da Milik a Under, Roma canta Napoli

C’è un filo sottile con il quale si stanno riannodando i rapporti, troppo spesso sfilacciati in questi ultimi anni, tra Roma e Napoli. A svelarlo ci ha pensato Aurelio De Laurentiis, unico presidente in serie A, a regalare un caloroso benvenuto a Friedkin dopo il closing. Un invito esplicito al magnate texano di «cambiare insieme il sistema calcio». Un’alleanza che – al di là degli incroci cinefili che i due patron possono aver avuto negli Usa – è ancora da costruire e che dovrà passare inevitabilmente da strategie comuni in Lega. Tuttavia un primo step potrebbe arrivare dal mercato. 
TANTO DA LIMARESono settimane che gli incroci tra Roma e Napoli caratterizzano l’A1 del Sole. I due club – al netto degli attriti sui protocolli sanitari che porteranno nel mese di settembre a due filoni distinti che vedranno da un lato Fienga, il dottor Manara e il club giallorosso rispondere del deferimento ricevuto per la mancata osservanza delle norme Covid e dall’altro alcuni tesserati del Napoli doversi difendere del contro esposto romanista per atteggiamenti tenuti quella sera al San Paolo – hanno ricominciato a parlarsi. Il mercato fa miracoli soprattutto quando convergono gli interessi. E se Gattuso vorrebbe sia Under che Veretout, a Trigoria si guarda al futuro di Milik (legato a doppio filo al destino di Dzeko), promessosi sposo alla Juventus che tuttavia De Laurentiis non lascerà partire per meno di 40 milioni. (…) S. Carina

Florenzi, Karsdorp, Olsen e Antonucci: c’è un tesoretto

Di ritorno dai prestiti, il quartetto si sta allenando. Il club conta di ricavare circa 25 milioni dalla loro cessione

Sono gli unici che si stanno allenando in questi giorni a Trigoria. Ma con ogni probabilità la loro esperienza al Bernardini è destinata a durare ancora poco. Nel centro sportivo giallorosso ci sono quei giocatori rientrati dai prestiti che la Roma vuole cedere, scrive Chiara Zucchelli su La Gazzetta dello Sport. Per due di loro è scontato, e cioè Olsen e Antonucci, mentre la situazione di Florenzi e Karsdorp è per certi versi paradossale.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

L’ex capitano sta dimostrando grande professionalità. Si sta allenando, come gli altri, con Luca Franceschi, preparatore alla Roma dai tempi del primo Spalletti, pur sapendo che andrà via. Per la Roma vale almeno dodici milioni (tutti di plusvalenza) e la sua cessione porterebbe ad un risparmio d’ingaggio da almeno 3 milioni a stagione. L’altro terzino, Karsdorp, ha chiaramente detto di volere la possibilità di restare, ma appare fuori dai giochi. La Roma tre anni fa ha speso 14 milioni per lui, è a bilancio per meno della metà, l’idea é di cederlo a titolo definitivo e non più in prestito. Anche Olsen tornerebbe più che volentieri a Roma. Anche in questo caso, però, sembra solo una suggestione senza niente di concreto.

Non solo Smalling: con Maksimovic è pronto un bunker

Il serbo può arrivare grazie agli scambi col Napoli. Fazio e Jesus in partenza

Roma e Napoli hanno una strategia comune che potrebbe portarle a fare affari insieme. Oltre all’intrigo Dzeko-Milik, c’è Veretout che i partenopei vorrebbero ma che per Fonseca è incedibile. Poi c’è Under, che i giallorossi vorrebbero inserire nelle trattative, anche se Gattuso preferisce altri esterni. Come riporta Massimo Cecchini su La Gazzetta dello Sport, il giro potrebbe essere ancora più ampio. Maksimovic è un altro elemento che il Napoli potrebbe cedere e che alla Roma farebbe comodo, sia per aumentare il giro di plusvalenze, che per l’idea della difesa a tre dalla quale potrebbe ripartire Fonseca.

Ciao, ti sto invitando perché penso ti possa interessare diventare sostenitore di questa pagina facebook   fai cli sul link    

https://www.facebook.com/Virtual-Store-2028951200457781/?view_public_for=2028951200457781

L’idea di riportare Smalling a Trigoria non è comunque stata accantonata. A dire il vero, dopo il viaggio di Fienga a Londra, l’operazione potrebbe addirittura essere vicina all’esito positivo. Il difensore si può trasferire con un prestito oneroso e obbligo di riscatto, per una cifra totale non lontana dai 15 milioni. Per chiudere entrambe le operazioni servono gli addii di alcuni esuberi. Jesus è tiepido sull’operazione Cagliari, mentre Fazio piace al Villarreal.

Mercato Roma – Incontro Roma-Lipsia per Schick

Nonostante le dichiarazioni degli ultimi giorni da parte dei dirigenti del Lipsia, la trattativa per trattenere nella rosa allenata da Nagelsmann Patrik Schick non sembra essere tramontata. Il portale isport.cz, infatti, riporta che l’AS Roma e il club tedesco si incontreranno presto per decidere le sorti del calciatore che in questa stagione, in Bundesliga, ha realizzato 10 reti.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Sulla situazione riguardante il suo assistito è intervenuto anche Pavel Paska: “Le trattative con la nuova proprietà ora ripartono da zero. Sono curioso di sapere se vorranno vendere Patrik e a quale prezzo, o se lo vorranno tenere – ha dichiarato l’agente dell’attaccante -. Il viaggio a Roma dimostra un grande interesse da parte del Lipsia”. 

Roma, Dzeko in bilico nel vertice di Londra

Incontro tra Fienga e Friedkin junior nella City: sul tavolo i conti del club, l’Opa, il delisting e il futuro del centravanti

La nuova Roma nasce a Londra. Ieri è andato in scena il primo incontro tra Ryan Friedkin e Guido Fienga. Più che di mercato, le parti si sono aggiornate sui primi passi compiuti dalla società e quelli imminenti da effettuare: 1) Invio documentazione alla Covisoc con conseguente iscrizione al nuovo campionato 2) Piano dettagliato sull’aumento di capitale da completare entro la fine di dicembre da recapitare alla Consob 3) L’Opa da lanciare 4) L’eventuale delisting (che dipenderà dall’esito dell’Opa) 5) La prima convocazione dell’assemblea dei soci, fissata il 29 settembre in prima convocazione o il 30, in seconda, nella quale saranno discussi e deliberati il numero dei componenti del Cda, il loro compenso annuale, oltre alla durata, la nomina e la determinazione dell’organo collegiale, scrive Carina su Il Messaggero.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

La costruzione della squadra è in mano a Fienga. Che ha le idee chiare. Alla Roma servono diversi ruoli chiave, al netto di possibili cessioni che potrebbero cambiare in corsa i piani. Se per l’estremo difensore in pole c’è Sirigu, il colpo dovrebbe arrivare in avanti. Edin è padrone del suo destino. Sa che a Trigoria non si faranno le barricate per trattenerlo ma allo stesso nessuno lo spinge ad andarsene. È più lui che ci sta pensando, curioso di capire chi tra Inter, Juventus e Atletico Madrid farà la prima mossa. Tre piazze gradite, tre squadre che potrebbero garantirgli di vincere subito per chiudere al meglio la carriera. Se a Milano c’è Conte che preme per averlo, a Torino il bosniaco è un pallino di Paratici. Edin alla Juventus è l’opzione preferita di Fienga: Milik infatti resterebbe bloccato a Napoli e dovrebbe iniziare a valutare altre opzioni che non siano quella bianconera. A quel punto potrebbe iniziare la trattativa con De Laurentiis, inserendo Under che rimane tuttavia l’opzione di scorta degli azzurri qualora non arrivassero a Boga.

Roma, scambio col Napoli: Under (e soldi) per Milik

I giallorossi possono versare 15 milioni, oltre al cartellino del turco. Ma c’è da convincere l’attaccante

Per risolvere lo stallo di mercato che si è creato tra Roma e Napoli, scendono in campo i pezzi grossi. Cengiz Under è uno degli obiettivi dichiarati del d.s. partenopeo Giuntoli, che deve rimpiazzare il partente Callejon, mentre la Roma, in caso di partenza di Edin Dzeko, ha individuato in Arkadiusz Milik il sostituto ideale del bosniaco. Per questo negli ultimi giorni ha preso piede l’ipotesi di uno scambio tra l’esterno turco e l’attaccante polacco, con conguaglio in favore del Napoli di una quindicina di milioni, scrive Piacentini su Il Corriere della Sera.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Una soluzione, questa, a cui si sarebbe arrivati dopo una serie di contatti tra Aurelio De Laurentiis e Guido Fienga. Alla bozza di accordo tra i due numeri uno, però, bisognerà dare seguito convincendo i calciatori. Non tanto Under, che ormai da parecchi mesi ha capito che il suo futuro non sarà più in giallorosso, quanto Milik, che si era promesso alla Juventus. L’addio di Sarri in favore di Pirlo, però, potrebbe cambiare il futuro, non solo suo ma anche quello di Edin Dzeko. La Roma vuole tenere il suo capitano, ma se arrivasse un’offerta ritenuta congrua (e la Juventus è interessata), e se Dzeko manifestasse l’intenzione di andare via, i giallorossi vogliono farsi trovare pronti. E Milik rappresenta il perfetto piano B, considerando anche la differenza di età (34 il bosniaco e 26 il polacco) e di ingaggio.

Sorriso Pedro, già in campo a inizio ottobre

Lo spagnolo può abbreviare i tempi di recupero dall’infortunio alla spalla

Non è ancora ufficialmente un giocatore della Roma, ma il club giallorosso e lo staff medico stanno già lavorando per rimettere Pedro in campo il prima possibile.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Lo spagnolo è il colpo d’esperienza che può alzare il livello dell’attacco di Fonseca. La buona notizia è che il portoghese potrà averlo a disposizione i primi giorni di ottobre, riporta La Gazzetta dello Sport. Il controllo alla spalla ha evidenziato che l’operazione fatta dopo l’infortunio ha interessato la zona acromion-clavicolare, e non la lussazione. Questo permetterà di accorciare i tempi di recupero. Sul tabellino di marcia adesso è prevista fisioterapia per circa 10 giorni e poi le visite mediche ufficiali che daranno il via libera al tesseramento.

Roma, ufficiale l’arrivo di Feratovic. In Slovenia viene accostato a Bonucci

Il giovane difensore classe 2002 ha firmato per quattro anni

Giovane acquisto per la difesa della Roma. È ufficiale infatti l’arrivo di Amir Feratovic, centrale mancino classe 2002 sloveno che arriva dall’NK Bravo. È già stato a Trigoria per la firma sul contratto quadriennale che lo legherà ai giallorossi. Si unirà alla Primavera ma se dimostrerà le doti che hanno intravisto De Sanctis e lo staff di scouting guidato dal neo arrivato Lo Schiavo, potrà affacciarsi in prima squadra. In Slovenia viene accostato a Bonucci per la capacità di far ripartire l’azione.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

“Oggi è un giorno che Amir ricorderà per il resto della sua vita, visto che ha firmato un contratto di 4 anni con un grande club italiano. In qualità di direttore sportivo – le parole di Dejan Močnik – sono orgoglioso di tutto lo staff che ha avuto un impatto sulla crescita di Amir e che ha partecipato ai suoi progressi. Ancora una volta è stato dimostrato che nel nostro club siamo in grado di far crescere giocatori al livello tale da interessare i grandi club stranieri”. 

Addio Olsen e Lopez, in pole Sirigu. Milik prima scelta se Dzeko parte

Sarà rivoluzione anche tra i portieri. Il Napoli offre il centravanti per arrivare a Under

Uno dei primi obiettivi di mercato della Roma, scrive Stefano Carina su Il Messaggero, sarà quello di regalare a Fonseca un nuovo portiere.

PROMOZIONI

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con   prezzi “ superscontatI “
Questo link vi porterà in un canale con articoli a prezzi ridottissimi  https://virtualstore.letsell.com/home/index.php?main_page=promo_product_list&lssessid=hg21rlblkq15bslcc68pqhv1e7

Sirigu è la prima scelta della Roma, al quale ieri è stato accostato anche Andrada (Boca). Non è un caso che al Torino piaccia proprio l’argentino: ipotizzare una triangolazione con Sirigu nella Capitale e Andrada a Torino (che segue anche Sepe) non è fantacalcio.

VIRTUALSTORE E-COMMERCE
Sei alla ricerca di un marchio importante con  prezzi “ superscontatI “
digita sul link e inizia il
tour inserendo il codice ABCD10% con un acquisto minimo di € 40,00 avrai un ulteriore sconto del 10%
https://virtualstore.letsell.com/home/

Tuttavia prima di chiudere per il granata, va trovata una sistemazione a Pau Lopez e Olsen. Lo spagnolo preferirebbe tornare a giocare nella Liga. Sul suo conto si è informato il Valencia che tuttavia naviga in pessime acque finanziarie. La formula proposta è quella del prestito che a Trigoria sono consapevoli di dover prima o poi accettare. Difficile immaginare infatti un club disposto a mettere sul piatto una somma superiore ai 20,6 milioni, la cifra che il portiere pesa ancora a bilancio. Olsen, invece, attende di conoscere il suo destino tra il Celtic, il Bayer Leverkusen e il Cagliari. Squadra sarda che aspetta ancora il sì di Juan Jesus. Poi si cercherà una sistemazione a Fazio (Villarreal) e a Perotti (in Turchia o in Russia).

Mercato che non potrà trascurare il capitolo plusvalenze. E sono due, al momento, i club con i quali la Roma sta ragionando: il Napoli e la Juventus. Con gli azzurri si parla da tempo di Under. Trenta milioni la richiesta giallorossa, ritenuta eccessiva. Fienga guarda sempre con interesse a cosa accadrà con Milik (che s’è promesso alla Juventus) ed è in una posizione d’attesa su Maksimovic. Il difensore è un fedelissimo di Gattuso ma ha il contratto in scadenza nel 2021. La richiesta di 2,8 milioni ha indispettito il Napoli che ora non lo ritiene più incedibile. Quello che per la Roma è Veretout. O meglio: a 22 milioni, il francese (richiesto proprio dagli azzurri) non parte. Per far cambiare idea al club, servirebbe una proposta simile alla richiesta del Napoli per Allan (40).

Molto meno invece per convincere Trigoria a privarsi di Dzeko. L’ingaggio di Edin (7,5), l’ago del bilancio. In quest’ottica i discorsi con Inter e Juve (interessata anche a Florenzi che piace anche all’Everton) sono aperti.